Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Tutti i pesi che una madre profuga può portare

DONNA, GIAVA, LEGNA
Shutterstock
Condividi

A Giava come nel resto del mondo, quando la violenza sparge morte e distruzione mamme anche gracilissime mantengono intatta la virtù della fortezza

di Padre Ferdinando Severi (missionario in Indonesia dal 1968)

Un inferno di violenza inaudita

“Ci uccidono… ci bruciano le case.. Che male abbiamo fatto noi, che ogni giorno non facciamo altro che lavorare la nostra terra là sulle colline?”. E’ il lamento straziante di una mamma originaria della superpopolata isola di Giava, che da anni, con altre migliaia di coloni, è emigrata qui in Aceh. E’ accampata di fronte all’edificio del consiglio comunale di Takengon, la capitale dell’Aceh. Ai giornalisti cerca di raccontare la sua sciagura: “Sotto i miei occhi … mio figlio… “. Qui la sua voce si spegne in un pianto straziante. Suo figlio di 12 anni è stato preso a calci e poi gli hanno strappato un occhio!

Dall’inizio del mese di giugno, bande di uomini armati sistematicamente assaltano i villaggi degli immigrati giavanesi e mettono a ferro e fuoco tutto. Dal 6 al 12 giugno sono stati già trovati 62 cadaveri. Alle vittime viene sparato e poi tagliato il collo. Molti cadaveri si pensa siano ancora sparsi in foresta. Inoltre dal 6 al 16 giugno sono state date al fuoco 800 case. Oltre 10 mila i profughi già accampati lungo le strade di grande comunicazione. Molti si pensa siano in viaggio attraverso la foresta verso zone più tranquille, portando sulle spalle i bimbi e un po’ di masserizie…
Chi sono questi uomini violenti che terrorizzano l’altipiano della tribù dei Gaio? Certamente sono bande dell’esercito regolare o dei guerriglieri, che lottano per l’indipendenza della provincia di Aceh.

UOMO, CONDANNA, MORTE
Shutterstock

Ma la gente preferisce mantenersi neutrale, accusando di questi crimini “persone sconosciute” (Orang tak dikenal). OTK è l’esecutore di tutti i misfatti di ogni giorno qui in Aceh. Tutta questa provincia è avvolta nelle tenebre della morte. In città o nei villaggi di campagna ogni giorno ci sono scontri armati e morti.
Nella stessa capitale della provincia, Banda Aceh, il 18 giugno l’ospedale civile ricevette almeno 9 cadaveri, raccolti nei dintorni della città. A dispetto di tutto questo, il comandante militare, responsabile della sicurezza della zona, afferma che l’ordine comincia a regnare e la situazione è sotto controllo!
Gli immigrati giavanesi rappresentano in qualche modo il Governo centrale, “coloniale” di Giacarta, dicono i libelli. Solo per questo gli immigrati da Giava, bravi, diligenti e molto gentili, stanno vivendo un doloroso calvario. Chi non ha soldi per rientrare a Giava affolla i campi profughi in attesa di aiuto. Il Governo stesso, che li ha trasferiti qui per alleggerire il superpopolamento nell’isola di Giava, dovrebbe darsi da fare per trasferirli in altra provincia o riportarli a Giava.

In viaggio

Domenica 17 giugno mi metto in viaggio verso uno di questi campi profughi giavanesi, presso Meulaboh, a 260 km dalla casa parrocchiale di Banda Aceh. Il viaggio in macchina non può essere spedito: ogni 5 km, di fronte ai posti di polizia o militari ci sono ostacoli vari; devi rallentare, a volte fermarti. I militari sono abbastanza gentili con me: “Stasera, Padre, lei per chi tiene, per Roma o per Parma?”. “Certo per Roma, almeno 2 a 0”, rispondo. Ogni domenica, la TV indonesiana trasmette in diretta partite del Campionato Italiano.
Presso la città di Teunom , ai bordi della strada, vedo due grandi sacchi bianchi gonfi di merce. Una signora, sui 35 anni, sta in piedi lì vicino, in attesa dell’autobus. Presso i due sacchi siede sull’erba un vecchio, forse il papà della signora. Sembra paralizzato; accanto a lui siedono pure due ragazzini. Indovino che è una famiglia giavanese appena scesa dalle colline circostanti. “Signora, come sta? E’ in difficoltà?”.

“No,no! Sono 10 anni che non vedo i parenti, ho nostalgia di loro e vado a Giava a trovarli”. Basta poco per capire il dramma intimo di questa donna. In un momento così difficile il marito non appare. Forse è già diventato vittima degli OTK. Mi colpisce profondamente la fortezza e l’equilibrio di questa mamma. Da sola a cavarsela in una simile sventura, in un paese che le è ora tutto ostile, dove non può fidarsi di nessuno.

PROFUGHI, INDONESIA, DONNE
Shutterstock

Da sola a portare in salvo i suoi ragazzi ed il papà completamente inabile. Riesce anche a negarsi lo sfogo del pianto per non tradire se stessa. Do qualche migliaia di rupie ai ragazzi: “per comprarvi qualche bevanda durante il lungo viaggio verso Giava”. Poi mi ritiro verso la mia jeep, tutto preso da un sacro rispetto per questa donna.
Seduto nella jeep, ancora mi soffermo a guardare: arriva l’autobus per Medan. Lei stessa aiuta a mettere le sue masserizie sull’autobus. Per mano accompagna il papà a salire sull’autobus. Infine salgono i ragazzini.

La fortezza delle mamme

Spontaneamente il mio pensiero corre alla mia povera mamma. Gracile fisicamente come quella mamma giavanese, ma anche simile a lei nella fortezza, al tempo di un altro conflitto, quello mondiale, nel 1943, quando suo marito fu ucciso dagli OTK di quel tempo. Rimase sola a curare la sepoltura del marito: nessuno voleva compromettersi aiutando i fascisti, anche se morti. Rimase sola a curare noi, otto fratelli ancor piccoli. Non si abbandonò alla disperazione, preferì assumersi la sua missione di mamma, con l’aiuto del buon Dio. Il ricordo mi commuove fino alle lacrime.
A Meulaboh, a sera celebro la S. Messa coi pochi cattolici di quella città. Una Santa Messa tanto attesa da quei fedeli, ma ancor più dalle anime delle tante vittime della violenza di ogni giorno in questa provincia.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.