Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Aleteia

Lino Banfi non si rassegna alla malattia della moglie. Un amore vero da 66 anni

LINO BANFI
Lino Banfi | Facebook
Condividi

Si sposa con Lucia Zagaria nel 1962, dopo 10 anni di fidanzamento. E ora che sono entrambi anziani doveva venire il bello: avrebbero dovuto godersi la vita insieme.

Se Checco Zalone lo ha voluto nel suo ultimo film, Quo vado – comico, arguto e pieno di speranza- è perché probabilmente era certo che per tutti fosse un riferimento noto e amato (e soprattutto pugliese). Lui è Lino Banfi e i suoi film, volenti o nolenti, li abbiamo visti tutti, noi che abbiamo almeno quarantanni intendo; se non per intero perlomeno riproposti in sketch, ed ora traslati in chissà quanti brevi video su YouTube, qualcuno forse ridotto a GIF. Tutti ci ricordiamo la sua parlata, la pelata, la risata. Negli ultimi decenni è anche entrato nell’immaginario di una consistente quota di pubblico italiano come nonno di alcune serie Rai come Angelo il Custode. Anzi nella recente intervista dichiara che molti attendono l’undicesima stagione della più famosa Un medico in famiglia dove per tutti era Nonno Libero, il nonno d’Italia, come gli disse Benedetto XVI. Ma la Rai non risponde.

L’intervista nella quale si racconta è quella concessa a Il Messaggero.  Banfi confida, insieme ai ricordi dei successi e alle tante gioie, la rabbia e il dolore per una cosa che ancora non riesce, forse non vuole proprio accettare.

Al centro c’è lei, la moglie Lucia. Il loro un copione che qualche decennio fa poteva essere quello di tante vite; ora è diventato un cult che in tanti vorrebbero girare nella propria ma che l’industria dei sentimenti intercambiabili sta rendendo sempre più arduo: i due giovani si innamorano, vogliono sposarsi ma la famiglia di lei si oppone. Celebreranno infatti le nozze in segreto, nel 1962 e resteranno legati da un amore intenso ed indissolubile per tutta la vita.

Proprio ora che avrebbero dovuto godersi la vita insieme arriva la malattia di lei. Lo dice con sincero disappunto, con dolore profondo anche. Non è giusto! E non sente, non riconosce, la tragica normalità di questa evenienza: più si invecchia più aumenta la possibilità di ammalarsi e più certa e vicina si fa l’ipotesi della morte.
Verrebbe la tentazione di andare a ricordargli queste cose, a farlo ragionare. Perché, come lui stesso riferisce al Messaggero, ha una rabbia tale che arriva a farsi del male. Certo, a colpi di gorgonzola, mascarpone e champagne e non come un Samurai pronto all’estremo harakiri.

Mangio porcherie, cose che mi fanno male: a volte lo faccio perché non so che fare della rabbia. Prima di venire al mio compleanno, ho mangiato gorgonzola, mascarpone e bevuto champagne: una cosa da mille calorie a cucchiaino. L’ho fatto apposta per farmi del male. (Ibidem)

Eppure ha ragione. Non è giusto ammalarsi, perdersi, vedere soffrire chi si ama come la propria carne, per arrivare a darla vinta a lei, la grande Ingiusta, la morte!

Mia moglie, a volte, mi chiede come farò quando lei non sarà più in grado di riconoscermi. E io, per tranquillizzarla, le rispondo che ci ripresenteremo un’altra volta. (Ibidem)

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni