Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Grido di aiuto dalla Valle dei Cristiani in piena guerra siriana

Condividi

La situazione è sempre uguale o è addirittura peggiorata, spiegano i medici dell'ospedale che accoglie feriti di varie zone

Elias accompagna una delegazione della fondazione pontificia Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACS) a visitare alcuni dei malati ricoverati nell’Ospedale Mzeina che possono essere assistiti grazie al sostegno finanziario del Centro di Aiuto San Pietro con l’aiuto di ACS.

“Grazie per essere venuto a trovarci, Elias, e grazie anche ai vostri benefattori”, commenta Najwa Arabi, una madre di famiglia di mezza età che è stata appena operata allo stomaco. “Sappiamo che ci sono persone in molti Paesi del mondo che ci aiutano. Tutti i giorni preghiamo per loro e rendiamo grazie a Dio”.

Nella stanza accanto c’è Maryam Hourani, madre di Janadios, un bambino di poco più di un anno che si sta riprendendo dalla bronchiolite: “Era molto malato, quando l’abbiamo portato in ospedale riusciva a malapena a respirare. Abbiamo avvisato Elias, e lui ci ha assicurato che il Centro di Aiuto San Pietro poteva farsi carico delle spese di ricovero. Posso dire solo una cosa: Grazie”.

Ugualmente grata si mostra una ragazza, Shasha Khoury, che si sta riprendendo da un’operazione in cui le è stato asportato un tumore al seno. “Sono incinta di cinque mesi. È un maschietto e si chiamerà Fayez, che significa ‘vincitore’”, sorride.

Il dottor Abboud, che è otorinolaringoiatra, spiega che alcune delle operazioni che vengono effettuate sono gratuite e c’è un programma speciale per bambini e giovani con problemi uditivi. “Molti casi sono provocati dalle conseguenze delle bombe e delle esplosioni della guerra”.

La difficoltà principali, sostiene, sono la mancanza di infrastrutture, ottenere nuove équipes mediche con cui operare meglio e i continui tagli della luce, “anche se in quest’ultimo anno abbiamo ottenuto delle medicine che fino a poco tempo fa era impossibile trovare in Siria”.

Alla fine della visita in ospedale, Elias e Toni si congedano con un forte abbraccio. Sono entrambi corpulenti e sembrano fratelli. “Quando compare qualche caso difficile in ospedale, di una persona che non ha risorse, cerchiamo sempre di aiutare facendo uno sconto e ritardando il pagamento. Quando si verificano questi casi chiamiamo il Centro di Aiuto San Pietro e sappiamo che lì Elias o padre Walid, il parroco della chiesa di San Pietro, rispondono sempre alle nostre richieste”, afferma Toni.

La presenza della Chiesa e il suo lavoro a favore degli sfollati della guerra e delle persone senza risorse sta letteralmente salvando molte vite.

La fondazione pontificia Aiuto alla Chiesa che Soffre sostiene mensilmente con circa 50.000 euro il Centro di Aiuto San Pietro di Marmarita. Buona parte di quella cifra viene destinata al pagamento dei medicinali e all’assistenza sanitaria di oltre 4.000 persone. “Continuiamo ad aver bisogno del vostro aiuto. Siete la speranza di tutte queste persone e un grande esempio per la nostra società”, ha detto congedandosi il dottor Abboud.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.