Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 23 Luglio |
Santa Brigida di Svezia
home iconvaticano notizie
line break icon

Iraq, Sako: aiutateci a sminare la Piana di Ninive

Vatican Insider - pubblicato il 14/09/16

In questi giorni i media evocano i preparativi per la battaglia di Mosul, e ancora una volta, si comincia a prefigurare la necessità di avviare un «grande progetto umanitario» per far rinascere la città e l’intera regione, dopo l’annunciata sconfitta dei jihadisti dello Stato islamico. Ma «prima di tornare a far rivivere le nostre amate città della Piana di Ninive», occorrerà superare ancora l’ostacolo rappresentato da un nemico feroce, nascosto sotto il terreno e talvolta anche in oggetti di uso quotidiano. 

«Perché i jihadisti del Daesh, anche quando si ritirano, continuano a seminare morte con le mine e gli ordigni esplosivi» che disseminano nei campi e nelle città prima di fuggire. È questo l’allarme lanciato dal patriarca caldeo di Baghdad Louis Raphael I Sako in un appello diffuso ieri, e riportato oggi dall’agenzia vaticana Fides. La possibile rinascita civile delle aree sottratte ai jihadisti – si legge nell’appello – inizia dallo sminamento. 

Il primate della Chiesa caldea confida di aver chiesto già a luglio a Fraternitè en Irak – organizzazione francese impegnata nel sostegno alle minoranze religiose irachene – di farsi carico dello sminamento dei primi due villaggi della Piana di Ninive che erano stati liberati. La stessa organizzazione si è già impegnata per l’opera di bonifica di altri quatto villaggi, che prima di cadere in mano al sedicente Califfato erano abitati in maggioranza da cristiani e curdi kakai (comunità religiosa che pratica un culto sincretistico). Solo uno sminamento realizzato da esperti e società competenti potrà davvero porre fine all’esilio dei rifugiati che vogliono tornare alle proprie case. 

«È più piacevole costruire scuole o cliniche», riconosce il patriarca, «ma nulla potrà essere ricostruito, se prima non viene realizzata la bonifica». 

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
MEDJUGORJE
Gelsomino Del Guercio
L’inviato del Papa: l’applauso dopo l’Adorazion...
3
Theresa Aleteia Noble
I consigli di 10 sacerdoti per una confessione migliore
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
José Miguel Carrera
La lettera di un giovane ex-protestante convertitosi al cattolice...
6
Carmen Hernández
Miguel Cuartero Samperi
Carmen Hernández: a cinque anni dalla morte un passo verso gli al...
7
FUNERAL
Arcidiocesi di San Paolo
Chi chiede una Messa per un defunto è obbligato a parteciparvi?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni