Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Già un secolo fa Chesterton si batté per salvare tutti gli Alfie che sarebbero nati

THOMAS EVANS WEB3 - THOMAS EVANS ALFIE G. K. CHESTERTON
Condividi

Era l’inizio del ‘900 quando GKC gridò all’Inghilterra: «Siamo già sotto lo Stato eugenista, e a noi non resta che la ribellione»

L’unico modo per attuare questo bieco controllo sulla merce umana sfruttabile è che uno strumento coercitivo come lo Stato s’infili nelle camere da letto delle famiglie comuni pilotando la loro riproduzione. Si avvera così ciò che GKC immaginò e noi vediamo all’Alder Hey Hospital:

È un sistema che potrebbe essere simboleggiato dalla presenza accanto al letto della centrale di polizia. La coercizione, almeno per quello che riguarda le classi più povere, si è già avvicinata al controllo diretto dei rapporti tra i sessi. (EaM)

Qual è l’antidoto contro l’eugenetica? A cosa ci possiamo affidare? La famiglia

Concludiamo la vista su questo panorama desolato, con lo squarcio di un’ipotesi positiva, presente. Ha due nomi e due cognomi: Thomas Evans e Kate James. La storia inglese è piena di Thomas (Beckett, More) che hanno creato scompiglio nelle camere del potere. Vediamo un padre e una madre, semplici, umili, mansueti, battersi come leoni per il loro bambino.
È davvero tutta qui la nostra speranza. La famiglia è quel seme che porterà sempre disordine e rivolta nelle stanze del palazzo dove si mette per iscritto l’agenda di una cultura di morte. Immagino queste parole di Chesterton come un abbraccio pieno di riverenza e stupore nei confronti della famiglia di Alfie:

Nelle profondità del nostro insondabile passato troviamo il presupposto che la fondazione di una famiglia è l’avventura personale di un uomo libero. […] La legge, il credo e la consuetudine si sono sempre concentrati sul fine di conservare e consolidare la famiglia una volta costituita. L’atto di fondare la famiglia, ripeto, era un’avventura individuale al di fuori delle frontiere dello Stato. I nostri antenati lasciarono dietro di sé questa tradizione; e i nostri stessi genitori ci avrebbero presi per pazzi nel vederci discuterla. La definizione più concisa dell’eugenetica, al suo stato pratico, è che essa si propone di controllare talune famiglie come fossero famiglie di schiavi.

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.