Aleteia logoAleteia logoAleteia
sabato 03 Dicembre |
San Francesco Saverio
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

Cosa sei chiamato a fare oggi? Guida pratica per sperimentare la Provvidenza

BIMBO, NUOTARE, MANO

Shutterstock

5pani e 2pesci - pubblicato il 18/04/18

Se Dio mi è vicino, allora di cosa dovrò temere? Così da adulti ci si allena a mantenere lo sguardo bambino che si meraviglia della tenerezza presente di un Padre

di Alescanca

Sembra che tutti ne parlino, ma pochi sappiano cosa sia o l’abbiano veramente sperimentata fino in fondo. Allora senza nessuna presunzione di esaurire l’argomento, ecco quello che ho capito sulla mia pelle in tanti anni di affidamento alla Provvidenza divina e alla sua bontà. In due parole? Un viaggio meraviglioso!

Stamattina non vi volevo annoiare ma, mentre preparavo le merende dei bambini da portare a scuola dopo aver dormito dodici ore (non mi succedeva da quando avevo cinque anni!!!), ho pensato che tutto quello che avevo intorno, compresa la cucina sporca abbandonata della cena di ieri sera, era provvidenza. Questo non perché un giorno, a forza di preghiere e autoconvincimenti che Dio provvederà, tutto mi è cascato dal cielo, ma perché avevo davanti Francesco, frutto di un cammino forte e stravolgente di provvidenza; poi c’era Chiara, frutto di una grandissima provvidenza; e poi Maria e Samuele e non ne parliamo; poi il fatto di vivere in Basilicata (e chi l’avrebbe mai immaginato!) dopo tutti quegli anni in giro per l’Europa (e chi lo avrebbe mai immaginato!); e poi 5pani2pesci (e su questo non ho parole…) e poi tutto il resto. Insomma una vita sulla barca della provvidenza!

Volevo iniziare questo post scrivendo un esempio della mia vita in cui ho sperimentato la provvidenza, ma è impossibile sceglierne uno… ho l’impressione che tutto il cammino che sto facendo è una continua e costante provvidenza. Allora, siccome la faccenda è piuttosto lunga, ecco un piccolo indice per navigare questo post!

Se Dio esistesse davvero

Spesso mi capita di sentir parlare di provvidenza come l’evento magico che si manifesterà nel caso in cui davvero Dio è quello che dicono i preti. È quella cosa che, se davvero Dio esiste e mi vuole bene, allora succederà. È chiaro che di sicuro ci sarà una delusione, è garantito! Per me la provvidenza è esercizio quotidiano della fede che Dio mi ha donato. È il talento che il padrone prima di partire per il suo lungo viaggio mi ha consegnato perché portasse frutto. È un percorso pieno di passaggi e responsabilità non ovvie che scavano nella mia vita e nella mia personalissima relazione con Dio per farmi diventare prima donna e poi santa… cioè felice da Dio!




Leggi anche:
Emanuela e Marcello: 9 sotto un tetto… d’amore e Provvidenza

E qui mi potresti dire: “Ma no Ale! Che visione particolare che hai… la Provvidenza sono le polpette che cadono dal cielo, no?” Che delusione il silenzio di Dio! Che amarezza aspettare che le cose cambino ed invece vedere che tutto va per il verso sbagliato, che i miei progetti mai si realizzano. Gesù quando parla della Provvidenza, dice:

Cercate prima il regno di Dio e la sua giustizia, e tutte queste cose vi saranno date in aggiunta. (Mt 6, 33)

Questo lo dice, subito dopo aver elogiato i gigli del campo e spiega la dinamica fondamentale della Provvidenza: cercate prima il regno di Dio. Cioè prima —prima della pagnotta, prima delle cose buone e belle, prima di quello che desidero— prima di tutto, cerca il regno di Dio, e tutto il resto ne sarà una conseguenza. Il regno di Dio, cioè la Sua Volontà su di te, la massima bellezza e la Sua Giustizia (per me la giustizia più grande è riuscire ad accettare il Suo Amore gratuito) questa è la strada che spalanca la Provvidenza, allora farò esperienza della paternità di Dio e non mi mancherà più nulla.
In altre parole Provvidenza vuol dire: costringere Dio a prendersi cura di te, mentre tu ti occupi delle cose del Padre tuo.

Quante volte abbiamo sperimentato questa dinamica di Dio, folle per noi! La radice fondamentale per vivere questa esperienza è pensare bene di Dio, di un Dio che si prende cura di te e che ha preparato per te qualcosa di bello e buono per la tua vita anche quando la situazione esterna è folle e precaria.Quante volte ci siamo trovati nella precarietà ed abbiamo guardato in alto… quante volte non abbiamo ricevuto le risposte che cercavamo!!! Per poi rendersi conto (anche ad anni di distanza) che la Provvidenza più grande per noi in quella situazione era stata proprio partire (e non rimanere come pensavamo noi), che era stata stringere la cinghia, che era stata privarsi di quel desiderio ecc. ecc. e la lista continua. Ma oggi dico, benedetti ostacoli!! Mi hanno forgiato come donna e come madre, mi hanno dato uno “sguardo oltre”, hanno allenato la mia pazienza, hanno rafforzato la mia fede affinché potessi sempre meglio fare la volontà del Padre mio e così vivere a pieno la mia vocazione!

La Provvidenza è molto di più

All’inizio pensavo che la Provvidenza fosse trovare d’improvviso soluzione ad una necessità per la quale non si trovava via d’uscita. E tante volte mi è accaduto: una volta mentre cercavo disperatamente di darmi da fare per racimolare settanta euro per pagarmi il viaggio per Assisi, ho trovato accidentalmente dei soldi in una vecchia giacca che non mettevo da tempo. Un’altra volta, ero in una situazione simile, e qualcuno mi ha offerto di lavorare per qualche giorno in campagna. Insomma proprio nel momento del bisogno, in cui avevo fatto di tutto e non c’era proprio speranza di far altro, arriva un’opportunità o un regalo. Questa idea però è estremamente limitata, perché legata ad una semplice necessità economica.
La vita è più complessa e la Provvidenza molto più grande.




Leggi anche:
C’era una volta la Provvidenza

Camminando camminando, ci siamo trovati più volte davanti al nostro personalissimo Mar Rosso… davanti a noi una distesa d’acqua immensa, dietro l’esercito egiziano imbufalito. Mai capitato di sentirsi così? In queste situazioni fai fatica a credere perché è talmente impossibile che la speranza ti abbandona.
La nostra esperienza è che quando abbiamo cercato con determinazione e sincerità la Sua Volontà su di noi, una strada si è sempre aperta per rispondere alla Sua chiamata.
È successo così quando decidemmo di sposarci.
Giovani precari senza certezze si sposano! Cioè, le certezze ce l’avevamo eccome (!), ecco magari non erano le certezze standard che si sentono in giro: non erano il lavoro fisso, la casa di proprietà o altre sicurezze materiali. Avevamo la certezza, dopo un intenso cammino di discernimento (!), che quella fosse la nostra strada per incontrare il Signore! E quello ci bastava… no, di più! Questo era quello che il nostro cuore ardeva!

Decisi a sposarci, pensavamo fosse importante per Francesco tornare a lavorare in Italia (era ricercatore in Svizzera). Avoja a bussare a tutte le porte ma non si apriva nessuna strada. Sembrava impossibile trovare lavoro. Forse dovevamo abbandonare l’idea di vivere in Italia, o peggio, quella di sposarci? Puntammo dritti al Signore: “Se questa è la tua Volontà su di noi, questa situazione la devi sbloccare Tu!”. In questo clima di burrasca, Francesco va ad un congresso in Portogallo, presenta un suo progetto e un prof, molto colpito, gli offre un lavoro a Roma… a Roma!!! Un lavoro!!! E fu così che vivemmo i primi due anni di matrimonio a Roma prima di trasferirci per diversi anni all’estero.
Nella maggior parte dei casi della vita quotidiana la Provvidenza è un’amica che passa nel momento giusto, proprio mentre avevo bisogno di una consolazione; ma è anche quella forza (che non ho e che chiedo a Dio!!!) che mi permette di organizzare, progettare e portare avanti con costanza ogni giorno le piccole cose.

Quando arriva la Provvidenza?

La Provvidenza arriva sempre dopo. Prima ci sono le scelte di fede e poi la Provvidenza. Non solo, l’arrivo della Provvidenza è anche il segnale, la conferma, che quella è la strada da percorrere. E se la Provvidenza non arriva? Abbiamo toppato tutto? Calma…
La prima cosa da fare è domandarsi, di fronte a Dio, se stiamo cercando veramente la Sua volontà… oppure la nostra. Tu mi dici, ma io voglio sposarmi, che c’è di male!? Nulla! Ma la questione qui non è capire se una cosa è buona o cattiva, ma cosa è meglio, cosa sei chiamato a fare oggi! Potrebbe essere diverso da un tuo semplice desiderio buono, potrebbe essere che la precarietà e l’insicurezza di oggi siano la strada da percorrere per demolire le barriere ed incontrare pienamente il Signore.




Leggi anche:
Arrenditi! E fai entrare in gioco la Provvidenza

Altre volte, il fatto che la Provvidenza non arrivi vuol dire semplicemente che quella non è volontà di Dio! Quanti santi abbiamo pregato per rimanere a Roma da novelli sposi!! Ma niente, nessuna strada si apriva… solo quando abbiamo preso in considerazione l’idea di lasciare tutto e partire per la Francia che la Provvidenza e la sua abbondanza sono arrivati.
Provvidenza vuol dire anche abbondanza, ma mai per il superfluo. Il Signore non farà mai mancare il necessario, ma il superfluo no, Dio è un amministratore accorto e dà a chi ha bisogno. Infine, la Provvidenza non arriva per progetti sottosviluppati ed egoistici… ma solo per progetti in cui al centro c’è la Sua Volontà, il prossimo ed i fratelli.

Guida pratica per sperimentare la Provvidenza

Adesso quando penso alla provvidenza penso sempre allo sguardo d’amore di Dio verso di me; me lo immagino con un certo sorriso sommesso, come a dire “ma di cosa ti preoccupi? perché ti affanni? Hai forse dimenticato che hai un Padre?!”. La provvidenza è quell’esperienza che mi fa distogliere per un momento lo sguardo e l’affanno dalla mia preoccupazione e mi fa arrivare allo sguardo di Dio. In quel momento si ridimensiona tutto. Tutto trova il suo ordine. Se Dio mi è vicino, allora di cosa dovrò temere?
Questo percorso mi fa passare sempre per la strada dell’accettare di non essere poi così onnipotente come penso. Da sola, con i miei soli sforzi non sempre arrivo lontano. Penso, allo stesso tempo, che la provvidenza debba sempre associata alla parola responsabilità. Quindi per me la parola provvidenza significa in sostanza:

  • chiedermi se quello che sto facendo è volontà di Dio
  • farsi il mazzo per fare tutto quello che è possibile con le mie forze
  • continuare a farsi il mazzo per arrivare fino a toccare il limite delle mie forze (rosicando tantissimo!)
  • accettare che non sono onnipotente (anche qui grandissime rosicate!).
  • rendermi conto che in fondo molto della mia vita non dipende da me, soprattutto le cose piú importanti (come ad esempio essere figlia di questi genitori, sorella di qualcuno, nata in questo posto, il sole al mattino, i figli che ho, ecc)

Umiliata dall’idea oggettiva di essere un micragnoso respiro di un moscerino davanti a Dio o forse meno, inizio ad accettare l’idea di ricevere il Suo Amore abbandonandomi alla Sua provvidenza, ovvero al Suo intervento sconvolgente per ritrovare il Suo sguardo.
La provvidenza nella mia vita è un cammino che, dopo l’ascolto di Dio e la fatica delle mie braccia, mi porta davanti a quell’impossibile che mi fa toccare la grandezza di Dio con una mano.

E se aprissi gli occhi all’agire di Dio?

Per sperimentare, o meglio, per rendersi conto di quanta Provvidenza ogni giorno noi riceviamo basta solo aprire gli occhi. Non é cosa semplice, lo so! Per avere occhi attenti bisogna educarli a riconoscere la Bellezza, Dio stesso. A volte la Provvidenza è una sfida:
“Signore sto facendo questa cosa perché, dopo aver pregato e confrontandomi con la mia guida spirituale, ho capito che è la Tua volontà che io faccia questo. Non vedo proprio come possa realizzarsi… ma faccio il primo passo perché, se davvero è volontà Tua come ho capito, allora la barca della provvidenza verrà in mio soccorso”.
A volte invece è un regalo come incontrare per caso quella persona che ti consola in un momento difficile. Altre volte è un semplice accompagnamento e sostegno nelle piccole cose quotidiane.
Alla fine ogni singola cosa della mia vita è il frutto della Provvidenza, ovvero di un percorso che fra ascolto, fatica e buona volontà è andato sempre e in ogni modo a sbattere contro un Mar Rosso insormontabile che mi ha obbligata a fare esperienza di Dio e che, allo stesso tempo, ha obbligato Dio a prendersi cura di me. La provvidenza per me è vivere il mio essere da adulta responsabile che si meraviglia come una bambina davanti ad uno sguardo attento di Dio che si prende cura di me e non si stanca mai.
La provvidenza è lo sguardo di Dio, la tenerezza di Dio, l’Amore di Dio per me.
Buon cammino amici, che possiate sperimentare ogni giorno la Provvidenza di Dio in tutte le sue molteplici forme!

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE

Tags:
famigliaprovvidenza
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni