Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 09 Febbraio |
Beata Anna Katharina Emmerick
Aleteia logo

Il grido di Abramo riecheggia ancora oggi: “Io sono forestiero…”

Foto del giorno | pubblicato il 29/11/16
web-child-hunger-refugee-myanmar-gettyimages-625858280-_munir_uz_zaman-afp-getty_images-ai

MUNIR UZ ZAMAN/AFP/Getty Images

Foto del giorno: 29 novembre 2016

Sara morì a Kiriat-Arba, cioè Ebron, nel paese di Canaan, e Abramo venne a fare il lamento per Sara e a piangerla. Poi Abramo si staccò dal cadavere di lei e parlò agli Hittiti: «Io sono forestiero e di passaggio in mezzo a voi. Datemi la proprietà di un sepolcro in mezzo a voi, perché io possa portar via la salma e seppellirla –(Genesi 23)

Dopo 4mila anni, il grido di Abramo continua ad echeggiare in tutto il mondo

26 NOVEMBRE: Alcuni rifugiati Rohingya lavano il corpo del piccolo Alam, di appena 6 mesi, prima di seppellirlo. Ci troviamo nel campo profughi di Teknaf, un distretto di Cox’s Bazar, in Bangladesh.

La breve vita di Alam si è spenta il 26 novembre in una tenda buia e logora. Il corpo scheletrico del piccolo Rohingya non è riuscito a vincere le malattie contratte durante la fuga dal Myanmar, dopo il suo popolo – senza stato – è sotto attacco. Aveva sei mesi. Alam è morto alcune ore dopo essere arrivato nel campo profughi improvvisato nei pressi di Teknaf, alle porte di Cox’s Bazar, una zona costiera poverissima e densamente popolata, dove vivono oltre 230mila rifugiati Rohingya.

Tags:
bangladeshmyanmarrifugiatirohingya
IT_3.gif
Daily prayer
And today we celebrate...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
See More
Newsletter
Get Aleteia delivered to your inbox. Subscribe here.