Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 20 Ottobre |
Santa Maria Bertilla Moscardin
Aleteia logo
home iconChiesa
line break icon

8 miti da sfatare sulla santità

shutterstock

Catholic Link - pubblicato il 17/05/16

6. La santità non vuol dire essere spinti dalla paura

5©Åse Bjøntegård Oftedal/unsplash

Un altro approccio morboso alla santità è di pensare “devo essere buono, altrimenti mi accadrà qualcosa di brutto”. In questo approccio non vi è vita, né gioia. Trovare motivazione nella paura potrebbe funzionare, ma non ci porta alla libertà. Essere buoni non dovrebbe essere il nostro unico obiettivo. Dovremmo mirare a migliorare la nostra relazione con Colui che è la bontà stessa, ad aggrapparci a Dio, a combattere i nostri dubbi, e a porci tutte le domande che abbiamo. Quando è la paura a spingerci ad agire rettamente nei confronti di Dio, anche ogni nostra interazione con chi ci circonda è intrisa di paura. Questo soffoca l’amore.

Padre Stephen Wang spiega perfettamente la differenza tra avere paura di Dio e avere un sano “timore di Dio” in questa omelia.

La santità è confidare che Dio ha la tua vita nelle Sue mani.


LEGGI ANCHE: Le tue decisioni sono dettate dalla paura o dall’amore?


7. La santità non è semplice

7©Andy Beales/unsplash.com
Ovviamente, persino quando si ha una buona comprensione di ciò che la santità è o non è, resta un qualcosa di non semplice. Nulla di valore lo è mai stato. Non si può ottenere in un giorno. È una maratona che dura tutta la vita, non è uno scatto. La santità richiede che noi abbandoniamo la nostra comfort zone e che iniziamo una battaglia che potremmo continuare a perdere per molto tempo. Forse la parte più difficile della santità è continuare sempre e comunque a rialzarci e ad ammettere che non possiamo fare tutto da soli. Dopo che l’Apostolo Pietro ha scritto sul resistere al Diavolo e alla tentazione, ha scritto: “E il Dio di ogni grazia, il quale vi ha chiamati alla sua gloria eterna in Cristo, egli stesso vi ristabilirà, dopo una breve sofferenza vi confermerà e vi renderà forti e saldi”. Quindi, “abbiate pazienza con tutte le cose, ma soprattutto siate pazienti con voi stessi”. (S. Francesco di Sales)

La santità è un viaggio di una vita verso la tua destinazione. Questo significa che potresti cadere, ma anche che puoi decidere di iniziare di nuovo.


8. La santità non significa nascondere i tuoi errori per sembrare perfetto

8©Agberto Guimaraes/unsplash.com
A volte guardo gli altri e penso: “Sono così santi! Resterebbero scioccati se sapessero tutto di me?” La verità è che non esiste gerarchia nella santità. Provare a nascondere i propri errori probabilmente richiede più tempo, impegno ed energia che semplicemente alzare le mani, dire che non siamo perfetti e che abbiamo bisogno della grazia di Dio e del sostegno delle altre persone. Ecco perché è così importante costruire un mondo in cui siamo tutti consapevoli di avere bisogno di Dio e del perdono reciproco. Perché questo porta alla compassione, e in un’atmosfera di compassione possiamo essere sinceri su noi stessi e cercare guarigione. Sul serio. Sostenetevi l’uno con l’altro. Sii gentili e comprensivi nelle debolezze altrui. Se qualcuno si apre e ti mostra le proprie ferite, le proprie cicatrici e i fallimenti che ha attraversato, non calpestare queste cose. Sii misericordioso come lo è il Tuo padre nei cieli.

La santità è essere reali ed autentici.


LEGGI ANCHE: La forza dell’imperfezione


[Traduzione dall’inglese a cura di Valerio Evangelista]

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
perfezionesantitastile di vita
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis e quella “rivelazione”: “I miei angeli custodi sono ...
2
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Cosa intendeva Carlo Acutis quando parlava di “autostrada per il ...
3
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
4
Paola Belletti
Il tuo bimbo ancora in utero ti ascolta e impara già prima di nas...
5
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Gli ultimi istanti di vita di Carlo Acutis: “Chiuse gli occhi sor...
6
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
7
CONFESSION, PRIEST, WOMAN
Gelsomino Del Guercio
Segreto, psicologo e assoluzione: 3 consigli per una corretta Con...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni