Aleteia logoAleteia logoAleteia
sabato 04 Febbraio |
San Giuseppe da Leonessa
Aleteia logo
Storie
separateurCreated with Sketch.

Francia: la chiesa che viene aperta tutti i giorni da un musulmano 

Musulman église.jpg

© Abdelkader Zennaf

Abdelkader Zennaf davanti alla chiesa di Saint-Ennemond (a Saint-Chamond, Loire).

Raphaëlle Coquebert - pubblicato il 06/12/22

Musulmano algerino residente a Saint-Chamond (Loire) da più di 70 anni, Abdelkader Zennaf frequenta la chiesa di Saint-Ennemond fin dalla sua prima infanzia, al punto da essersi proposto di aprirla e chiuderla sette giorni su sette.

A Saint-Chamond, nella regione francese della Loire, Abdelkader Zennaf è una gloria locale: è assurto più volte agli onori della cronaca per via del suo forte impegno nella vita della città (e della sua impressionante collezione di utensili da cucina in alluminio: 4.500 pezzi, la seconda collezione di Francia per importanza). 

Non l’ho messa su per non saper che fare o per sete di originalità – si giustifica –, ma per ossessione della trasmissione: per me la memoria è cosa sacra. Preservare il patrimonio mi sembra fondamentale. 

Un oratorio cattolico aperto ai musulmani 

Abdelkader Zennaf è uno dei cittadini più longevi del suo quartiere: pensate che abita lì da 73 anni, nella casa in cui i suoi genitori elessero domicilio un anno dopo il loro arrivo dall’Algeria, nel 1948. Proprio davanti alla chiesa del quartiere, che non a caso gli è familiare da sempre, e non solo perché ne intravede la sagoma massiccia dalle finestre di casa – da bambino infatti l’aveva frequentata. 

I miei genitori mi avevano iscritto all’oratorio, il giovedì pomeriggio. Tra tutte le attività proposte dal parroco (film, giochi, passeggiate…) partecipavamo tutti al catechismo, anche i musulmani. Mi ricordo di essere stato molto impressionato dai miracoli di Gesù. Ho anche partecipato a delle processioni dedicate alla Vergine Maria. 

Nato musulmano, Abdelkader non intende cambiare religione, ma quando a 12 anni un suo amico si ammalato, fu in chiesa che lui andò per implorare Dio di guarirlo. Dio ascoltò la sua preghiera, e lui non lo dimentica. 

Chiesa chiusa, anima in pena 

Passano gli anni, e il dodicenne si è sposato e ha fondato una famiglia (7 figli!). Non ha più frequentato il santuario famigliare. Talvolta incontrava il sagrestano, Pierrot, un vicino che apriva e chiudeva la chiesa ogni giorno. Quando quest’ultimo è morto, nel maggio 2004, Saint-Ennemond ha chiuso le porte della chiesa senza che nessuno battesse ciglio. Poco dopo, per caso, Abdelkader vide un’anziana signora salire i gradini della casa di Dio e spingere in vano il grave chiavistello: «La scena mi ha dato una stretta al cuore», commenta l’uomo raccontando. 

La Chiesa mi aveva aperto le braccia quando io avevo avuto bisogno, ed ecco che quella donna trovava la porta chiusa! Ho chiesto a un amico cattolico del quartiere di proporre al parroco della parrocchia di darmi le chiavi perché io potessi svolgere, come volontariato, il compito che era stato di Pierrot. E lui ha accettato. 

Benedetto dialogo interreligioso 

Da allora, il musulmano apre e chiude l’edificio ogni giorno dell’anno, o lo apre di proposito per farlo visitare a dei curiosi di passaggio: 

Quando vedo un cero acceso sono contento: qualcuno ha pensato a Dio un istante. Poco importa quale Dio – non sono praticante, ma la Fede ha un posto importante nella mia vita. 

Alcuni dei suoi amici si meravigliano di ciò che fa, e lui spiega allora che ha un debito verso quella chiesa e che cerca di ricambiare così. Con grande soddisfazione dei parroci che si avvicendano: 

Mi rallegro molto dei vincoli tessuti fra credenti di diverse religioni – dichiara padre Gilbert Thollet, parroco qui da due anni –: Abdelkader voleva anche farsi carico del restauro di una statua rovinata dalle intemperie. Gli ho detto che questo spettava al municipio, ma lui era molto coinvolto. E perché?, in Terra Santa non sono dei musulmani ad aprire e chiudere la basilica dell’Anastasis

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Tags:
cattolicesimodialogo islamo cristianofranciamusulmanioratorio
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni