Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 28 Novembre |
Santa Caterina Labouré
Aleteia logo
Storie
separateurCreated with Sketch.

Una clarissa tifosa racconta su twitter la sua fede per il calcio Napoli

clarissa cappuccina napoli

Suor Rosa Lupoli | Facebook

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 09/11/22

E’ suor Rosa Lupoli, madre abbadessa al Monastero delle Trentatré a Napoli, molto attiva sui social network, tra post e tweet calcistici

Una clarissa che vive tra fede e preghiera…e tifo acceso per il calcio Napoli. E’ suor Rosa Lupoli, madre abbadessa al Monastero delle Trentatré, il Convento di Santa Maria in Gerusalemme nel cuore antico di Napoli. 

I tweet di suor Rosa

Sul suo account twitter è possibile seguire il percorso di fede. Ma poi, di tanto in tanto, c’è spazio per un’altra “fede”, ma questa è molto prosaica: la fede per il Napoli. Così, dopo l’ennesima vittoria della squadra di Spalletti, ha twittato:

 “In un mare di sole vinciamo la 15° partita di seguito.. è splendido e dolce questo autunno a Napoli!!! ForzaNapoliSempre ⚽️⚽️⚽️⚽️💙💙💙💙💪💪💪💪”. Emoticon comprese.

Un nuovo tweet di suor Rosa dopo la vittoria del Napoli sull’Empoli.

La “rissa” con le clarisse juventine

La clarissa, campionessa di pallavolo in gioventù, è tifosa appassionata il Napoli dai tempi del “Pibe de oro”, Diego Maradona. Quando Maradona morì, salì sui  tetti del convento issando la bandiera del Napoli, “omaggio ad un  fenomeno irreplicabile”. Due anni fa si sfiorò quasi la rissa tra  Clarisse di opposte tifoserie. Si giocava Juve-Napoli e le monache  juventine punzecchiarono via Fecebook la monaca di ‘fede azzurra’.  «Sospesi la comunicazione – raccontò – perché si sarebbe arrivati ad  un terribile scontro con le consorelle dell’Ordine» (RaiNews, 9 novembre).

La vocazione della clarissa napoletana

Originaria dell’isola di Ischia, è nel 1990 che sbocciò la vocazione della clarissa tifosa. Nacque tutto un po’ per caso: accompagnava una sua amica che iniziava il periodo di postulato in monastero e iniziò – lei – a farsi domande. La risposta la trovò di lì a poco. E non era né nell’isola che ama, né nella laurea in lettere moderne (con una tesi sui terremoti di Ischia, per intenderci). No, la risposta era nella clausura. 

E oggi che il significato di questa parola – clausura – è stato adeguato ai tempi e persino alla tecnologia (le clarisse sono finite su Facebook, condividono i momenti della vita monastica con una marea di amici e seguaci), la suor Rosa Lupoli, come scrive il giornale ischitano Il Dispari Quotidiano, «è un orgoglio da condividere con il mondo».

La missione delle cappuccine: preghiera e “vita nel mondo”

«Soltanto il silenzio, la solitudine, la clausura possono favorire questa intima unione col Signore nella preghiera e nella contemplazione». Così le Monache Cappuccine di Napoli descrivono la loro missione sul sito e Facebook

Anche conosciute come “le Trentatré” però specificano: «Tutto ciò, però, non ci rende estranee alla vita del mondo, ma partecipiamo, attraverso la ruota del monastero e il telefono, alle gioie e alle speranze, alle tristezze e agli affanni delle famiglie o attraverso la lettura del giornale». Ed evidentemente tra le cose alle quali non sono “estranee”, tra le “gioie e le speranza” delle suore c’è anche il calcio Napoli!

Tags:
clarissenapolitweet
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni