Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 02 Dicembre |
Santa Blanca de Castilla
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Chiara Amirante tra dolori notturni e paura di morire: vedo il Regno di Dio

CHIARA AMIRANTE

YouTube I Tv2000It

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 03/11/22

La fondatrice di Nuovi Orizzonti è uscita da un momento molto difficile. Ad aiutarla è stato lo Spirito Santo. Lo rivela nel suo nuovo libro

La paura peggiore di tutte, quella di morire: Chiara Amirante ci spiega come affrontarla e superarla dopo averla vissuta sulla propria pelle. Lo fa nel suo ultimo libro “La forza dello spirito. La chiave per una gioia piena(edizioni San Paolo). 

La fondatrice della Comunità Nuovi Orizzonti svela nel libro di essersi «“abituata” in quanto da molti anni ormai la mia salute è sempre più precaria. Con la pandemia però, anch’io ho dovuto farci i conti ancora più del solito».

La paura della maschera

Chiara Amirante ricorda che durante la pandemia ha avuto una paura ancora maggiore di quella di morire: cioè portare lacosiddetta Cpap, per diversi giorni, per riuscire a respirare. Si tratta di una maschera rigida da applicare al volto che soffia aria a pressione per aiutare la respirazione, specialmente notturna, e che rende molto difficile dormire. «In diversi, infatti, me l’avevano descritta come uno “strumento di tortura” insopportabile». 

Risvegli notturni

Questo problema si è posto dopo che Chiara ebbe sospetto covid e una saturazione del sangue sempre più bassa. «Già da diversi anni – rivela la scrittrice – mi capitava spesso di svegliarmi la notte con la sensazione di morire: di frequente mi svegliavo con una bruttissima fame d’aria, con la terribile sensazione di soffocare». 

Un dolore acuto

Altre volte, prosegue nel libro, «mi svegliava un dolore simile a una pugnalata in pieno cuore per cui spesso mi pareva proprio di avere un infarto in corso, visto che oltre a sentire un dolore molto acuto in sede cardiaca che si irradiava anche al braccio sinistro e alla carotide, avevo anche un forte senso di oppressione al torace e spesso sudavo freddo». 

La cardiomiopatia

In passato aveva fatto qualche accertamento, convinta di avere avuto l’infarto, ma le era stato detto che questi sintomi identici all’infarto, erano piuttosto correlati a una cardiomiopatia da stress (detta anche sindrome del cuore infranto) e alla mia fibromialgia, che aveva raggiunto uno stadio avanzatissimo causando dolori acuti di ogni tipo, resistenti a ogni antidolorifico compresa la morfina. 

La polisonnografia

Quando Chiara Amirante ha deciso di fare un ulteriore esame, la polisonnografia, per verificare se soffrivo di apnee notturne, ha ricevuto una brutta sorpresa. Aveva mediamente un’apnea ogni minuto, e considerato il suo cuore, aveva un altissimo rischio di subire un ictus o un infarto da un momento all’altro.  

Polysomnography_tester.jpg
Il test della polisonnografia.

“Tutte le notti”

«Subito il medico mi ha detto che la situazione era particolarmente grave e pericolosa: ero ad alto rischio di infarto e di ictus. Così è ricominciata l’ennesima via crucis dei mille professori che bisognava sentire, mille accertamenti…(…) Mi hanno detto che avrei dovuto portare ogni notte a vita la Cpap… non potevo crederci! Proprio quell’arnese che più temevo rispetto al Covid sarebbe dovuto diventare TUTTE LE NOTTI il mio “salvavita”!». 

Una terribile depressione

La fondatrice di Nuovi Orizzonte confessa ai lettori che è stato «un periodo davvero pesantissimo e credo che senza l’aiuto dello Spirito Santo sarei sprofondata in una terribile depressione o quanto meno sarei andata fuori di testa».

Lo Spirito Santo

Tornando alla paura della morte, continua Chiara Amirante, «devo dire che, nonostante la gravità delle nuove notizie ricevute, grazie allo Spirito Santo ho avvertito una grazia speciale. L’istinto di sopravvivenza è fortissimo in tutti proprio perché ci permette di evitare ciò che costituisce una minaccia per la nostra vita, ma incredibilmente, nonostante la situazione fosse tutt’altro che rassicurante per me, devo dire che in tutto questo periodo non ho mai provato la paura di morire. Ero molto più preoccupata per le tante persone a cui voglio un mondo di bene, che per me». 

Gesù e Nicodemo

Cosa ha aiutato Chiara Amirante a superare la paura di morire? La bellissima esperienza che Gesù spiega durante l’incontro con Nicodemo.

Gesù rivolgendosi a Nicodemo dice: «Se uno non nasce dall’alto, non può vedere il regno di Dio» (Gv, 33). Non può vedere il regno di Dio?! Giustamente Nicodemo replica: «Scusa, come faccio a rinascere? Mica posso rientrare nel grembo di mia madre» (cfr. Gv 3, 4). E Gesù spiega: «Se uno non nasce da acqua e Spirito non può entrare nel Regno di Dio» (Gv 3, 5). Prima dice “vedere”, poi dice “entrare” nel Regno di Dio. «Quello che è nato dalla carne è carne, e quello che è nato dallo Spirito è spirito» (Gv 3, 6).

JEZUS I NIKODEM
Gesù e Nicodemo, Fritz von Uhde (1848–1911).

“Rinasciamo nello spirito”

Ecco, dice Chiara, «l’esperienza che facciamo grazie allo Spirito Santo e nel chiedere lo Spirito Santo, è che “rinasciamo nello spirito”, i nostri occhi si “aprono e vedono” il Regno di Dio. Lo vedono già su questa terra. Alcuni dicono: “Ma voi cristiani siete degli illusi, credete in ciò che non vedete”. No! Lo Spirito Santo ti permette di vedere, di fare l’esperienza (con i sensi dello spirito) del Regno di Dio, per cui non è più un atto di fede, è una certezza». 

Pace e panico

«Proprio questa luce, questa certezza – evidenzia la fondatrice di Nuovi Orizzonti – mi hanno aiutato a non perdere la pace in una situazione in cui c’era da andare in panico ogni tre secondi, perché mi sentivo continuamente a rischio di morte». 

Il paradiso quaggiù

Se uno rinasce dall’alto, vede il Regno di Dio. «Questa esperienza, quella del paradiso che ti attende – conclude Chiara Amirante – puoi farla già quaggiù. Già vivendo qui, grazie allo Spirito puoi vedere il Regno come una cosa splendida. È chiaro che nessuno è masochista: io amo tantissimo la vita. Quindi, passare per quella porta stretta della morte fa sempre un po’ di timore. Però possiamo anche pensare: “Che bello, c’è una patria meravigliosa che ci aspetta! Ed è molto più bella di questa che già abitiamo qui, su questa terra”. Pensare questo ti dà la pace, anche in una situazione davvero da incubo».

CLICCA QUI PER ACQUISTARE IL NUOVO LIBRO DI CHIARA AMIRANTE.

Tags:
chiara amirantemorirepaura
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni