Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 28 Novembre |
Santa Caterina Labouré
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Niente simboli religiosi al lavoro: lo vieta la Corte di Giustizia Europea 

NADIA EWEIDA

CARL COURT - AFP

British Airways employee Nadia Eweida holds her crucifix as she poses for a picture in central London on January 15, 2013, after the European Court of Human Rights ruled that she suffered discrimination at work over wearing a cross. Eweida, a 60-year-old coptic Christian, took the airline to the European court after British courts upheld BA's decision to ban her from wearing a crucifix. AFP PHOTO / CARL COURT / AFP PHOTO / CARL COURT

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 14/10/22

La sentenza consente al responsabile del luogo di lavoro di vietare di indossarli. Ma c’è un'eccezione

Crocifissi, kippah ebraica, velo musulmano: in nome della neutralità, nessuno deve esporre simboli religiosi sui luoghi di lavoro. Lo ha stabilito la Corte di Giustizia Europea con una sentenza che è destinata a far discutere (La Stampa, 13 ottobre). 

Il ricorso della donna musulmana belga

A sottoporre la questione al tribunale che ha sede in Lussemburgo, era stata una donna belga di religione musulmana. Che sarebbe stata scartata a un colloquio di lavoro per non aver tolto il velo (AdnKronos, 14 ottobre).

velo islámico – fr
Tutto è nato da un ricorso di una dipendente araba.

Il caso di una dipendente cattolica e una araba

La sentenza della Corte di Giustizia Europea, stabilisce che il divieto di indossare simboli religiosi nei luoghi di lavoro è legittimo, purché lo stop venga applicato in maniera generale e indiscriminata.

In pratica, un datore di lavoro non può consentire che i cattolici portino la croce e i musulmani non possano indossare i loro simboli: la stessa regola deve essere valida per tutti. Quindi, se una lavoratrice cristiana si presenta con una medaglietta della Madonna di Lourdes, la dipendente araba può andare al lavoro con il velo in testa.

law-1063249_640

“In maniera generale e indiscriminata”

Secondo la sentenza della Corte, il regolamento di lavoro di un’impresa che vieta ai lavoratori di manifestare verbalmente, con l’abbigliamento o in qualsiasi altro modo, le loro convinzioni religiose o filosofiche, di qualsiasi tipo «non costituisce, nei confronti dei dipendenti che intendono esercitare la loro libertà di religione e di coscienza indossando visibilmente un segno o un indumento con connotazione religiosa, una discriminazione diretta basata sulla religione o sulle convinzioni personali, ai sensi del diritto dell’Unione, a condizione che tale disposizione sia applicata in maniera generale e indiscriminata».

“Non stabilisce una differenza di trattamento” 

Dato che ogni persona «può avere una religione o convinzioni religiose, filosofiche o spirituali – continua la sentenza –, una regola di tal genere, a condizione che sia applicata in maniera generale e indiscriminata, non istituisce una differenza di trattamento fondata su un criterio inscindibilmente legato alla religione o a tali convinzioni personali» (www.laleggepertutti.it, 14 ottobre).

Tags:
europalavorolibertà religiosa
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni