Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 05 Ottobre |
Santa Faustina Kowalska
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

Messa: dove guardare durante l’elevazione?

Catholic mass.

Pascal Deloche | Godong

Valdemar De Vaux - pubblicato il 05/09/22

I gesti più comuni sono forse quelli su cui ci si interroga di meno. A Messa, quando il sacerdote eleva l’ostia e il calice, in che modo l’atteggiamento che assumiamo manifesta la nostra fede nella presenza reale di Gesù Cristo?

Prima del XIII secolo, non c’era dubbio su dove guardare durante l’elevazione dell’Ostia durante la consacrazione. Fino a quando questa pratica, che aveva avuto inizio a Parigi, si diffuse nella Chiesa universale, i fedeli potevano vedere il Corpo di Cristo solo durante la Comunione, perché il sacerdote era rivolto a est. Con la rapida diffusione della devozione eucaristica, però, i vescovi hanno permesso e persino incoraggiato l’elevazione prima dell’ostia e poi del calice, il Corpo e il Sangue di Gesù realmente presente, per consentirne il culto da parte dei fedeli.

I gesti dei fedeli devono quindi essere idonei a questo scopo di adorazione. Nella storia, è stato spesso indicato che la presenza di Gesù dovrebbe essere onorata da una profonda reverenza mentre ci si inginocchia, guardando l’ostia che viene presentata.

Un culto eucaristico rinnovato

Da San Pio X, il culto eucaristico è stato rinnovato, in particolare attraverso l’adorazione, ormai generalizzata. All’inizio del XX secolo, il Papa, che aveva promosso la Comunione frequente e quella dei bambini, ha concesso un’indulgenza a coloro che, durante la Messa o l’adorazione, avessero guardato con fede, pietà e amore il Santissimo Sacramento, ripetendo le parole di San Tommaso “Mio Signore e mio Dio” (Gv 20, 28).

Se la pietà ispira gesti che variano a seconda delle persone, sembra bene, seguendo il Papa, guardare il Corpo e il Sangue di Cristo con un’esclamazione (mentale) di fede o di ringraziamento, o in un silenzio segnato dalla devozione, prima di inclinare la testa quando il sacerdote si genuflette. È un modo di lasciarsi guardare e amare dal Salvatore, di ammirare il Suo Corpo risorto che ci apre alla vita eterna, riconoscendo al tempo stesso che non ne siamo degni.

Dall’altro lato, le due elevazioni, dell’ostia e del calice, non devono essere confuse con quella che viene chiamata “piccola elevazione”: al momento della dossologia (“Per Cristo, con Cristo e in Cristo…”), il sacerdote offre il sacrificio del Figlio al Padre, elevando le specie consacrate al cielo. Insieme a lui possiamo volgerci al cielo, a livello corporeo e spirituale, dedicando la nostra vita al Creatore.

(FOTOGALLERY) I nomi degli oggetti liturgici a Messa

Tags:
liturgiaMessasan pio x
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni