Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 15 Agosto |
San Massimiliano Maria Kolbe
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Faustina, Tommaso e gli altri: i grandi santi e i loro angeli custodi 

Ange

Shutterstock

Marzena Wilkanowicz-Devoud - pubblicato il 11/07/22

Chi sono veramente gli angeli custodi? Dei compagni, delle guide o invece degli amici fedeli? E come agiscono, concretamente, nella vita degli esseri umani? Scoprite le confidenze di alcuni grandi santi sulle loro particolarissime relazioni con gli angeli custodi.

Alcuni santi hanno una relazione tanto particolare quanto, talvolta, misteriosa con il loro angelo custode. Chi è veramente? Un compagno, una guida nella preghiera, un maestro? E come interviene nella vita di quanti aspirano alla santità? 

Per il cardinal Newman, figura maggiore della Chiesa d’Inghilterra (canonizzato nel 2019), l’angelo custode era un vero amico. O meglio, il suo “vecchio amico” di più lunga data. Il teologo, filosofo e poeta, ha scritto diversi testi consacrati al mondo invisibile e ai suoi angeli. Un mondo che, 

a dispetto del mondo universale che vediamo, si estende tutto attorno a noi, benché non lo vediamo, ed è più sbalorditivo del mondo che vediamo. In questo mondo invisibile ci sono innumerevoli persone che vanno e vengono, vegliano, agiscono o attendono, e che non vediamo. 

In mezzo ad esse, ci sono gli angeli custodi. Certamente sono grandi, gloriosi, puri e meravigliosi, spiegava il Cardinale in uno dei suoi sermoni (certamente pensando al proprio angelo custode): essi sono nondimeno 

i compagni che ci servono, che lavorano in nostro favore, che vegliano sui più umili di fra noi e li difendono. 

Fra i suoi testi di poesia e di prosa, Newman ha scritto Il mio amico di più lunga data, una bella poesia-preghiera rivolta al proprio angelo custode. Il titolo è particolarmente eloquente: per tutto il corso della sua vita, il cardinale aveva avuto un raro talento nel coltivare l’arte dell’amicizia… anche quella con l’angelo custode. Fin dalle prime parole della poesia, egli si rivolge con grande semplicità al vecchio amico: 

Mio amico di più lunga data, amico
fin dal mio primo soffio vitale;
amico mio fedele; tale resterai,
indefettibilmente, fino alla mia morte. 

[…] 

Nessun santo patrono, né l’amore di Maria
– il più caro, il migliore –
mi conosce a fondo come tu mi conosci,
né mi ha benedetto come tu mi hai benedetto. 

Un amico visibile 

Amico fedelissimo, il suo angelo custode non la lasciava mai sola. Camminava di fianco a lei, la proteggeva in ogni circostanza, la difendeva da ogni sorta di pericolo: santa Faustina, la religiosa polacca nota come “l’apostola della divina misericordia” ne era persuasa. Il suo angelo custode, amico fedele, l’accompagnava in modo invisibile e… di quando in quando visibile, nel corso della sua vita. Visibile? Sì, anzi i due dialogavano costantemente come in quel giorno descritto nel suo Diario (490) durante un viaggio in treno. Faustina lo vide di fianco a lei mentre pregava e contemplava Dio. Niente di straordinario: la consacrata racconta che spesso le appariva, anche nelle circostanze più ordinarie (non esclusi il giardino e la cucina). 

Un segno chiaro di fino a che punto Dio, attraverso l’angelo custode, sia prossimo alla sua vita quotidiana. E ancora un altro giorno: era un giovedì e lei stava celebrando un’ora santa, quando si sentì male. Fece tuttavia il grande sforzo di continuare a pregare. Solo tornando alla cella Faustina si rese conto di aver vissuto un attacco demoniaco. Spaventata, chiese aiuto all’angelo custode. Stando al suo racconto, questi le apparve e le disse, riaccompagnandola: «Non temere, sposa del mio Signore amatissimo. Questi spiriti non ti faranno del male senza il Suo permesso» (Diario, 419). 

L’angelo custode della religiosa non prendeva decisioni al posto suo, ma la incoraggiava negli sforzi, la confortava nelle paure e la proteggeva dai pericoli. Leggendo il diario della mistica si capisce che per tutta la sua vita l’angelo custode era stato un amico fedele… talvolta visibilissimo! 

Un tutor personale 

Quanto a san Tommaso d’Aquino, domenicano celebre per l’opera teologica e filosofica, egli descriveva il proprio angelo custode come un tutor personale. Colui che viene chiamato il “dottore angelico” (per quanto è luminoso il pensiero teologico che ha lasciato sugli angeli – e sono numerosi quanti pretendevano che anche lui assomigliasse a loro!) ha scritto nella sua Summa Theologiæ che quando una persona nasce le viene attribuito un tutore. Così ciascuno ha il proprio angelo custode. 

Secondo il domenicano, sul cammino verso la patria celeste l’uomo è minacciato da numerosi pericoli che vengono «sia dall’interno sia dall’esterno». Per farvi fronte, ciascuno ha bisogno di una protezione speciale. Così, in quanto pellegrino in questo cammino terreno, l’uomo si vede attribuire un custode speciale, l’“angelo custode”. San Tommaso d’Aquino ne è convinto: a differenze dell’uomo, l’angelo custode partecipa già alla medesima eternità di Dio. 

Come insegna san Luigi Gonzaga nelle sue Meditazioni sui santi angeli, nel momento in cui l’anima lascia il corpo essa è confortata dal suo angelo custode perché possa presentarsi con fiducia al cospetto di Dio. Secondo la visione del santo, l’angelo mostra i meriti di Cristo perché l’anima possa appoggiarvisi nel momento del giudizio. E se un’anima è mandata in purgatorio l’angelo custode le rende spesso visita per elevarla offrendole le sue preghiere e confortandola col pensiero della futura liberazione. La missione dell’angelo custode prosegue allora fino a che l’anima non venga riunita con Dio. 

Invisibile ma realissimo 

Non è dunque vero che l’uomo sarebbe abbandonato alla propria solitudine, affermano i grandi santi. Il mondo invisibile è reale, un’armata di creature celesti veglia sull’uomo, con particolare riguardo per quello – instancabile e discreto – dell’angelo custode. 

Comunicare con gli spiriti celesti è una grazia. Averli come amici fedeli, tutori personali, guide di preghiera e confidenti dell’azione di Dio è meraviglioso. Il 2 ottobre 1960, in occasione della festa dei Santi Angeli Custodi, Giovanni XXIII (un papa ben conosciuto per l’attenzione da lui portata agli angeli custodi) disse: 

Che la devozione ai santi angeli ci accompagni dunque sempre! Durante il nostro pellegrinaggio terreno quanti rischi dobbiamo affrontare, sia da parte degli elementi naturali in rivoluzione sia dalla collera degli uomini inabissati nel male! Ebbene, il nostro angelo custode è sempre presente. Non dimentichiamolo mai, invochiamolo sempre! 

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio] 

Tags:
angeliangelo custodegiovanni xxiiijohn henry newmansan tommaso d'aquinosanta faustina kowalskasanti e beati
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni