Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 16 Maggio |
San Luigi Orione
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Un sacerdote di Mariupol: bambini spediti in Russia, ma molti spariscono

Dzieci w schronie w Mariupolu.

AP/Associated Press/East News

Dzieci w schronie w Mariupolu.

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 03/05/22 - aggiornato il 03/05/22

Padre Pavlo svela l’escamotage del “finto” corridoio umanitario nel quale sono finiti tanti giovanissimi di Mariupol (che non torneranno mai più a casa)

La testimonianza di un sacerdote di Mariupol, la città martire della guerra tra Russia e Ucraina, è agghiacciante: non tanto perché parla delle atrocità della guerra che purtroppo conosciamo, ma perché svela il sistema aberrante che c’è dietro la sparizione di molti bambini della città sul Mar d’Azov. 

Ukraine-War-shutterstock_2129012909.jpeg
Mariupol, città completamente distrutta durante la guerra in Ucraina. Al suo interno sono morte sotto le bombe centinaia di persone.

Il “foglio” dei servizi di sicurezza russi

Padre Pavlo Tomaszewski, religioso paolino e, fino alla recrudescenza del conflitto, rettore della Parrocchia di Nostra Signora di Czestochowa a Mariupol, spiega che i bambini «vengono ‘filtrati’ con i servizi di sicurezza della Russia. Poi ottengono un pezzo di carta e possono partire per la Russia. Ma molti spariscono. Molti sono stati uccisi. È spaventoso». 

“Nessuno li aiuterà”

Padre Pavlo sostiene che nella città di Mariupol ci siano ancora persone che non sono state evacuate, sopratutto anziane. «Ci sono ancora molte più persone che sono rimaste. Ci sono molti vecchi che non possono camminare bene, gente ferita. Molti sono anche soldati. È difficile per me dire qualcosa. Perché nessuno li aiuterà». 

“Impossibile negoziare con loro”

Non è molto ottimista neppure sul destino che si trovano nell’acciaieria Azovstal, circondata dai russi.
«Ho sentito che Papa Francesco ha chiesto a Putin di aprire un corridoio per la gente di Azovstal», dice il parroco. «Ma hanno rifiutato. Non capisco perché i russi non vogliano farli uscire. Questa resistenza mostra come realmente sono e che è impossibile negoziare con loro. Abbiamo avuto la sensazione ad un certo punto che non ci fosse più niente da fare». «Temo – conclude il parroco di Mariupol – che sia una situazione che durerà ancora a lungo» Sir (1 maggio).

UKRAINE

Tags:
guerrasacerdoteucraina
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni