Aleteia logoAleteia logoAleteia
domenica 25 Settembre |
San Cleofa
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

La grave denuncia del parroco di Mariupol: chi fugge finisce nei lager russi

WAR IN UKRAINE

National Police of Ukraine | AFP

La distruzione di Mariupol.

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 22/04/22

Secondo Padre Pavlo Tomashewski, nella città martire dell’Ucraina, non ci sono possibilità di fuga per i cittadini. Chi lo fa viene spedito al "filtraggio"

I russi non vogliono far evacuare i civili a Mariupol, la città martire della guerra in Ucraina, e se lo fanno li portano in campi di “filtraggio”, una sorta di lager. La grave denuncia viene dal parroco di parroco di Mariupol, padre Pavlo Tomashewski, che ne ha parlato con il Sir (21 aprile)

“Andreste con vostro figlio sotto le bombe?”

Secondo il parroco, la cosa più urgente in queste ore è assicurare l’evacuazione dei civili attraverso i corridoi umanitari. «Pensate che la gente comune voglia rimanere in quell’inferno?», chiede. «Pensateci. Come può la gente comune andarsene? Ci sono bombe che vengono lanciate in continuazione! Andreste con vostro figlio sotto le bombe? Non smettono di sparare. Non permettono alle persone pacifiche e civili di andarsene. E quelli che cercano di fuggire, li mandano in un campo di ‘filtraggio’! È un posto orribile. È un campo di concentramento, come quello dei tedeschi»

ukraine-cross-EN_01516358_0180.jpeg

La verità sui russi

«La verità – dice al Sir padre Pavlo – è che, durante tutta l’occupazione di Mariupol, i russi non hanno mai permesso a un convoglio umanitario di entrare in città. Non hanno permesso che un solo autobus entrasse o uscisse dalla città. Vogliono che il reggimento Azov deponga le armi! Quelle persone all’acciaieria Azovstal sono lì dall’inizio della guerra! E credetemi, hanno bombardato l’impianto Azovstal tutto il tempo, sapendo che i civili sono dentro. Lanciano le bombe più grandi! Sparano dalle navi!”. Nonostante il pericolo e la crudeltà degli attacchi, i civili vengono tenuti praticamente in “ostaggio”».

La fuga a Zaporizhzhya

Il parroco di Mariupol dice giustamente che se i russi «smettessero di sparare, se lasciassero entrare gli autobus in città per prendere la gente, non ci sarebbero problemi a portare la gente nella città di Zaporizhzhya. Ma non lo fanno. Immaginate, per andare dalla città di Berdyansk alla città di Zaporizhzhya, la gente pacifica deve passare attraverso 25 posti di blocco russi». 

Sotto le bombe nel Teatro

Il parroco è in contatto con alcuni che sono riusciti a fuggire da Mariupol. «Ieri – racconta – stavo parlando con una donna del mio rione. Prima le hanno distrutto la casa, l’hanno costretta a morire di fame per un mese, hanno ferito la sua anziana madre. Questa donna è sopravvissuta al bombardamento nel Teatro! Lei era lì. Ha visto l’orrore. Non avete idea di quello che ha passato. Ha passato l’inferno! Ora voglio aiutare a tirarla fuori per farla andare in Polonia. Sarà difficile. Ma farò di tutto per aiutarla». 

La stanza vuota

Il parroco conclude amareggiato: «Sono davvero stanco di tutto questo.  È come gridare in una stanza vuota, sperando che qualcuno risponda. Onestamente, non ho più l’energia. Siete ingenui, volete negoziare. Ditemi, come si può negoziare con gente che ha violentato e ucciso i tuoi figli, distrutto la tua casa, preso tutto quello che avevi? Come si può parlare con loro in modo pacifico?».

Tags:
guerrarussiaucraina
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni