Aleteia logoAleteia logoAleteia
domenica 22 Maggio |
Santa Rita da Cascia
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Il mondo ha dimenticato il Libano, dove regnano fame e disperazione

WYBUCH W BEJRUCIE

IBRAHIM AMRO/AFP/East News

Francisco Vêneto - pubblicato il 14/04/22

Ci sono famiglie che non riescono più a sfamare i propri figli, denuncia una fondazione pontificia

La fame in Libano è un dramma attuale che non appare sui grandi media. Catarina Martins de Bettencourt, direttrice della fondazione pontificia Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACS) in Portogallo, ha visitato di recente la capitale libanese, Beirut, e si è detta colpita dalle “tante famiglie che non riescono più a sfamare i figli”.

“Quello che mi ha colpito di più è stata la disperazione delle persone e il fatto di vedere tante famiglie che sono cadute nella povertà, tante famiglie che non riescono più a dar da mangiare ai propri figli senza l’aiuto della Chiesa o di istituzioni di solidarietà”, ha affermato Catarina secondo quanto pubblicato sul sito ufficiale di ACS in Portogallo.

In quattro giorni di visita a un Paese una volta prospero ma caduto in una spirale accelerata di impoverimento per via della sequenza di crisi politiche ed economiche degli ultimi anni, Catarina ha descritto il Libano come “al collasso”.

La sequenza di crisi si è intensificata drammaticamente con l’esplosione nel porto di Beirut nell’agosto 2020. Da allora, il Libano si trascina in una delle “crisi più profonde della sua storia”, sostiene la direttrice di ACS in Portogallo, che tra le caratteristiche di questa crisi generalizzata cita “il collasso del sistema bancario” e “l’inflazione elevatissima, che ha ridotto quasi in cenere i risparmi delle famiglie”. Le persone, prosegue l’esperta, “sono disperate, non hanno più speranza”.

L’esodo massiccio di Libanesi è uno dei risultati più evidenti della crisi, il che ostacola la ripresa della crescita del Paese. “Tutti i giorni ci sono persone che lasciano il Libano”.

In questo panorama, la fondazione pontificia ha stabilito un’intensificazione della partnership con la Chiesa locale per aiutare le comunità cristiane, soprattutto nel campo della salute, dell’istruzione e della distribuzione di pacchi di generi di base, medicinali e articoli di prima necessità. “Il Libano avrà un grande bisogno del nostro aiuto”, ha dichiarato Catarina.

Tags:
aiuto alla chiesa che soffrecrisilibano
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni