Aleteia logoAleteia logoAleteia
martedì 04 Ottobre |
San Francesco d'Assisi
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Il 6 gennaio a Napoli si è sciolto il sangue di una importante santa

KREW JANUAREGO

Rex Features/East News

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 13/01/22

Il prodigio è avvenuto nel monastero di San Gregorio Armeno. Si tratta del sangue di Santa Patrizia

A Napoli si è sciolto il sangue di una importante santa. Il prodigio è stato visionato nel giorno dell’Epifania, il 6 gennaio scorso, nell’urna d’oro che conserva le spoglie rivestite in cera di Santa Patrizia, nipote di Costantino il Grande e Sant’Elena.La santa è anche compatrona di Napoli. 

Il sangue, scrive Il Mattino, era completamente sciolto, come constatato da suor Giovanna De Gregorio, reverendissima madre del chiostro di San Gregorio Armeno, dove sono conservate le reliquie di Santa Patrizia. Tra queste ci sono le ampolle sacre con il sangue di Santa Patrizia. Che dopo lo scioglimento di quello di San Gennaro, avvenuto il 16 dicembre dello scorso anno, nella tradizione popolare rappresenta un ulteriore segno di buon auspicio per questo 2022.

santa-patrizia-youtube.jpg
Santa Patrizia è compatrona di Napoli.

Il voto di verginità

Santa Patrizia è nata a Costantinopoli si presume nel 664, e educata dalla nutrice Aglaia. Emise fin da subito voti di verginità, e per tener fede alla sua promessa fuggì dalla città, poiché l’imperatore le aveva imposto il matrimonio.

Santa Patrizia si rifugiò a Roma. E con l’aiuto di alcune ancelle, raggiunto papa Liberio ricevette finalmente il velo verginale. In seguito, alla morte di suo padre, Patrizia tornò a Costantinopoli, dove rinunciò ad ogni legame con la corona imperiale, distribuendo i suoi averi ai più poveri. 

La tempesta 

La sua decisione successiva cambiò decisamente il corso degli eventi: decisa a compiere un viaggio in Terra Santa, Patrizia incontrò una furiosa tempesta, la quale condizionò il suo naufragio sulle coste di Napoli, ovvero nel punto preciso, dove ora sorge il Castel dell’Ovo. 

Il monastero di Caponapoli

È proprio nei pressi di quel luogo, che dopo una brevissima malattia, Santa Patrizia morì giovanissima, probabilmente il 25 agosto 685. Il carro che trasportava il suo corpo, tirato da due asini e senza guida, si fermò davanti al monastero di Caponapoli dei padri Basiliani, e lì fu seppellito il suo corpo.

Il prodigio della manna 

Successivamente i resti furono trasportati nel monastero di San Gregorio Armeno e,  ancora oggi rivestiti di cera, sono protetti da un’urna d’oro e argento, intarsiata di gemme. Tali resti possono essere venerati dai fedeli, perché posti in una cappella di una navata del monastero. Da quel giorno, la popolazione è accorsa con molto entusiasmo, sia per quanto riguarda il prodigio della liquefazione del sangue di Santa Patrizia, e sia per quello della manna. Si racconta infatti, che dal secolo XII, un liquido puro simile all’acqua sia trasudato lungo le pareti sepolcrali del corpo.

Il sangue dal dente di Santa Patrizia

Racconto diverso quello riguardo il raccoglimento del sangue di Santa Patrizia: si narra infatti, che un cavaliere, afflitto da enormi sofferenze, andò a pregare sulla tomba della santa per guarirlo. Spinto da una grande devozione, decise di aprire l’urna, cavando un dente alla vergine, morta ormai qualche secolo prima. Si racconta che dalla bocca della santa, vi fuoriuscì sangue, come se il suo corpo fosse ancora mosso da vita. Dallo stupore di quell’evento, il sangue fu prontamente raccolto in due ampolle (Eroica Fenice). 

Il sangue di Santa Patrizia solitamente si scioglie il 25 agosto, data presunta della morte, e ogni martedì.

Patrona di Napoli

Nel 1625 è stata nominata compatrona di Napoli e nel 1642 la sua statua d’argento è stata condotta al Duomo di Napoli (Fan Page).

La preghiera a Santa Patrizia

O prodigiosa Vergine Santa Patrizia,

mia avvocata e protettrice,

che negli ultimi momenti della vostra vita

otteneste da Gesù

consiglio e divina protezione a tutti coloro

che a voi si rivolgessero per aiuto,

ottenetemi da Dio

la salute dell’anima e del corpo,

la vittoria sul Demonio e sulle passioni;

allontanate le avversità che mi circondano,

consolatemi nelle presenti tribolazioni.

Ottenetemi il perdono dei peccati

e l’ingresso nel regno del Cielo.

Siate porto di salvezza

ai naviganti

e tutela alla nostra città.

Diffondete speciale patrocinio sopra di me

e su tutti i vostri devoti,

affinché il nome santo di Dio

sia benedetto, glorificato,

esaltato e lodato da tutti

nei secoli dei secoli.

Amen.

Santa Patrizia, pur essendo il punto fermo nella vita di chi cerca marito, è anche la protettrice dei naviganti, delle partorienti e dei più bisognosi.

Tags:
sangue
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni