Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 26 Gennaio |
Santi Timoteo e Tito
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Un’imbarcazione di nome “Jesus” schiacciata da una roccia in Brasile. Perché Dio lo ha permesso?

017_242632.jpg

EyePress via AFP

Ricardo Sanches - pubblicato il 12/01/22

“Dov'era Gesù in quel momento?”, si sono chiesti molti notando l'apparente paradosso nel fatto che l'imbarcazione portasse il Suo nome e che i suoi passeggeri siano rimasti vittime della tragedia

L’8 gennaio, una grande roccia vicina a una cascata è crollata nella riserva di Furnas a Capitólio, nello Stato brasiliano di Minas Gerais. La riserva è una meta turistica gettonata, e al momento del crollo erano presenti sul posto varie imbarcazioni. Quella chiamata “Jesus” è stata la più colpita.

Secondo il portavoce del dipartimento dei vigili del fuoco locali, Pedro Aihara, sull’imbarcazione c’erano dieci turisti, tutti morti nell’impatto. Altri turisti che viaggiavano su imbarcazioni diverse sono rimasti feriti, e almeno due sono stati ricoverati.

La stampa locale riferisce che le dieci persone morte sulla “Jesus” appartenevano alla stessa famiglia. Tra loro c’era anche un bambino.

Le intense piogge recenti sono ritenute la causa dell’incidente. Il video mostra il momento del crollo e il panico che si è diffuso tra i turisti (Attenzione! Alcuni potrebbero trovare il video troppo crudo).

Dopo che è stato reso noto il nome dell’imbarcazione colpita, “Jesus”, molti sono rimasti colpiti e hanno cominciato a parlare di “paradosso” per il fatto che sia stata colpita dalla tragedia. “Dov’era Gesù in quel momento?”, si sono chiesti.

Alcuni hanno anche ricordato il passo del Vangelo di Marco che narra l’episodio in cui Gesù si trova sulla barca con i discepoli quando una tempesta riempie l’imbarcazione d’acqua, ma Lui calma la tempesta e tutti sopravvivono.

È chiaro che questo passo biblico – come molti altri – non può essere interpretato in modo letterale, né si può tentare di usarlo per mettere in discussione il motivo per cui Gesù non avrebbe salvato dalla morte i passeggeri di un’imbarcazione che porta il Suo nome.

Perché Dio permette tragedie naturali?

Nei disegni divini, c’è molto che la nostra condizione umana non riesce a comprendere. Perché permetterebbe che una roccia cada su un’imbarcazione che porta il nome di Suo Figlio e uccida dieci altri Suoi figli?

La risposta può essere difficile, ma è certo che Dio non è indifferente alla nostra sofferenza. Non si può dire che le tragedie siano “opera di Dio”, almeno non nel senso di essere desiderate da Lui come tali. Anche in queste situazioni disastrose, la sofferenza di Cristo è unita a quelle delle persone coinvolte, perché Gesù tenta di portarci tutti a Sé.

  • 1
  • 2
Tags:
doloresofferenza
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni