Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 25 Settembre |
San Vincenzo Maria Strambi
home iconNews
line break icon

Bambini e social network: quali rischi corrono con le nuove tecnologie?

SCREEN TIME

Shutterstock

Don Fortunato Di Noto - pubblicato il 11/08/21

“Bambini e Tecnologia. Tra studi empirici e laboratori educativi”, è il titolo della nuova ed interessante pubblicazione di Don Fortunato Di Noto, fondatore dell'associazione Meter

Negli anni avevamo già sperimentato e verificato come Facebook e gli altri social media “approfittano delle vulnerabilità della psicologia umana” con un meccanismo che crea dipendenza come una droga, “Dio solo sa cosa sta facendo alla mente dei bimbi”.

Quando ad affermarlo è un ‘osservatore privilegiato’ come Sean Parker, inventore di Napster e fra i primi collaboratori di Mark Zuckerberg fino a diventare presidente della società di Menlo Park, che in un evento pubblico, era il 2017,  ha detto di considerarsi un ‘obiettore di coscienza’ dei social media, mettendo paletti e offrendo percorsi per la sicurezza dei più vulnerabili, quali i minori:  “Il processo creativo dietro queste applicazioni, a partire da Facebook, è stato ‘come posso consumare più tempo e attenzione possibile?'” – spiega Parker, che ha fondato e dirige il Parker Institute for Cancer Immunotherapy. 

Quel “Dio solo sa cosa sta facendo alle mente dei bimbi”, ha imposto all’èquipe di Meter, in stretta collaborazione con il mondo accademico e scientifico, di capire sempre di più cosa stia succedendo ai vulnerabili e ai bambini.

“Bambini e Tecnologia. Tra studi empirici e laboratori educativi”, è il titolo della nuova pubblicazione che ho curato ed  edito da Controvento Aps e già disponibile nella libreria on line della casa editrice.

La  pubblicazione (di 232 pagine) rappresenta un nuovo strumento di prevenzione e di sensibilizzazione utile a comprendere, attraverso gli studi scientifici, le potenzialità e i limiti della rete internet, ma allo stesso tempo ad acquisire gli strumenti educativi e creativi per ridurne i rischi.

Il volume intende sollevare vari interrogativi, ma anche fornire delle risposte scientifiche all’esposizione dei bambini all’uso della tecnologia e ai potenziali rischi.

Il libro è diviso in tre parti. Contiene, nella prima, gli studi in base ad una ricerca empirica condotta dagli esperti di Meter insieme alla Cattedra di Psicologia dell’Università di Catania  e  i cambiamenti nei “nativi digitali” riguardo ai processi cognitivi (attenzione, memoria, apprendimento) in riferimento all’uso di Internet. Ma anche agli stili genitoriali che intervengono ad interagire con questi processi. 

La seconda e terza parte del volume, sono dedicate alla possibilità di intervenire in ottica educativa sui due aspetti trattati nella parte precedente. Cioè il potenziamento delle funzioni cognitive dei bambini “nativi digitali” mediante attività laboratoriali utilizzabili all’interno dell’ambiente scolastico; la prevenzione dei pericoli generati dal cattivo uso delle tecnologie, per cui tanti bambini “cadono nella rete” che li stimola a comportamenti dannosi per sé e per gli altri.

Il testo è versatile, consente di raggiungere vari destinatari grazie agli strumenti pratici e ai laboratori presentati, basati sulla pluriennale esperienza dell’équipe di Meter che supportano insegnanti e genitori nel lavoro educativo volto a sfruttare al meglio i vantaggi delle tecnologie e al tempo stesso a prevenirne i rischi.

Gli studi scientifici suscitano l’interesse di studenti universitari e professionisti, infine le illustrazione dei racconti risultano piacevoli letture per bambini e ragazzi.

Il libro si avvale della collaborazione di vari autori quali: 

don Fortunato Di Noto, presidente di Meter e docente di Teoria ed etica dei media presso l’Istituto Superire di Scienze Religiose San Metodio di Siracusa.

prof. Santo Di Nuovo, professore ordinario di Psicologia e presidente dell’Associazione Italiana di Psicologia.

– L’èquipe di Meter

dott.ssa Consiglio Arianna, psicologa;

dott.ssa  Passarello Adriana, psicologa;

avv. Maria Suma, avvocatessa del Foro di Siracusa, cofondatrice e vice presidente;

Santa Argentino, graphic designer.

Tags:
lotta alla pedofiliasocial network
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il gender è una “ideologia diabolica”. Serve pastorale c...
2
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
Gelsomino Del Guercio
Scandalo droga e festini gay con il prete: mea culpa del vescovo ...
5
FATIMA
Marta León
Entra nel Carmelo a 17 anni: “Mi getto tra le braccia di Dio”
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
SHEPHERDS
José Miguel Carrera
Il dolore dei genitori per i figli che non vogliono più sapere ni...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni