Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 13 Giugno |
Sant'Antonio da Padova
home iconChiesa
line break icon

La cattedrale rinata dopo il massacro: il viaggio del Papa in Iraq inizierà qui

Creative Commons Attribution 2.0 Generic | Eliko007 | via Wikimedia

La cattedrale caldea "Nostra Signora della Salvezza" di Bagdad.

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 04/03/21

Poche ore dopo il suo arrivo a Bagdad, Francesco si sposterà alla cattedrale di Nostra Signora della Salvezza, la "nave" dei cristiani iracheni

“Fratello tra i fratelli”, Papa Francesco inizierà il suo viaggio apostolico in Iraq da un luogo simbolo di dolore e rinascita per i cristiani. Si tratta della cattedrale di Bagdad, intitolata a Sayidat-al-Nejat (Nostra Signora della Salvezza), sede dell’Arcieparchia siro-cattolica della capitale irachena.

La maestosa Cattedrale è una delle chiese più grandi della megalopoli irachena, che conta quasi 7 milioni di abitanti. Papa Francesco la raggiungerà intorno alle 16:15 (ora locale) del 5 marzo, qualche ora dopo l’arrivo in Iraq e i saluti alle massime istituzioni del Paese.

© AHMAD AL-RUBAYE / AFP
La cattedrale distrutta, dopo l'attentato del 2010.

Una nave che sostiene i credenti

La chiesa è stata bersaglio di due attacchi terroristici, di cui uno, il 31 ottobre 2010, ad opera del sedicente Stato Islamico, estremamente sanguinoso, in cui sono morte 48 persone – tra loro anche due sacerdoti – e ne sono state ferite circa 70.

Situato nel quartiere centrale di Karrada, l’attuale edificio, inaugurato nel marzo 1968, è stato costruito al posto di una piccola chiesa edificata nel 1952, per accogliere i cattolici siriani allora sempre più numerosi. La chiesa, progettata dall’architetto polacco Kafka in stile moderno, rappresenta una nave che sostiene i credenti, come la barca che portava Gesù e i suoi discepoli nella tempesta.

©AHMAD AL-RUBAYE / AFP PHOTO
La macerie di quel giorno che i cristiani iracheni ricorderanno per sempre: 31 ottobre 2010.

Il memoriale per le vittime dell’attentato

Sul lato est, l’ingresso principale è sormontato da una immensa croce all’interno di un arco; sul lato ovest, una cupola s’innalza sopra l’altare. Annessa alla Cattedrale anche la “Scuola elementare Ephraim”. Dopo l’attacco del 2010, la chiesa è stata ristrutturata e per le vittime è stato eretto un memoriale.


IRAQ

Leggi anche:
Il Papa in Iraq: che viaggio sarà?

5000 famiglie

I due sacerdoti uccisi sono stati sepolti nella cripta della chiesa. Prima della guerra in Iraq, circa 5.000 famiglie visitavano regolarmente la Cattedrale di Sayidat-al-Nejat. Dal 2018, le tre chiese siro-cattoliche di Baghdad sono state visitate regolarmente da non più di 1.000 famiglie.

Il Papa viene accolto all’ingresso della Cattedrale da Sua Beatitudine Ignace Youssif III Younan, Patriarca di Antiochia dei Siri, e dall’Arcieparca Mons. Ephrem Yousif Abba. Nel piazzale antistante la Cattedrale sono presenti 12 disabili con i loro accompagnatori.


IRAQ

Leggi anche:
Papa Francesco in Iraq visiterà i luoghi di cui parla la Bibbia

Cosa farà Papa Francesco nella Cattedrale

Prima che il Papa entri all’interno della Cattedrale, dove sono riunite circa 100 persone, il Patriarca Younan e l’Arcieparca Abba gli porgono il crocifisso e l’acqua benedetta per l’aspersione. Insieme, poi, camminano lungo la navata centrale accompagnati da un canto.

Prima che il Papa raggiunga l’altare, due giovani gli porgono dei fiori che lui depone davanti al Tabernacolo, dove si raccoglie brevemente in preghiera in silenzio. Al termine, il Papa raggiunge l’altare.


IRAQ

Leggi anche:
Le cinque cose da sapere sul viaggio di papa Francesco in Iraq 

Video dell’attentato del 2010




Leggi anche:
Il papa è d’accordo sul bombardamento in Iraq?

Tags:
iraqPapa in Iraqviaggio papale
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Gelsomino Del Guercio
Strano cerchio bianco sulla testa del Papa. Il video diventa vira...
3
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
4
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Claudio De Castro
Sono andato a Messa distratto, e Gesù mi ha dato una grande lezio...
7
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni