Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 15 Maggio |
Sant'Isidoro
home iconCultura
line break icon

Il toccante corto animato per capire che l’amore e l’empatia possono cambiarci la vita

Catholic Link - pubblicato il 17/02/21

Ispirata da eventi veri, durante una visita a un orfanotrofio, una bambina incontra Joseph, un ragazzo che sogna di avere un Ombrello giallo. Questo incontro inaspettato risveglia i suoi ricordi del passato.

di Nory Camargo

Umbrella è un corto animato brasiliano in cui mi sono imbattuta per caso e che mi ha profondamente commosso. È stato candidato agli Oscar di quest’anno, ed è basato su una storia di vita reale.

I registi, Helena Hilario e Mario Pece, hanno affermato che “realizzando questo corto il nostro sogno e il nostro obiettivo era quello di tradurre un ricordo doloroso in arte per diffondere un bel messaggio di empatia e speranza. Un evento triste ci ha ispirati a creare una bella storia.

Non potevamo non pensare a quanto siano preziosi i nostri ricordi, e al fatto che dobbiamo metterci nei panni dell’altro prima di trarre conclusioni affrettate”.

In otto minuti, Umbrella parla solo attraverso gesti e suoni dell’empatia e dell’importanza di non giudicare, e ci ricorda che questo mondo è assetato d’amore e che ogni gesto, per quanto piccolo, se nasce dal cuore conta, e molto.

Umbrella e il nostro modo di affrontare il dolore

Questo corto mi ha fatto riflettere su varie cose, ma soprattutto sul fatto che è molto importante capire che affrontiamo tutti il dolore in modi diversi, e che giudicare senza conoscere l’altro è solo una perdita di tempo.

Quante volte ci accade la stessa cosa che capita alla bambina dell’orfanotrofio! Mossi dalle prime impressioni giudichiamo, puntiamo il dito e feriamo profondamente gli altri.

Prima di lanciarci a criticare e a offendere (cosa che a volte sembra più naturale che respirare), facciamo una pausa, e pensiamo per qualche minuto all’impatto che quello che diciamo o facciamo può avere su chi abbiamo accanto.

So la ragione che lo ha spinto a comportarsi in quel modo? Conosco almeno una parte del suo passato? Mi sono sforzato di conoscerlo di più? Mi sono offerto di ascoltarlo o consolarlo? Mi sono preso la briga di chiedergli “perché”?

  • 1
  • 2
Tags:
amorecortometraggiempatia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
chiara amirante,
Paola Belletti
Perché dobbiamo pregare per la guarigione di Chiara Amirante
2
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle parrocchie
3
Padre Henry Vargas Holguín
Quali peccati un sacerdote “comune” non può perdonare?
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
6
Gelsomino Del Guercio
Marino Bartoletti: mi sono affidato alla Madonna dopo la morte di...
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni