Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 29 Novembre |
Santa Caterina Labouré
home iconFor Her
line break icon

Fai scorta di luce per le notti buie che verranno

MOTHER, DAUGHTER, LIGHT

Impact Photography | Shutterstock

Martha, Mary and Me - pubblicato il 09/11/20

Cosa ci fa alzare lo sguardo e avere fiducia in Dio quando ci scoraggiamo e vediamo tutto buio? Aver custodito segni vivi del Suo amore che si fa presente ora, nella nostra famiglia.

Hai paura del buio?

Ci sono notti più buie di altre, io ne ricordo una di diciassette anni fa, fu una notte terribile, una notte nera in cui urlai contro Dio e gli chiesi: “Ma perché hai permesso questo?”. Poi ci furono altre notti buie, una di queste fu quella del terremoto del 2009, noi fortunatamente non subimmo danni ma io sentii tutta la scossa, dall’inizio alla fine. E il giorno dopo feci una visita medica, quella che mi cambiò la vita.

Notti terribili, notti meravigliose

Ci sono notti invece in cui tutto sembra brillare. Le decine di notti trascorse a parlare e innamorarmi di quello che poi è diventato mio marito, quelle notti che volavano via leggere. La notte dopo aver scoperto di essere incinta, la notte in cui sentii mia figlia scalciare nella mia pancia per la prima volta, la notte in cui, dopo essere nata, me la portarono in camera e fu come se qualcuno mi portasse un regalo di quelli che guardi dalla vetrina e pensi che meraviglia, che bello, e che quando poi finalmente lo ricevi non riesci a credere che sia vero perché la gioia è troppa, è incontenibile.

La sorpresa di mezzanotte

Gesù, che è vero Dio ma anche vero uomo, raccontava le verità di lassù usando sempre esempi di quaggiù, esempi molto umani, comprensibili a tutti. Un matrimonio, l’attesa estenuante di quel giorno, la preparazione, l’abito perfetto, la cerimonia, il ricevimento, l’emozione. Tutti conosciamo almeno alcuni di questi aspetti, se non direttamente almeno indirettamente. All’epoca, duemila anni fa, il matrimonio era qualcosa di molto molto importante, serio. Oggi spesso si preferiscono cerimonie con pochi invitati, perché “è più intimo, è più bello”. Al tempo di Gesù un matrimonio era una festa enorme, si andava avanti a festeggiare anche per una settimana, e tutti partecipavano felici.
Le vergini di cui parla Gesù siamo tutti noi, siamo noi che andiamo verso Dio portando la nostra lampada, la nostra vita, tutti vestiti bene, eleganti, belli ed emozionati. Tutti possiamo addormentarci, stanchi, appesantiti, depressi a volte, tristi, ci addormentiamo ogni volta che invece di alzare lo sguardo e avere fiducia in Dio scegliamo di tenere gli occhi bassi, ci scoraggiamo e vediamo tutto buio. Questo succede a tutti, ma poi cosa accade? Accade che è mezzanotte, lo sposo sta arrivando, qualcuno ci sveglia e ci dice di corrergli incontro. Dai forza, non mollare. Prendi su la tua vita e vai da lui.
Ed è lì, in quel preciso momento che noi guardiamo le nostre lampade e vediamo se sono spente, se sono prive di amore, oppure no.




Leggi anche:
La famiglia… che stupendo casino!

Essere pronti non significa non addormentarsi, ma significa avere da parte tanti piccoli vasetti con dentro atti d’amore per infiammare la nostra vita. Ma non un amore astratto, non un amore ideologizzato, rivolto verso un’idea lontana, ma un amore vivo e vero, amore per chi ci dorme accanto la notte (nel mio caso uno a sinistra e una che scalcia come un mulo a destra), amore per i nostri genitori che nonostante tutti gli errori che possono aver commesso ci hanno fatto il dono più grande, quello della vita, e questo non potremo mai negarlo o uguagliarlo nei loro confronti.

Amore verso i figli, che è viscerale, che ci fa capire cosa significa amare fino a dare la propria vita per l’altro.
Cristo vuole questo, vuole che amiamo, vuole una fede viva, luminosa, che sia come l’aurora nelle vite di chi ci sta accanto, e mai tenebra. Non temiamo i momenti difficili, le prove, le difficoltà, ma non dimentichiamoci mai di amare. Solo questo conta, perché più amiamo e meno pecchiamo e più siamo vicini al Paradiso.
Tags:
amorefamiglialuce
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
MEDALLA MILAGROSA
Corazones.org
Pregate oggi la Madonna della Medaglia Miraco...
FIRST CENTURY HOUSE AT THE SISTERS OF NAZARETH SITE
John Burger
Archeologo britannico pensa di aver trovato l...
Giovanni Marcotullio
“Kyrie eleison” e non “Signore, pietà”
Jesús V. Picón
Sacerdote con un cancro terminale: perde gli ...
CHRISTMAS MASS
Gelsomino Del Guercio
Messa di Natale anticipata: dopo il governo, ...
Pape François audience
Gelsomino Del Guercio
"Benedizione Urbi et Orbi del Papa". Attenti,...
Amy Brooks
5 ragioni per cui indosso la Medaglia Miracol...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni