Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

La famiglia… che stupendo casino!

Condividi

Istruzioni per vivere felici amandosi senza l’illusione di essere perfetti

“Rocambolesckin, manuale di felicità per famiglie imperfette”, di Michela Serangeli e Christian Cinti (Tau Editrice) è un simpatico e brillante vademecum, per niente leggero, rivolto ai genitori e a tutti coloro che hanno a che fare con i bambini con lo scopo dichiarato di dispensare pillole di saggezza cristianamente ispirate per (ri)scoprire e vivere la bellezza della famiglia vera, non quella romanzata, alle prese tutti i giorni con le sue fragilità e difficoltà. Gli autori, partendo dalla loro sofferta condizione di coppia sterile che ha adottato due vivacissimi bambini colombiani, Miguel Àngel e Moisés David, i quali quotidianamente mettono alla prova e spiazzano i genitori, presentano la “Teoria del Rocamboleskin”, fantasioso neologismo da essi stessi coniato che condensa quanto hanno tratto dalla loro stimolante esperienza illuminata dalla Fede.

Cos’è il Rocamboleskin?

“Il Rocamboleskin è un attributo della sostanza della famiglia che potremmo sintetizzare come segue: un gran casino. Rocamboleskin è quando niente è come ti aspetteresti, niente fila liscio, niente riesce al primo colpo, ma neanche al secondo, al terzo, al quarto (…) è quando niente è prevedibile, niente è lineare, ma tutto è incredibilmente bello. Il Rocamboleskin ti spiazza continuamente, è una vera rottura, ma non compromette e non pregiudica mai la bellezza familiare, anzi”.

Infatti l’assunto di base “(…) è che in realtà le famiglie perfette non esistono. Non crediate a quelli che si sforzano di sembrare tutti precisi e puntuali, sempre corretti, in ordine, esatti. Non esistono famiglie perfette. Esistono, semmai, famiglie perfettine, che vogliono far credere a tutti, a se stesse per prime, di essere perfette”.

Anche le famiglie naturali sono in fondo sempre adottive

L’ulteriore riflessione che viene proposta è che se la loro è una famiglia adottiva per definizione, anche le famiglie naturali sono in fondo sempre adottive per il fatto che…

“(…) i figli non ti appartengono davvero. Cioè non sono i tuoi. Neanche se li hai concepiti e partoriti. Non sono una proprietà. Questo, per ovvi motivi, nella famiglia adottiva è lampante, ma è vero anche per la famiglia naturale (…) visto che i figli appartengono a Dio, il quale vi ha scelto e ve li ha donati perché ve ne prendiate cura accompagnandoli a spiccare il volo, un giorno”.

Prima o poi tutte le famiglie, naturali o adottive, quelle che quotidianamente arrancano o quelle felici e ben ordinate, fanno esperienza del Rocamboleskin, di quegli scossoni più o meno grandi che prima o poi arrivano e della conseguente necessaria risposta che, a seconda di come si reagisce, “(…) può dare luogo ad effetti molto diversi. Ovvero può dar luogo ad effetti molto negativi o ad effetti molto positivi”.

Flessibilità sì, ma non troppa

Quale è il segreto per trarre benefici dal Rocamboleskin e sfruttare il suo potenziale trasformativo di crescita? Per Michela e Christian la risposta sta nella flessibilità.

“(…) Occorre quel tanto di flessibilità che serve per adattarsi al cambiamento e al fuori schema, per rivedere i propri programmi, per non lasciarsi schiacciare dalla situazione quando va fuori controllo o quando si viene sorpresi da un elemento di novità che mette in crisi”.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni