Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 04 Dicembre |
San Giovanni Damasceno
home iconChiesa
line break icon

Corruzione in Vaticano, il Papa: "Non ho paura, agisco in nome di Dio"

Pope Audience

Antoine Mekary | ALETEIA

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 30/10/20

Intervistato da AdnKronos, Francesco rivela: “All’inizio del mio pontificato, Benedetto XVI mi ha consegnato una scatola con gli atti e le situazioni più difficili”

Papa Francesco parla senza filtri di corruzione e malaffare in Vaticano. Lo fa in una intervista ad AdnKronos (30 ottobre). «Purtroppo è una storia ciclica, si ripete, poi arriva qualcuno che pulisce e rassetta – osserva il Papa – ma poi si ricomincia in attesa che arrivi qualcun altro a metter fine a questa degenerazione».

La scatola di Benedetto XVI

Francesco rivela che «all’inizio del mio pontificato andai a trovare Benedetto. Nel passare le consegne mi diede una scatola grande: “Qui dentro c’è tutto – disse -, ci sono gli atti con le situazioni più difficili, io sono arrivato fino a qua, sono intervenuto in questa situazione, ho allontanato queste persone e adesso…tocca a te”. Ecco, io non ho fatto altro che raccogliere il testimone di Papa Benedetto, ho continuato la sua opera».

AFP PHOTO / TIZIANA FABI
CITE DU VATICAN, Vatican City : Pope emeritus Benedict XVI (L) is welcomed by Pope Francis as he arrives to attend a papal mass for elderly people at St Peter's square on September 28, 2014 at the Vatican. AFP PHOTO / TIZIANA FABI

“E’ la santità fatta persona”

Tra i due Papi c’è un rapporto trasparente. «Benedetto per me è un padre e un fratello, per lettera gli scrivo “filialmente e fraternamente”. Lo vado a trovare spesso lassù (con il dito indica la direzione del monastero Mater Ecclesiae proprio alle spalle di San Pietro, nda) e se recentemente lo vedo un po’ meno è solo perché non voglio affaticarlo. Il rapporto è davvero buono, molto buono, concordiamo sulle cose da fare».

Il falso litigio sulla tomba

Benedetto, prosegue Bergoglio, «è un uomo buono, è la santità fatta persona. Non ci sono problemi fra noi, poi ognuno può dire e pensare ciò che vuole. Pensi che sono riusciti perfino a raccontare che avevamo litigato, io e Benedetto, su quale tomba spettava a me e quale a lui».




Leggi anche:
Tra Benedetto XVI e Papa Francesco continuità e affetto

“La Chiesa è stata sempre una peccatrice”

Papa Francesco sul tema del “pulizia” dalla corruzione in Vaticano. «La Chiesa è stata sempre una casta meretrix, una peccatrice. Diciamo meglio: una parte di essa, perché la stragrande maggioranza va in senso contrario, persegue la giusta via».

Però, continua, «è innegabile che personaggi di vario tipo e spessore, ecclesiastici e tanti finti amici laici della Chiesa, hanno contribuito a dissipare il patrimonio mobile e immobile non del Vaticano ma dei fedeli. A me colpisce il Vangelo quando il Signore chiede di scegliere: o segui Dio o segui il denaro. Lo ha detto Gesù, non è possibile andare dietro a entrambi».

© Umberto Pizzi - Dagospia
Vatileaks è stato tra uno degli scandali peggiori che hanno dovuto affrontare sia Benedetto che Francesco. Nella foto: Monseigneur Vallejo et Madame Chaouqui (Umberto Pizzi - Dagospia)

La solitudine “funzionale”

La lotta pubblica e senza sconti al malaffare vaticano di questi tempi, scrive AdnKronos, regala l’immagine di un pontefice molto concreto, deciso, risoluto. «Se sono solo? Ci ho pensato. E sono arrivato alla conclusione che esistono due livelli di solitudine: uno può dire, mi sento solo perché chi dovrebbe collaborare non collabora, perché chi si dovrebbe sporcare le mani per il prossimo non lo fa, perché non seguono la mia linea o cose così, e questa è una solitudine diciamo… funzionale».


POPE FRANCIS AUDIENCE

Leggi anche:
Papa su nuove congregazioni: in alcune, casi impressionanti di corruzione interna

La solitudine “esistenziale”

Poi, aggiunge Papa Francesco, «c’è una solitudine sostanziale, che non provo, perché ho trovato tantissima gente che rischia per me, mette la sua vita in gioco, che si batte con convinzione perché sa che siamo nel giusto e che la strada intrapresa, pur fra mille ostacoli e naturali resistenze, è quella giusta. Ci sono stati esempi di malaffare, di tradimenti, che feriscono chi crede nella Chiesa. Queste persone non sono certo suore di clausura».

POPE AUDIENCE
Antoine Mekary | ALETEIA

“Non sono molto ottimista”

La battaglia di Papa Francesco sulla corruzione e il malcostume in Vaticano è dura. Papa Francesco non ne può conoscere l’esito. «So che devo farla, sono stato chiamato a farla, poi sarà il Signore a dire se ho fatto bene o se ho fatto male. Sinceramente non sono molto ottimista (sorride, ndr) però confido in Dio e negli uomini fedeli a Dio. Ricordo di quand’ero a Cordoba, pregavo, confessavo, scrivevo, un giorno vado in biblioteca a cercare un libro e mi imbatto in sei-sette volumi sulla storia dei Papi, e anche tra i miei antichissimi predecessori ho trovato qualche esempio non proprio edificante».


vescovo di carpi dimissionario

Leggi anche:
L’amarezza di mons. Cavina: non ce la faccio più, mi dimetto da vescovo

“Sono un inconsciente?”

Alla domanda “se ha paura” di reazioni e ritorsioni per il suo graduale “repulisti” anti corruzione, Papa Francesco risponde così: «E perché dovrei averne?». E spiega: «Non temo conseguenze contro di me, non temo nulla, agisco in nome e per conto di nostro Signore. Sono un incosciente? Difetto di un po’ di prudenza? Non saprei cosa dire, mi guida l’istinto e lo Spirito Santo, mi guida l’amore del mio meraviglioso popolo che segue Gesù Cristo. E poi prego, prego tanto, tutti noi in questo momento difficile dobbiamo pregare tanto per quanto sta accadendo nel mondo».


Le dôme de la Basilique Saint-Pierre, au Vatican.

Leggi anche:
Scandalo immobile del Vaticano a Londra: svelata la truffa, arrestato broker

Tags:
corruzionepapa francescovaticani
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
POPE FRANCIS ON CHRISTMAS
Giovanni Marcotullio
Non esiste alcuna “Messa di Mezzanotte”... sì...
FATHER JOHN FIELDS
John Burger
Muore sacerdote che si era offerto volontario...
MARIA DEL MAR
Rodrigo Houdin
È stata abbandonata in una discarica, ma ha c...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CHARLES
Anna Ashkova
La preghiera del Beato Charles de Foucauld da...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni