Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 31 Luglio |
Sant'Ignazio di Loyola
home iconFor Her
line break icon

Come sto resistendo ai “terribili due” anni della mia bambina

LITTLE GIRL SCREAMS,

Leon Rafael | Shutterstock

Silvia Lucchetti - pubblicato il 13/08/20

5 suggerimenti per affrontare nel modo migliore la fase in cui il figlio comincia ad affermare la propria autonomia con i capricci e i "no"

Quando è nato il mio secondo figlio, la primogenita non aveva ancora compiuto 2 anni: avrebbe spento le candeline solo tre mesi e mezzo più tardi. Tutto è andato per il meglio, sì, qualche crisi di pianto in contemporanea con il fratello, certi concerti che non vi dico, però nulla di più. Tutto è cambiato qualche mese dopo, e davvero mi è sembrato di entrare nel famoso tunnel senza uscita. Mia figlia ha cominciato a fare i capricci, non quelli classici per aver un gioco, un gelato o per stare in braccio, i capricci una tantum per intenderci, normalissimi per una bambina piccola. No: il capriccio h24, perenne, mai domo. Dalla mattina alla sera con pause talmente brevi che non me le ricordo. Era tutto un singhiozzare e urlare in maniera isterica ed io ero stremata. Non ascoltava, non obbediva, non si calmava. Il fatto che parli al passato dovrebbe farvi ben sperare cari genitori che mi state leggendo. Sì, perché ve lo svelo subito, oggi va molto meglio.

LITTLE GIRL,
forsiba | Shutterstock

Dare spiegazioni era diventato controproducente

Il suo era un pianto ininterrotto, una lagna perpetua, mai sussurrata, bensì urlata, sguaiata, disperata. Le ho provate tutte: calmare, consolare, ascoltare, spiegare, strillare, parlare, parlare, parlare. Mi sono presto accorta però che il mio cercare di dare spiegazioni alle continue richieste di una figlia, già molto loquace e con un ricco vocabolario, era diventato addirittura controproducente. Ma anche abbracciare, rimproverare, ricattare, promettere non funzionavano. Niente. Non cambiava nulla, ero sempre più stanca, sfinita, frastornata dalle sue lamentazioni. Nulla riusciva ad arginarla.




Leggi anche:
Un trucco infallibile per la nanna del vostro neonato!

L’Ave Maria

Un pomeriggio ricordo che nel bel mezzo del pianto greco mi sono messa a pregare l’Ave Maria. La lagna non è cessata ma io ero finalmente libera, non so come spiegarlo, pregando la Madre sono riuscita ad essere madre davvero, presente ma non prigioniera dei capricci di mia figlia. Allattare così, lavorare così, sistemare casa, preparare il pranzo, cercare di parlare con mio marito, fare tutto con questo lamento piagnucoloso, disperato e insistente di sottofondo è stato difficilissimo. In confronto Baby shark a ripetizione è nulla, ve lo garantisco! E converranno con me le madri che ci sono passate. Siete delle eroine senza saperlo!

Terrible two

Un giorno al parco ho sentito alcune mamme parlottare dei “terribili due”, gli inglesi li chiamano Terrible two. Insomma una fase che inizia appunto quando il bambino compie due anni, caratterizzata da crisi di pianto improvviso, capricci, collera. Il piccolo, scrivono le pedagogiste Marisol Trematore e Francesca Zanella (Uppa.it), comincia ad avvertirsi come unità corporea separata dai genitori e vive un momento di grande cambiamento. Innanzitutto non bisogna disperare: come tutte le fasi ha un inizio e una fine, “(…) ma rimane comunque un periodo che va compreso e affrontato attentamente, proprio per alleggerire le fatiche” (Ibidem). E che fatiche!!! 🙂




Leggi anche:
Il carico mentale: quando le donne si esauriscono per pensare a tutto

No ai catastrofismi

Mia figlia non ha smesso di fare i capricci però mi ascolta, alza ancora la voce e dice “no”, ma sta imparando ad obbedirmi, mi risponde, magari non al primo richiamo ma al terzo sì. Piange, sbatte i piedi a terra ma dopo poco smette, viene e mi bacia: “Scusami mamma”. Quindi fate un bel respiro e non lasciatevi scoraggiare da chi dice, “questo bambino è terribile, non so come farai!”, o “la situazione è più complicata di quello che pensavo”, i catastrofismi lasciamoli stare.

“Io” e “no”: le parole dei 2 anni

I bambino, scrivono le pedagogiste, come l’adulto, ha il diritto di dire “no”, anche se spesso diviene

una specie di parola magica da ripetere ostinatamente per affermare la loro volontà e l’indipendenza dagli adulti (o anche solo per vedere che effetto fa). (Uppa.it)

Allo stesso tempo inizia a pronunciare con frequenza il pronome “io”…

si riconosce allo specchio, percepisce la propria unità corporea e comincia a sentirsi una “persona” dotata di pensiero e volontà, separata dalla madre, dal padre e dalle altre figure di riferimento. (Ibidem)

In questa fase di affermazione e opposizione, continuano le autrici, la mamma è presa di mira perché è la persona con cui il bambino ha più confidenza e con la quale ha ancora paura di confondersi.

è attraverso “no” e “io” (e anche “mio”) che il bambino sperimenta la sua libertà e cerca di affermare la propria personalità; si fanno cioè strada in lui le prime forme di “pensiero individuale”. Le “obiezioni” rappresentano, quindi, null’altro che un richiamo all’autonomia. (Uppa.it)

Ed ora scorrete la galleria fotografica per conoscere i suggerimenti indicati dalle pedagogiste per non perdere la brocca di fronte ai terribili (e adorabili) due.

Tags:
capriccifigli
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
JENNIFER CHRISTIE
Jeff Christie
Mia moglie è rimasta incinta del suo stupratore – e io ho accolto...
2
Gelsomino Del Guercio
Don Patriciello richiama Fedez che incita all’aborto: i pre...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
NEWBORN, GIRL
Annalisa Teggi
Genova: neonata lasciata nella culla per la vita. Affidata, non a...
5
BENEDYKT XVI O KAPŁAŃSTWIE
Gelsomino Del Guercio
Nella Chiesa “separare i fedeli dagli infedeli”. La stoccata di B...
6
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
7
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni