Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 31 Ottobre |
San Wolfgang di Rägensburg
home iconChiesa
line break icon

Il profumo di San Giuseppe: il balsamo di Galaad, unguento prodigioso

Wikimedia - Creative Commons

Il Balsamo di Galaad.

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 07/08/20

E' un'aroma che evoca la guarigione fisica e spirituale. Ed ecco perché è legato a Giuseppe

Il profumo che identifica la presenza di San Giuseppe? L’unguento di Galaad, come spiega Anne Lecu nel suo libro “Mi hai unto con un profumo di gioia” (edizioni San Paolo).

Questo unguento è poco conosciuto in occidente. Eppure ha un’aroma molto marcata e al tempo di Gesù era utilizzato per profumare il corpo dei morti. Ecco perché è collegato a San Giuseppe.

wikipedia

La tunica insanguinata e gli aromi

Giuseppe viene venduto dai suoi fratelli, i quali fanno credere al loro padre che egli sia morto scannato. La sua tunica è stata insanguinata con il sangue di un capretto, che fa di fatto la funzione del capro espiatorio: i fratelli la portano al padre come prova della morte. Nel frattempo, Giuseppe viene condotto via da alcuni mercanti che commerciano in aromi.

Quando Giuseppe fu arrivato presso i suoi fratelli, essi lo spogliarono della sua tunica, quella tunica con le maniche lunghe che egli indossava, lo afferrarono e lo gettarono nella cisterna: era una cisterna vuota, senz’acqua. Poi sedettero per prendere cibo. Quand’ecco, alzando gli occhi, videro arrivare una carovana di Ismaeliti provenienti da Galaad (una regione dell’antica Palestina ndr), con i cammelli carichi di resina, balsamo [çori] e laudano, che andavano a portare in Egitto.

Allora Giuda disse ai fratelli: “Che guadagno c’è a uccidere il nostro fratello e a coprire il suo sangue? Su, vendiamolo agli Ismaeliti e la nostra mano non sia contro di lui, perché è nostro fratello e nostra carne”. I suoi fratelli gli diedero ascolto. Passarono alcuni mercanti madianiti; essi tirarono su ed estrassero Giuseppe dalla cisterna e per venti sicli d’argento vendettero Giuseppe agli Ismaeliti. Così Giuseppe fu condotto in Egitto (Gen 37,23-28).

La resina di abete balsamico

Giuseppe fa ormai parte delle mercanzie da scambiare, come un profumo in mezzo agli altri. Il biblista Jacques Teissier distingue il balsamo di Galaad, çori, dagli unguenti legati al culto e alla bellezza. Lo si ottiene a partire dalla resina di abete balsamico. Questa resina, di un giallo dorato, ha un odore soave e un sapore amaro e astringente. La denominazione di “balsamo di Galaad” viene sicuramente da Genesi 37,25.

L’unguento e il pane

Quando, in seguito, il vecchio Giacobbe invierà i suoi figli (tra cui Beniamino) in Egitto a incontrare Giuseppe, ormai divenuto intendente del regno (cosa che la sua famiglia ignora), per impetrare della povera farina al fine di sopravvivere alla carestia, manda con loro in dono i migliori prodotti del paese, fra cui proprio questo unguento, destinato al culto e alla cura dei morti, in cambio di un poco di pane per i vivi.

Un figlio che torna “vivo”

I figli di Giacobbe portano, dunque, aromi a Giuseppe, fratello perduto che neppure riconoscono. Dal canto suo, egli si farà riconoscere durante un pasto condiviso.

Qui c’è qualcosa che somiglia a una guarigione: Giacobbe invia delle spezie in dono a Giuseppe, senza sapere che si tratta di suo figlio. Queste sono le medesime spezie vendute dai mercanti che avevano acquistato Giuseppe come schiavo. E il balsamo destinato alla sepoltura dei morti restituisce a Giacobbe un figlio vivo! Mentre viene donato, esso guarisce.

Si deve, quindi, cambiare prospettiva: si tratta dell’unguento che Dio stesso – e Lui solo – può applicare per guarire il suo popolo. Un unguento che risana a prezzo del sangue versato. Un balsamo che restituisce la vita ai morti.

CLICCA QUI PER ACQUISTARE IL LIBRO “MI HAI UNTO CON UN PROFUMO DI GIOIA”


JESUS

Leggi anche:
Dalla mirra al nardo: ecco quali sono i profumi di Gesù




Leggi anche:
I profumi meravigliosi che emana la venerabile Benedetta Rencurel


PADRE PIO,MASS

Leggi anche:
I profumi di Padre Pio sono veri o sono suggestioni? Ecco cosa ne pensano i medici

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
profumosan giuseppe
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Annalisa Teggi
"Dite ai miei figli che li amo": ecco chi è l...
Lucandrea Massaro
Sale il numero di morti nell'attentato di Niz...
ERIN CREDO TWINS
Cerith Gardiner
“Dio ha senso dell'umorismo”: coppia di genit...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
EMILY RATAJKOWKSI
Annalisa Teggi
Emily Ratajkowski: scoprirò il sesso di mio f...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Silvia Lucchetti
Rischiava l'amputazione delle gambe. Oggi ha ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni