Aleteia
martedì 27 Ottobre |
Santi Luciano e Marciano
Chiesa

Conoscete la "profezia incompiuta" di San Francesco d'Assisi?

SAN FRANCESCO, ASSISI

Bernardo Strozzi

San Francesco d'Assisi.

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 28/07/20

Francesco, i suoi frati e le sue suore tentarono qualcosa di impensato che ci lascia ancora oggi senza fiato. Ma che non si è pienamente realizzato

La profezia incompiuta di San Francesco. La svelano Alessandra Smerilli e Luigino Bruni in “Benedetta economia” (Città Nuova)per ridimensionare la tesi di chi – e non sono pochi – vogliono trovare nel poverello di Assisi e nel suo movimento i precursori dell’economia di mercato. Infatti, come nel caso del monachesimo, anche il rapporto tra francescani ed economia è molto più complesso di come viene raccontato – ma anche molto più interessante.

I Monti di Pietà non sono le radici delle banche del nostro capitalismo, ma erano istituzioni sine merito (senza lucro) nate per sfidare radicalmente le banche che già esistevano e prosperano in Italia e in Europa, ma non erano dalla parte dei poveri.

Una povertà diversa da quella dei monasteri

Francesco, osservano Smerilli e Bruni, iniziò la sua rivoluzione, anche economica, scegliendo come sua forma di vita soltanto il vangelo; soltanto: sta in questo avverbio limitativo la novità del francescanesimo.

Noi non abbiamo più le categorie per comprendere cosa fosse la povertà di Francesco e poi di Chiara. Diversamente da quella dei monasteri, era una povertà individuale e una povertà comunitaria: non solo le persone, neanche i conventi dovevano possedere alcun bene. Come amava dire Ugo di Digne, il solo diritto che hanno i francescani è il diritto a nulla possedere, a vivere sine proprio.

San Francesco d'Assisi predicava una povertà, basata sulla spoliazione dei propri beni.

“Quelli della via”

Mentre il medioevo cristiano seguiva l’etica economica moderata ereditata dal tardo impero romano, Francesco i suoi frati e le sue suore tentarono qualcosa di impensato che ci lascia ancora oggi senza fiato: tornarono lungo le strade, raccolsero l’eredità del primo nome dei cristiani, “quelli della via”, da ricchi divennero mendicanti poveri in mezzo ai poveri.

“Beati i poveri” divenne la loro felicità desiderata e bramata.

L’impossibilità del solo uso di beni

Il grande tentativo francescano di distinguere proprietà dei beni dal loro uso non ebbe successo. Nel 1322 papa Giovanni XXII rettificò la tesi del suo predecessore Niccolò III, e stabilì l’impossibilità del solo uso dei beni, e attribuì all’ordine la proprietà dei beni che usavano. L’utopia concreta dei francescani non entrò né nel diritto della Chiesa romana né nell’eredità economico-giuridica dell’Occidente. Ma non è morta, perché continua a sfidare le nostre economie e i nostri sistemi giuridici.

L’era dei beni comuni

I primi francescani (Pietro Olivi), riprendendo la profezia di Gioacchino da Fiore, credevano che l’ultimo tempo, il settimo, sarebbe stato quello dell’altissima povertà di Francesco, che per loro era il profeta del tempo ultimo.

Con il terzo millennio siamo entrati nell’era dei beni comuni: se continuiamo a sentirci proprietari e padroni della terra, dell’atmosfera, degli oceani, riusciremo solo a distruggerli. Dobbiamo, presto, imparare a utilizzare i beni senza esserne padroni, dobbiamo velocemente apprendere l’arte dell’uso senza proprietà.

CLICCA QUI PER ACQUISTARE IL LIBRO.


CUORE, SOLDI, SCAMBIO

Leggi anche:
L’usura è sempre illecita? Ecco come rispondono i francescani


WOMAN HOLDING MONEY

Leggi anche:
Sapete cosa sono i “Monti di pietà” e perchè sono stati creati?




Leggi anche:
Gli italiani scrivono ai frati di Assisi: “La pandemia ci ha reso poveri, il futuro è incerto”




Leggi anche:
I francescani: ecco come vivere la povertà oggi

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
povertàsan francesco d'assisi
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Gelsomino Del Guercio
Scomunicato Vlasic, ex padre spirituale dei v...
Padre Fortea exorcista
Francisco Vêneto
Il demonio e le chiese date alle fiamme: per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Mirko Testa
Quali lingue parlava Gesù?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni