Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 30 Ottobre |
San Gaetano Errico
home iconNews
line break icon

Gli italiani scrivono ai frati di Assisi: "La pandemia ci ha reso poveri, il futuro è incerto"

BRAD COY | CC

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 28/07/20

Crisi economica, incertezza per il lavoro, cassa integrazione, insoddisfazioni: ecco chi sono gli italiani che si aggrappano ai frati francescani

Persone che hanno perso il lavoro, piccolissime imprese e negozi che non riaprono più, gente che non riesce a pagare le bollette. La “pandemia sociale” vista dalle lettere che arrivano alla comunità francescana di Assisi.

Padre Enzo Fortunato, direttore della Sala Stampa del Sacro Convento di Assisi, volto noto in Tv, che ogni sabato mattina conduce la rubrica Tg1 Dialogo con Piero Damosso, è preoccupato ma al contempo sollevato.

information, fake news
Roberto Pacilio
Al centro c'è Padre Enzo Fortunato.

«Ci sono persone – dice a Famiglia Cristiana (27 luglio) – che hanno ricevuto l’aiuto di 600 euro dal governo e lo hanno donato a noi. “Mi sento più avvantaggiato degli altri e voglio donare questi soldi a chi è più povero di me”, mi ha scritto una di queste persone. Sono circa una trentina finora. Mi hanno chiamato molti imprenditori italiani all’estero per dare una mano. Un pastificio ha voluto l’indirizzo delle famiglie per mandare loro la pasta per i prossimi mesi». Ecco alcune di queste incredibili e drammatiche storie, raccontate dai frati, sempre su Famiglia Cristiana.

Maria: non mi vergogno di essere povera

Maria, della provincia di Pescara, è terrorizzata dalle cartelle esattoriali: «In Tv hanno parlato di galera per chi non le paga. Non mi vergogno di essere povera perché la vivo con dignità e non ho mai chiesto nulla, se non un lavoro, ho fatto il massimo in questi anni passati, i pochi soldi guadagnati li ho dati tutti per far studiare le mie figlie».

Nicola, lavoratore stagionale che sogna di fare un figlio

Nicola da Salerno contava sulla stagione estiva, azzoppata dalla pandemia, per guadagnare qualcosa e mettere su famiglia: «Sono anni che lavoro stagionalmente. Negli ultimi mesi, insieme alla mia fidanzata sognavamo un bambino, ora nemmeno quello. La prego, mi aiuti».

Rita: mi spaventa l’incertezza del futuro

Rita da Pisa scrive: «A mio marito scade il contratto e la cassa integrazione che spetta a me non è ancora arrivata. Non sono i sacrifici che mi spaventano ma stare nell’incertezza è brutto, solo aggrapparmi a Gesù mi dà la forza».

Antoine Mekary | ALETEIA

Antonio: ho 60 anni e sono un disoccupato invisibile

Antonio, «sessantenne disoccupato invisibile», si paragona a un «lupo che esce dalla tana quando ha fame, anche io esco dalla mia tana della dignità perché ho fame di aiuto». Fa lavori saltuari «in nero dopo la perdita del lavoro dopo quasi trent’anni in proprio, ho due figli uno all’università e uno alle scuole superiori ma con le difficoltà di oggi non riesco più a fargli andare avanti negli studi».

Le bollette che non riescono a pagare Giovanni e Francesco

Giovanni da Sulmona scrive di non poter «vivere con solo 298 euro al mese con due figli. Mi vergogno, ho paura». Francesco dalla Calabria: «Siamo rimasti con 6 euro sul conto e non riesco a pagare la bolletta della luce». Vergogna a chiedere, paura di non farcela, incubi notturni.


DOLLAR

Leggi anche:
Quali Paesi usciranno prima dalla crisi economica dopo la pandemia?


NOVOSIBIRSK

Leggi anche:
Russia: le suore accanto agli emarginati durante la crisi del coronavirus


POPE FRANCIS

Leggi anche:
Crisi economica da Covid-19, il richiamo del Papa: i poveri non si trattano come animali abbandonati




Leggi anche:
L’allarme dell’economista del Papa: dopo il Covid molte donne rischiano di perdere il lavoro

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
assisifratipandemia
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
CEMETERY
Gelsomino Del Guercio
Indulgenze plenarie per i defunti: come otten...
Timothée Dhellemmes
Seconda ondata di Covid: in Europa il culto c...
Lucandrea Massaro
Sale il numero di morti nell'attentato di Niz...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
ERIN CREDO TWINS
Cerith Gardiner
“Dio ha senso dell'umorismo”: coppia di genit...
EMILY RATAJKOWKSI
Annalisa Teggi
Emily Ratajkowski: scoprirò il sesso di mio f...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni