Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 20 Aprile |
Sant'Aniceto
home iconFor Her
line break icon

Sì, Dio ha pensato proprio a te per questo momento storico

GIRL, GLAD, SURPRISED

Cookie Studio | Shutterstock

Impresa orante - pubblicato il 17/06/20

Se non ci mettiamo in mezzo noi, che siamo figli di Dio e della speranza, per interrompere il flusso della paura, della diffidenza, della corruzione, dell’avidità, della menzogna chi dovrebbe farlo? 

Di Mariachiara Martina

In questi giorni, in cui si può nuovamente circolare con maggior libertà, mi è successo di finire in mezzo a campi di grano, piattissimi, giallissimi, con spighe che, a seconda del senso del vento, si chinavano di qua o di là con dolcezza. Non di rado, in mezzo alle distese gialle, all’improvviso, un’edicola bianca a spezzare la continuità del tutto, a rompere l’omogeneità del panorama, a ricordare che non siamo solo carne.


MAN, ABOVE, CITY

Leggi anche:
La vera speranza non vuole previsioni, s‘inoltra lieta nel buio

Nel vederle, ho provato nostalgia, lo confesso. Nostalgia per un mondo che sapeva coniugare lavoro e preghiera con naturalezza, che sapeva agganciare alla dura fatica del lavoro dei campi, l’eterea bellezza del Cielo, che sapeva riconoscere il limite della propria natura e chiedere aiuto, consiglio, protezione e non mancava di darne segno evidente, con mattoni e calce, in mezzo al nulla. E quella santa abitudine di quegli uomini e donne, reiterata nei secoli e a tutte le nostre latitudini, è arrivata fino a noi come memoria ma anche come monito. Quante edicole, oggi, abbiamo costruito materialmente, noi, nei nostri spazi di lavoro? Quanto spazio ritagliamo a Dio nel nostro quotidiano lavorare? E, poi, ancora: siamo capaci di spezzare l’omogeneità del panorama di pensiero nella società civile di cui facciamo parte, ergendoci a difesa dei piccoli, della verità di fede che professiamo, dei valori non negoziabili in cui ci dovremmo riconoscere come cristiani?

In tempi come quelli che stiamo vivendo, ci sono poche edicole capaci di spezzare il conformismo, capaci di essere esperienza di santa rottura con quello che ci viene proposto dalla cultura dominante. Se non ci facciamo edicola noi che siamo figli della Speranza, chi dovrebbe farlo? Se non ci mettiamo in mezzo noi, figli di Chi è andato fino alla fine per andare oltre la fine, per interrompere il flusso della paura, della diffidenza, della corruzione, dell’avidità, della menzogna per bloccare i danni nei cuori e nella carne delle persone, chi dovrebbe farlo?

Nel pensiero di Dio, siamo stati pensati per QUESTO momento storico e ciò vuol dire che ciò che possiamo fare noi non possiamo lasciarlo ad altri. Perché unico è il contributo che possiamo dare come unico è ciascuno di noi. Questa è la grandezza della vita che ci è stata donata: ci è stata donata per fare la differenza. Costi per quel che costi. Siamo edicole di Dio ovunque ci troviamo e qualsiasi sia la nostra condizione. E come edicole siamo così belle, così straordinarie perché è lo Spirito che ci abita. Di cosa avere paura, allora? Noi, come cristiani, non possiamo avere paura, non possiamo essere vittima della paura di chi non ha incontrato Gesù Risorto. Noi non siamo la nostra paura perché Lui abita in noi e noi in Lui e la paura non trova dimora in questo spazio di profonda unione. E questa, se vogliamo, è l’esperienza di santa rottura del paradigma oggi imperante che vorrebbe, invece, fare della paura la nostra (falsa) custode. Di custode, vero, noi, abbiamo l’Angelo. Ed è pure assegnato ad hoc per ciascuno di noi. Di cosa avere paura, allora? Chiediamogli particolare vicinanza, di questi tempi. E avanti tutta a essere esperienze di santa rottura della paura. Amen.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DA IMPRESA ORANTE

Tags:
speranzavita quotidiana
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
Scoperti nuovi frammenti della Bibbia: ma al posto di Dio c’è scr...
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
4
Gelsomino Del Guercio
7 santuari uniti da una linea retta. La misteriosa fede per San M...
5
Paola Belletti
È cieco chi vede in Isabella solo la sindrome di Down
6
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
7
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni