Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 16 Aprile |
San Damiaan (Jozef) de Veuster
home iconSpiritualità
line break icon

La fede al tempo del coronavirus

Sebastian Bergmann - Wikicom

Josep Maria Simón - pubblicato il 20/04/20

La malattia e la morte non erano previste

La malattia e la morte non erano inizialmente previste nel progetto di Dio per l’uomo. Queste contraddizioni sono entrate nella nostra vita per la dissobbedienza dei nostri primi progenitori, incitati dal diavolo. Dio ha preparato un Paradiso per la prova dell’uomo. È sempre più degno per un essere creato destinato ad essere eterno essere reso responsabile di qualcosa, “guadagnare qualcosa”, mostrare la propria lealtà e fiducia, acquisire qualche merito, per quanto sia quasi tutto un dono.

Nel Paradiso – il Giardino – l’uomo non aveva tutto, anche se aveva una grande vicinanza a Dio, per quanto non lo vedesse faccia a faccia. Sentiva che gli mancava qualcosa. E Dio ha creato la donna, carne della sua carne e osso delle sue ossa. Dio ha dato all’uomo e alla donna l’incarico di moltiplicarsi e di prendersi cura del Giardino, in cui c’erano frutti abbondanti e attraenti. Gastronomicamente perfetti. C’erano anche degli animali, ed è possibile che i nostri primi antenati non li mangiassero. Credo infatti che fossero probabilmente vegetarani. Per alimentarsi bastava l’immensa varietà di frutti a disposizione. Avevano una felicità enorme e un lavoro stabile un milione di volte più soddisfacente di qualsiasi lavoro di livello possiamo immaginare oggi.


POMOC

Leggi anche:
Dio viene da noi

Dopo la disobbedienza iniziale sono giunti molti mali di ogni tipo e serie dissonanze con Dio, gli altri esseri umani e la natura stessa. È possibile che l’umanità abbia degenerato seriamente dal punto di vista biologico, psicologico, sociale, familiare, e che molti dei fossili che abbiamo trovato siano di quella umanità caduta. Adamo ed Eva sono stati creati perfetti, e all’inizio non si potevano ammalare. È possibile che Adamo abbia pensato seriamente di non disobbedire riflettendo sull’eredità avvelenata che avrebbe potuto lasciare al resto dell’umanità…

Il progetto iniziale era, dopo un periodo di lavoro, passare a vedere direttamente il Creatore per sempre in uno stato di felicità perfetta ed eterna. Si sa che non è andata così. E Dio ha delegato alla malattia e all’invecchiamento il passaggio da questa vita alla Sua presenza, e poi a guerre o carestie. Perché avessimo qualcosa da offrire, qualcosa che suscitasse compassione in noi, con cui strappargli la sua Misericordia.

A mio avviso Dio Trinità “ha pensato” prima a Gesù, e poi ha deciso di creare i nostri primi progenitori a immagine e somiglianza di Cristo, Figlio di Dio, che forse si sarebbe incarnato anche se l’essere umano non avesse peccato, in questo caso non per soffrire, ma per condividere direttamente la Sua Gloria.

Gesù e sua Madre Maria erano esseri umani perfetti e con la capacità di crescere. Maria, una donna di straordinaria bellezza, protetta dalla sua discrezione, dai veli orientali e dal suo sposo San Giuseppe. Gesù era un uomo che colpiva da tutti i punti di vista quando parlava alle folle (si veda la sua immagine più che probabile nella Sacra Sindone di Torino).

Né Gesù né Maria si ammalavano. Erano perfetti. Il loro DNA non si rovinava, né poteva generare tumori, e virus e batteri non potevano fare altro che servire in modo umile e automatico il Figlio di Dio e sua Madre. Solo l’essere umano, a cui Dio aveva dato libertà, poteva dannggiare Gesù o Maria, e questo perché lo ha permesso la Volontà di Dio: vi permetto di commettere il crimine peggiore – il deicidio – perché vediate fino a dove vi avrei lasciato agire se aveste usato bene la vostra volontà; sareste arrivati ad essere divinizzati. Per i vostri terribili errori, però, ho dovuto incarnarmi per soffrire e perdonare. Approfittate dell’opportunità che vi do nel tempo della mia Misericordia. Non aspettate quello della mia Giustizia.

Gesù era molto sensibile di fronte ai malati. Ne ha curati tanti, e ha comandato ai suoi discepoli di andare nel mondo a guarire i malati. La cura dei malati è stata di fatto il primo dicastero di Gesù Cristo.

Barcellona, Domenica della Divina Misericordia 2020

Tags:
adamo ed evadiomalattiamorte
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
2
AUGUSTINE;
Aleteia Brasil
8 grandi santi che soffrivano di depressione ma non si sono mai a...
3
WIND COUPLE
Catholic Link
7 qualità per scegliere il partner secondo la Bibbia
4
FEMALE DOCTOR,
La Croce - Quotidiano
Atea e obiettrice di coscienza da 10 anni: “non ce la facev...
5
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
6
Lucandrea Massaro
“Cosa succede se un prete si innamora?”
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni