Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 01 Dicembre |
Sant'Andrea
home iconFor Her
line break icon

Matthew: un bimbo disabile che ha donato amore e gioia da vivo e continua a farlo dal Cielo!

MATTEW ROBISON GRAVE

Life Magazine Daily - Youtube

Paola Belletti - pubblicato il 05/03/20

Ormai è deceduto da più di 20 anni, ma dal Cielo e per mezzo dell'opera che i suoi genitori hanno realizzato in suo onore, continua ad essere sorgente di speranza e beneficio per tanti. La scultura sulla sua tomba non è icona a un dolore inconsolabile, ma espressione di una certezza: ora tu sei libero!

Questa storia, nella sua semplicità, l’avevo già incontrata e la custodivo come un ricordo familiare, sebbene sapessi fosse di dominio pubblico e planetario. Me l’aveva raccontata proprio mio marito, ma non per riferire di dolori altrui, di dettagli commoventi, di prove ancora più dure di quelle che toccano a noi. Era semplicemente per informarmi che aveva affidato il nostro piccolo alla protezione di questo altro bimbo, già approdato nell’altrove che tutti ci attira.

Siamo sicuri di compiere un azzardo che non è per nulla pericoloso se ci immaginiamo questo bambino tra i santi, tra quelli, innumerabili, che la Chiesa nemmeno fa in tempo a passare al vaglio (la dico in maniera iperbolica, volutamente colloquiale. La Chiesa è corpo di Cristo ed è Lui che la guida). Ma a loro che può importare, se sono dove finalmente ogni dolore è consolato, ogni lacrima guardata con venerazione prima di essere asciugata e la gioia più impensabile ripara, supera, giustifica ogni sofferenza passata qua, giuso intraimortali?

La sofferenza da parto e le gravi disabilità

Così deve essere stata la vita del piccolo Matthew Standford Robison, ferito proprio alla nascita. Il parto è un momento sacro, imponente e intimo, diviso da una soglia sottile tra lo spirituale e il corporeo più sanguigno; e per questo è anche carico di rischi. Siamo in pericolo di vita, certo! e in pericolo di morte o già esposti alla stolida lotteria delle malattie e degli incidenti. Già prima, in verità.

Ricordate di quella bimba operata ancora in utero (e salvata!) per un tumore al collo?




Leggi anche:
Bambina con tumore operata mentre è ancora nell’utero della mamma. È salva!

Ebbene proprio in questi giorni, in cui siamo più o meno volentieri tutti costretti all’essenziale e a fatiche domestiche che di solito inanelliamo di fretta insieme a mille altri impegni, sono tornata ad imbattermi in questa storia, che non è solo del piccolo sofferente, ma di tutta la sua famiglia e via via per cerchi sonori che si allargano, agli altri che lo amavano da vivo e i tanti, come noi, che ne conoscono la storia ora che è più vivo ancora. Benché assente alla vista. E’ un’onda di speranza e nostalgia quella che ci investe, guardando il suo viso, non solo la splendida scultura. Ed è speranza vera, di quella che i limiti li accetta, vi si rassegna ma volitivamente; una rassegnazione attiva e carica di desiderio. Che sa di dover accettare una traversata più dura e anche più dolce (ma questo resta spesso un segreto, custodito per la sua struggente bellezza, difficile da comunicare, nel timore che si disfaccia nell’incomprensione di chi ancora non sa, non prova, non capisce).

Matthew Stanford Robinson è un bambino nato nel 1988 a Salt Lake City, nello Utah, che poiché al momento della nascita ha sofferto di mancanza di ossigeno ed altre complicazioni, ha dovuto convivere con diverse disabilità: era cieco, quasi totalmente paralizzato, diceva solo poche parole ma, nonostante ciò, è riuscito a toccare molte vite, grazie alla sua vitalità e al suo modo di comunicare con i segni. Mentre i medici alla nascita gli avevano dato solo poche ore, Matthew ha vissuto per quasi 11 anni, e questi anni hanno rappresentato per i suoi genitori il più bel regalo che potessero ricevere, date le scarse speranze ricevute. (Universomamma)

La scultura sulla tomba di Matthew

Lo sappiamo in tanti cosa significa. Vite fragilissime, all’apparenza ridotte a quasi nulla che invece nascondono uno spettacolo di meraviglia inaudita; è come avvicinarsi ad un microscopio e scoprire un mondo sconfinato, inatteso.
Il padre Ernest e la cugina Susan, nel 2000, per rendere la tomba di Matthew un posto di gioia hanno deciso di costruire una toccante scultura, per ricordare il coraggio del giovane ragazzo. La statua rappresenta il bambino nell’atto di alzarsi dalla sua sedia a rotelle, guarito da tutti i dolori terreni e libero finalmente di andare verso il cielo. (Alicanthe)

Siamo nel cimitero di Salt Lake City e sono tante le persone che portano omaggi sulla sua tomba o che sul web lo ricordano con pagine commemorative, con immagini e preghiere.

Eppure già in questa vita, così carica di angustie e per lui in doppia o tripla porzione, Matthew era lieto e diffondeva amore, gioia e pace. Qual era il suo segreto? Amava soffrire, questo bambino così sfortunato? No, non è questo. La sua forza stava tutta nelle relazioni: con mamma e papà, con i parenti, ma soprattutto con Dio e il Figlio Suo che è nostro unico Salvatore. Per Mattew era l’Amico.


MOTHER AND SON

Leggi anche:
Come guarda Dio i nostri figli disabili?

La potenza della speranza cristiana

Dal necrologio scritto dal papà:

Domenica 21 febbraio 1999, pacificamente nel sonno, il nostro amato figlio, fratello e amico, Mattew Stanford Robison, è stato ricevuto in uno stato di felicità, ed ha iniziato il suo riposo dai problemi, dalle preoccupazioni e dai dolori fra le braccia del suo Salvatore e amico Gesù Cristo. Matthew era una gioia e un’ispirazione per tutti coloro che ebbero il privilegio di conoscerlo. Era una testimonianza della divinità suprema dell’anima, l’incarnazione della completezza che il nostro spirito brama. La pietà della sua anima ispirata ha influenzato e benedetto tutti coloro che lo conoscevano. Egli è venuto in questo mondo come un miracolo e ha lasciato questo mondo come un miracolo. (…) E poi avverrà che gli spiriti di coloro che sono giusti sono accolti in uno stato di felicità, che è chiamato paradiso (…).

Ecco, gli scherzi che fa la vera speranza, quella che spera contro ogni speranza e dà ragioni di sé, al mondo che magari continua lo stesso per la sua strada.

E fa anche questo, il paradosso di morte e resurrezione che in Cristo e nei suoi continuamente si compie: costruisce, genera, fa fiorire croci, dona sollievo a quanti più fratelli riesce a raggiungere.


CRISTO CORONATO SPINE

Leggi anche:
La bellezza che salva il mondo è sfigurata

Per questo i coniugi Robison, pur piangendo il loro amato bambino, hanno deciso di creare la Ability Found, di cui il papà Ernest è presidente, per aiutare le tante persone disabili lasciate languire per mancanza di ausili e di fondi per procurarseli. Tutta quella ricchezza che avevano sperimentato con il loro Mattew non poteva andare dispersa.

[youtube=https://www.youtube.com/watch?v=Pq4e1rEnJ9M&w=560&h=315]

Tags:
disabilitàparadisosperanza
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
Giovanni Marcotullio
“Kyrie eleison” e non “Signore, pietà”
Jesús V. Picón
Sacerdote con un cancro terminale: perde gli ...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
LOURDES
Il Cattolico
Novena preparatoria all'Immacolata Concezione...
ANGEL
Philip Kosloski
A cosa assomigliano i nostri angeli custodi?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni