Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

La suora australiana che voleva portare Gesù ai bambini poveri

nun
By Anneka | Shutterstock
Condividi

La Serva di Dio suor Mary Rosina sentì la vocazione alla vita religiosa fin da molto piccola

“Dal momento in cui riuscì a pensare da sé voleva essere suora”, dice Evelyn McNally, sorella di suor Mary Rosina.

Constance Gladman era nata a Koroit, una cittadina rurale nell’Australia sud-occidentale, nello Stato australiano di Victoria. Era il 23 dicembre 1922, e Constance sarebbe stata la prima dei sette figli di Victor e Grace Gladman. Connie, come veniva chiamata, sentì molto presto la chiamata alla vita religiosa.

Connie frequentò la scuola a Warrnambool, e poi andò al Teacher’s College di Melbourne. Voleva entrare in convento, ma il padre non era d’accordo. Pensava che la figlia maggiore dovesse essere esposta al mondo prima di prendere una decisione del genere. Seguendo i desideri del padre, dopo gli studi Connie iniziò a insegnare, ma il suo desiderio di insegnare ai poveri non l’abbandonò mai.

Poco dopo i vent’anni, il padre, vedendo che la figlia non aveva mai perso il desiderio di diventare suora e insegnante, cedette e le diede la sua benedizione. Connie si unì allora alla Congregazione delle Figlie di Nostra Signora del Sacro Cuore. Fondata nel 1874 dal servo di Dio Jules Chevalier, si concentrava soprattutto sull’azione missionaria.

Connie assunse il nome religioso di suor Mary Rosina, e da allora si dedicò alle missioni, venendo inviata in Papua Nuova Guinea a insegnare.

Suor Mary Rosina si recò inizialmente nel convento dell’ordine a Rabaul. Le suore ricordavano come non vedesse l’ora di uscire per andare a lavorare con i bambini. Presto venne inviata alla missione di Vunapope vicono Rabaul, e poi a Turuk.

La religiosa si guadagnò un notevole rispetto e ottenne l’incarico di supervisionare le insegnanti. Il Governo la teneva in alta considerazione, e visto che c’era bisogno di persone qualificate perché aiutassero le insegnanti locali acconsentì ad assisterle. Formare gli altri era qualcosa che amava profondamente.

Il 30 novembre 1964, dopo aver lavorato per 15 anni come insegnante missionaria nella Nuova Britannia (parte della Nuova Guinea), suor Mary Rosina stava lavorando con una neoinsegnante mostrandole come correggere i compiti. Un uomo mentalmente malato si avvicinò in silenzio alle spalle della suora brandendo un machete, e glielo scagliò sul collo. Due rapidi colpi le ferirono la spina dorsale, e lei crollò a terra morta. L’assassino scappò via.

I bambini scapparono gridando dalla stanza. Il corpo inerme di suor Mary rimase lì, la matita ancora in mano. Aveva 41 anni.

È stata dichiarata Serva di Dio, e la sua causa è ora allo studio della Congregazione delle Cause dei Santi.

Serva di Dio suor Mary Rosina, prega per noi!

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.