Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Jessye Norman è morta, la ricordiamo con la sua memorabile interpretazione dell’Ave Maria

Jessye Norman
© Capture youtube - JessyeNormanVEVO
Jessye Norman
Condividi

Jessye Norman, soprano americano, è morta 74enne a New York lo scorso 30 settembre, in seguito a una setticemia. Cantante fuoriclasse, lascia dietro di sé indimenticabili interpretazioni, in particolare le sue “Ave Maria”, che culleranno l’umanità per molto tempo ancora.

Voce “potente”, “sontuosa”, “luccicante”: non si fa economia di aggettivi, in questi giorni, per evocare uno dei soprani più noti del pianeta. Deceduta lunedì 30 settembre in seguito a complicazioni causate da una lesione alla colonna vertebrale, Jessye Norman lascia nel lutto numerosi ammiratori.

Leggi anche: Cantante cattolica sorprende a The Voice Brasile

Dotata di una voce eccezionale e potente, la cantante è riuscita a conquistare prestissimo le più grandi ribalte. Tra le sue belle interpretazioni, risultano indimenticabili a molti le “Ave Maria”, la più bella tra le preghiere rivolte alla Vergine. La cantante incantò più volte numerose platee internazionali facendo risuonare le dolci melodie di Franz Schubert e di Charles Gounod. Quest’ultimo, fervente cristiano (lo chiamavano “padre Gounod”, tanto la sua fede era pervasiva nella di lui opera), sarebbe stato certamente molto colpito dalla sensibilità di Jessye Norman. Nel 1992 interpretò la sua Ave Maria a Notre-Dame de Paris accompagnata dall’orchestra dell’Opera di Lione.

Anche se è maggiormente nota per i suoi ruoli operistici – pensiamo all’incredibile interpretazione della parte di Didone nel Didone ed Enea di Purcell, che ha strappato lacrime a profusione dagli occhi dei melomani – ella ha pure saputo ritagliarsi un posto tra i grandi di questo mondo prestando la propria voce durante cerimonie religiose ufficiali.

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.