Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Cerco la tua bellezza ferita, Gesù, dentro le paure e le crisi di ogni giorno

GIRL
Condividi

Incrociare sguardi su cui si legge una sofferenza, imbattersi in un lutto, affrontare le proprie paure o nevrosi: solo grazie alla preghiera queste crisi diventano occasione per mettere Dio al centro della vita.

di Federica Lampugnani

Mi è capitato in questa calda estate di trovarmi a contatto continuo con la bellezza. In realtà non si trattava quasi mai di bellezze riconosciute, evidenti o epidermiche come direbbe Charlie Brown. Sono stati assaggi di altro che ho desiderato, insieme ad altri, non lasciar cadere nel vuoto. Prima di tutto ci sono stati i miei bambini e le mie bambine del centro estivo che ho svolto come educatrice. Sorrisi, storie, emozioni, lacrime ma soprattutto vite di famiglie incontrate e sfiorate tra una parola e l’altra. Di paure, sogni, sofferenze, problemi che ci si scambia facendosi coraggio o sentendo che insieme il peso è totalmente differente. E che, se non ha un perché, ha un come che ti riporta sulla strada per provare a starci dentro. Con tutto.

Poi ci sono stati incontri che le coincidenze (o le Dioincidenze) possono di tanto in tanto scaraventarti addosso, mentre tu stai vivacchiando perché ti sembra di non averne più per essere cercatore, viandante e mendicante nel mondo. Così mi è successo di imbattermi due volte in un lutto profondo, non intimo, ma che taglia comunque la pelle e che stona nel caldo, nel clima di vacanza e spensieratezza meritata dal ritmo della vita frenetica. Alla morte siamo sempre impreparati e credo abbia dunque senso il “memento mori” che si scambiavano i monaci quasi come saluto prospettico. La fine, riflettevo, è molto quotidiana come dimensione umana. Accade ogni giorno dentro di noi dovendo lavorare su noi stessi, o come dice Costanza Miriano avendo la necessità di fare un lavoro di cesello. Questo che si amplifica nella coppia, nella famiglia e nei labirinti che nemmeno la bella stagione può mitigare da che la vita continua a pulsare. E purtroppo anche a fermarsi.

STRESS
Di vmaslova - Shutterstock

Sotto il peso del silenzio del tragico che spaventa e fa arrabbiare, di una rabbia umanissima e sana, trovo che un pezzo dopo l’altro la preghiera riesce a spolpare le crisi in cui naufraghiamo. Benedette crisi perché etimologicamente crisi significa opportunità cioè una chance di dare una risposta, dirsi presenti e non con l’irreprensibilità della perfezione ma come semplici, umili impasti d’umanità teneramente amata.

Se la bellezza salverà davvero il mondo, sarà anche quella di un volto sereno e sfigurato. Distante dall’elogio della sofferenza gratuita (poi è quasi sempre gratuita) ma dentro le pieghe dei momenti che si presentano e chiedono: e Tu, chi dici che Io sia?

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DA MATRIMONIO CRISTIANO

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.