Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 20 Settembre |
Santi Andrea Kim, Paolo Ghong e 101 compagni
home iconFor Her
line break icon

Perché la cura del bambino è “affare” di mamma? La risposta è nel cervello

mom and newborn

By Alena Ozerova/Shutterstock

Silvia Lucchetti - pubblicato il 14/08/19

Una recente ricerca condotta sui topi evidenzia il ruolo di un’area cerebrale maggiormente sensibile nelle femmine all’ossitocina, l’ormone dell’accudimento.

Il sistema di accudimento ci orienta a fornire protezione e supporto ad altri individui che si trovano in uno stato di bisogno, attivandosi automaticamente quando si è in presenza di qualcuno che evidenzia una qualche sofferenza o necessita di protezione e cure. Il suo prototipo è rappresentato dalle prime fasi della interazione madre-bambino, che riveste carattere di vitale importanza in quanto, fra l’altro, influenza lo sviluppo emotivo, cognitivo e quella che sarà la personalità adulta dell’infante. Questa relazione è essenziale dal punto di vista evolutivo perchè, oltre a salvaguardare la sopravvivenza del cucciolo e la conservazione della specie in generale per tutti i mammiferi, è indispensabile all’individuo umano per strutturare un modello di relazione sociale che farà da base nelle fasi successive dello sviluppo per l’interazione con gli altri membri della specie.

Perché l’accudimento è targato rosa

La predisposizione all’accudimento da parte degli adulti nei confronti dei bambini viene considerata legata a specifici pattern (modelli, disposizioni, Ndr) di attivazione cerebrale: recenti studi hanno evidenziato la presenza di meccanismi fisiologici innati, ancorati biologicamente e reciproci, che si attivano in maniera automatica nella madre, che risponde ai segnali del piccolo, ma anche del bambino che richiama la sua attenzione e vicinanza.




Leggi anche:
L’importanza delle coccole nello sviluppo biologico e psicologico del bambino

La ricerca

Per approfondire la conoscenza delle differenze tra maschile e femminile nella erogazione delle cure parentali verso la prole, i ricercatori della Louisiana State University (LSU), con un articolo apparso su “PLOS ONE”, hanno riferito di una ricerca, da essi effettuata sui topi, che getta luce sui meccanismi cerebrali che nei mammiferi regolano le cure materne e i disturbi ad essi collegati (Le Scienze, 29 luglio 2019). Lo studio ha evidenziato come nell’area preottica (POA) del cervello femminile esista un gruppo di cellule sensibili all’ormone ossitocina numericamente ben superiore (oltre 40 volte) che nella corrispondente area del cervello maschile.

L’ossitocina, l’ormone dell’accudimento

L’ossitocina è implicata sia nel controllo dei comportamenti di attaccamento e cura della prole, e di interazione sociale in generale, sia – quando il suo metabolismo risulti alterato – in alcuni disturbi mentali come l’ansia, i disturbi dello spettro autistico e la depressione post-partum, fenomeno che si presenta mediamente nel 10-20% delle neomamme compromettendo l’accudimento del neonato e la qualità della relazione madre-bambino (Ibidem). L’azione dell’ossitocina viene mediata da specifici recettori presenti sulla superficie delle cellule del POA, la cui attivazione (“espressione”) viene controllata dal livello di estrogeni, gli ormoni per eccellenza prodotti dall’ovaio femminile. Infatti nelle femmine di topo che avevano subito l’asportazione delle ovaie, l’espressione dei recettori per l’ossitocina era assente, ma poteva essere ripristinata con una somministrazione ormonale sostitutiva.


MAMMA, NEONATO, ABBRACCIO

Leggi anche:
Care mamme, ho superato la depressione post parto e non ci si sarei riuscita da sola

Questi risultati potrebbero portare allo sviluppo di terapie per la depressione post-partum che prevedano come bersaglio i recettori per l’ossitocina. Più “banalmente” fanno luce sulla base neurobiologica che sottende il ruolo insostituibile della madre nell’accudimento e nella cura del bambino.

Tags:
cervellofiglimammamamma-figlio

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
PAURA FOBIA
Cecilia Pigg
La breve preghiera che può cambiare una giornata stressante
4
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
5
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
6
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni