Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Cari uomini, date nuovo vigore e bellezza al corteggiamento!

PEXELS
Condividi

Innamorarsi è un'avventura meravigliosa: non è avere una ragazza, ma amare proprio e solo lei. Allora corteggiala sul serio, scrivile, chiamala, sorprendila.

Quando il nonno Piero tornò da Nikolajewka, aveva ventun’anni, una pallottola nell’occhio (quindi la testa tutta fasciata), il congelamento ad entrambi i piedi (che gli ritornò per tutti gli inverni, per tutta la vita) e il terrore di aver abbandonato i suoi commilitoni ventenni nella neve della Russia. Nella grande stanza piena di letti con i propri commilitoni, provenienti dal fronte, fece in tempo a fare la corte alla giovane crocerossina che gli disinfettava la ferita con affetto. Lei non disdegnava il corteggiamento, ma comunque manteneva la serietà datale dalla sua uniforme. Un uomo fasciato che quando scrisse le sue memorie di guerra, le dedicò tutte «Alla mia Mina, che nella mia ferita, trovò una ragione in più per volermi bene», stupendosi ancora, dopo cinquantotto anni, ch’ella cedesse al corteggiamento di un uomo mutilato (ebbe un occhio devitalizzato tutta la vita e zoppicò per sempre).

“Mina” in realtà, era il nomignolo ch’egli le trovò abbreviando Emma (Emmina) e a tutt’oggi, leggendo i biglietti d’amore che si scambiavano quando già erano i miei nonni, mi domando come.

Come fecero a decidere di sposarsi senza conoscersi. Come fecero a decidere di sposarsi senza “conoscersi” (in senso biblico, ossia senza aver fatto sesso, condizione a tutt’oggi indispensabile, pare). Come fecero a giurarsi amore eterno senza dubitare un solo giorno. Come poterono solamente pensare di vivere tutta la vita col solo presupposto dell’intenzione di farlo. Eppure lo fecero.
Il nonno Piero, quasi al termine della degenza, le chiese di sposarlo dietro le pagine di un giornale «per fare un po’ di privacy», raccontava sempre. Dal primo giorno, alla proposta di nozze, solo qualche parola gentile e qualche sguardo educato. Lui ventun anni. Lei diciannove. Senza troppe chiacchiere e tanti problemi.
Il nonno Gianni abitava a Moltrasio, sul lago di Como. Sfollò con la sua famiglia e dovette rimanerci dopo che la casa di Milano fu bombardata (rimase solo il tavolo). Aveva quattordici anni quando iniziò a consegnare la posta negli uffici del Banco di Roma: prendeva la bicicletta e arrivava a Como. Da lì col treno fino a Varedo. Da lì il tram. A Varedo era sfollata anche la nonna Marisa, assieme alla famiglia. Lei frequentava l’Istituto Magistrale a Milano. Lei prendeva il tram per raggiungere la scuola.
Si conobbero quando lei aveva sedici anni e lui diciassette.
Lei non cedette subito.
Il nonno, con calma e determinazione, le portava disegnini molto infantili di bambini con fiori e animaletti. Lei accettava, sorrideva, ringraziava.
Il giorno dopo altro disegno. Stesso sorriso. Stesse parole di ringraziamento.
Così per un anno.
Qualche fiore.
Qualche letterina molto educata.
Lui non sapeva scrivere bene, ma disegnava in modo superlativo (nel 1982 coronò il suo sogno di diplomarsi all’Accademia d’Arte di Brera, a Milano).

A diciotto anni lei si diplomò (le assegnarono una classe prima elementare di quarantanove alunni dai cinque a tredici anni: li portò sino in quinta). Lui aveva quasi il diploma da geometra preso alle serali. Si fidanzarono. Due anni dopo si sposarono.

KISS, VINTAGE, LOVE
Everett Collection | Shutterstock
Conservo ancora tutte le loro lettere d’amore: parole gentili, qualche ricordo come petali di fiori secchi. Un paio di foto a Bellagio. Nulla, se non un bacio rubato quando già il nonno aveva parlato col papà della nonna.
Neppure loro si conoscevano bene.
Neppure loro si “conoscevano” prima di sposarsi.
Eppure un matrimonio durato cinquantanove anni.

Il corteggiamento non è roba da poco. È roba da cavalieri e gente, come dice Lillo, che sa gestire quello che c’è sotto la cintura.  Bisogna avere pazienza. Tenacia.

Una donna che cede subito “Non vale la pena”, dice sempre mio figlio.
Certo: ci vuole coraggio. Bisogna essere disposti a metterci la faccia. A non rinunciare al primo «No». Roba per veri uomini coraggiosi: non quelle mammolette che per far vedere che sono dei grandi e grossi machi, alzano poi le mani spesso sulle donne. Quelli sono dei deficienti, gente senza testosterone. Un vero uomo protegge, ama, difende, corteggia ed è umile. Purtroppo si è voluta scambiare la possenza maschile, con delle caratteristiche più simili alla codardìa.
Un uomo-cavaliere manda lettere. Manda fiori. Si fa notare ma non insiste. Se rifiutato non dispera, ma ritenta senza insistenza, ma con costanza. Corteggiare è un’arte per pochi, in effetti. E se la donna cede, o si fa avanti per prima (alcune sono proprio sfacciate), o ne approfitta per poi abbandonare subito, – per un vero uomo con la U maiuscola – non c’è partita: il campo va abbandonato senza neanche conoscere l’avversario.
Quando il Tato conobbe la Tata, si fece coraggio e, con la pazienza di un giocatore di scacchi, tentava l’approccio cortese. Lei rifiutava, lui sorrideva ma non demordeva. Messaggi senza risposta. Inviti a cena senza risposta. Inviti a prendere un gelato senza risposta. Telefonate senza risposta. Dichiarazione d’amore aperta, senza risposta.
La Tata cedette dopo sei mesi di corteggiamento delicato ma costante.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.