Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Sapete che cos’è e come si manifesta la “santità angelica”?

Posągi aniołów na tle nieba
Condividi

Essi sono chiamati a vedere Dio faccia a faccia nella visione beatifica, fine talmente sublime che nessuno spirito, per eccellente che sia, è capace senza infusione di grazia

Gli Angeli sono perfetti in ogni modo. Per noi, cristiani, la loro santità è cosa evidente e la nostra teologia offre un potente soccorso a questa intuizione; basandosi su alcuni principi nettamente stabiliti, essa ci ha rivelato le cose più belle sulla purezza degli Angeli e sul grado eminente della loro santità.

Quello che noi sappiamo della natura di uno spirito, e che noi sappiamo della grazia, ci è molto profittevole quando noi giungiamo a studiare la vita dei nostri fratelli celesti. Come spiriti, essi non possono mai fare le cose in maniera incompleta, non possono essere imperfetti, non possono agire con negligenza, l’energia della loro intelligenza e della loro volontà è applicata tutta intera ad ognuno dei loro movimenti di ordine morale, se questo termine è permesso a proposito degli spiriti. Il peccato veniale è inconcepibile nella moralità angelica. Ci è più facile comprendere uno sprofondamento totale della volontà angelica che di comprendere una mancanza parziale; uno spirito può scegliere un fine sbagliato, ma se lo sceglie, è con l’intera impetuosità della sua natura.

Nessuna tentazione

I nostri migliori teologi, sapendo l’eccellenza della natura spirituale, hanno sostenuto che nella sua sfera naturale, sul suo proprio piano per così dire, un essere puramente spirituale non può fallire né con l’intelligenza, né con la volontà; ma che può fallire in rapporto alle cose che gli sono superiori; in altri termini in rapporto al soprannaturale. Noi svilupperemo questo punto maggiormente trattando del peccato angelico; accontentiamoci, per il momento, di rallegraci al pensiero che gli Angeli non hanno in se stessi nessuna debolezza, nessuna tentazione, nessuna divisione tra motivi più o meno elevati come li vediamo in noi. In essi, nessun conflitto di concupiscenza di nessuna specie, nessuna incertezza, nessun pericolo di giudizi troppo precipitosi; e tutto questo in virtù dei principi stessi della loro natura.

MUSICIAN ANGELS BY HANS MEMLING
Hans Memling (circa 1433 –1494)

La visione di Dio

Ma è un punto di fede che gli spiriti siano stati elevati all’ordine soprannaturale e dotati della grazia, ch’essi possiedono la grazia santificante ed i doni dello Spirito Santo come ogni cristiano di quaggiù. In essi, non vi è divisione tra carne e spirito, tra natura superiore ed inferiore, ma ben tra natura e soprannatura. Essi sono stati elevati al di sopra di se stessi per un destino che sorpassa quella di uno spirito; essi sono chiamati a vedere Dio faccia a faccia nella visione beatifica, fine talmente sublime che nessuno spirito, per eccellente che sia, è capace senza infusione del tutto gratuita di quella qualità superiore che si chiama la grazia.

Per gli Angeli, la grazia non saprebbe essere un rimedio applicato alle ferite di una caduta, come essa lo è in sì gran parte per l’uomo; essa non saprebbe essere inoltre un soccorso accordato a delle forze che, in sé, mancherebbero di vigore, sarebbero anemiche, poiché gli spiriti non conoscono in essi né ferita, né debolezza. Ma la grazia, per gli Angeli, è essenzialmente l’elevazione da un essere perfetto ad un piano ancor più elevato, l’iniziazione di un’intelligenza creata ai segreti dell’intelligenza increata.

Uomini e spiriti

Senza la grazia, anche il più elevato degli spiriti sarebbe incapace di quella comunione con Dio che costituisce la vita di carità col Padre, il Figlio e lo Spirito Santo, ci occorre dunque ammettere di colpo che, in rapporto all’unione finale e soprannaturale con Dio, gli spiriti sono nella stessa situazione degli uomini. Si può dire che gli spiriti, che siano o no uniti ad una carne, sono ugualmente distanti dallo scopo finale, dalla visione beatifica, e che, non più di noi, gli Angeli non saprebbero, senza la grazia di Dio, giungere alla comunione con Lui. E questa è la ragione per la quale vi è una vera comunità di condizione tra l’uomo e gli spiriti, comunità realizzata d’un solo colpo, grazie al soprannaturale.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.