Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

La straordinaria devozione angelica del vescovo Friedrich Forner

Il vescovo Forner
Condividi

La sua singolare venerazione per angeli viene testimoniata da oltre 30 prediche sugli angeli, pubblicate nel 1626

Un esempio di come la venerazione degli angeli nell’ordine dei gesuiti – risalente a Ignazio di Loyola, Pietro Faber e Pietro Canisio – ebbe effetti benevoli anche sui preti secolari istruiti dai gesuiti, viene rappresentato da Friedrich (Federico) Forner, nato intorno al 1570 a Weismain (Alta Franconia, Germania), e consacrato sacerdote nel 1595.

Il vescovo principe di Bamberga, Neythard di Thüngen, lo nominò predicatore, viceparroco al santuario della Madonna del Buon consiglio. Per la sua propensione al rinnovamento cattolico a Bamberga, don Federico Forner ebbe molti problemi sotto il vescovo ausiliare Giovanni Schoner, tendenzialmente secolare ed incline al protestantesimo, e sotto il vescovo principe Giovanni Filippo di Gebsattel, anche lui incline al protestantesimo. Dopo la morte del vescovo principe di Gebsattel e la destituzione del vescovo ausiliare Giovanni Schoner, Federico Forner divenne vicario generale dell’ arcidiocesi di Bamberga e, il 7 ottobre del 1612 vescovo ausiliare. Da allora divenne la vera e propria testa di combattimento della controriforma cattolica a Bamberga e si guadagnò molti meriti per la conservazione della fede cattolica in quest’arcidiocesi.

A questo prete e vescovo fu di particolare aiuto una profonda venerazione degli angeli, insegnatagli senz’altro dai gesuiti nel Germanicum a Roma.

La sua singolare venerazione per angeli viene testimoniata da oltre 30 prediche sugli angeli, pubblicate nel 1626, e chiamate giustamente “magnifico trattato sugli angeli”. Le prediche facevano riferimento soprattutto sugli angeli custodi e la loro venerazione, e persino alla “Legenda aurea” degli angeli; tanto più che portò un gran numero di esempi della bibbia, dei padri della chiesa e della storia ecclesiastica, di quali e quante opere di bene gli angeli hanno fatto agli uomini.

ARCHANGELS
Public Domain

Come esempio di straordinaria familiarità con gli angeli, il vescovo Federico Forner cita il padre cappuccino Francesco da Bergamo, che morì nel 1626 come “padre degli angeli” del ‘600 e ‘700 all’avanzata età di 93 anni.

Federico Forner conobbe questo cappuccino probabilmente quando era seminarista alunno del germanico a Roma, perché P. Francesco da Bergamo, che si distinse per la sua umiltà, l’inclinazione alla penitenza e l’amore di Dio e del prossimo, pronto al sacrificio, operò in primo luogo, in maniera benefica, nei monasteri cappuccini della provincia romana. In una biografia del venerabile servo di Dio Francesco da Bergamo si legge letteralmente:

“Dal marzo 1624 fino alla sua morte, avvenuta il 2 ottobre 1626, ebbe il dono di una familiarità quasi miracolosa con i santi, la cui musica ascoltava spesso, come lui esplicitamente confermava.”

Il vescovo Federico Forner, nonostante i riferimenti ai miracoli e eventi soprannaturali nella vita dei santi e della chiesa in genere, di sicuro non fu un uomo credulone o addirittura superstizioso, altrimenti non avrebbe preso fermamente posizione in una delle sue opere contro la superstizione.

Il vescovo Forner morì grandemente benemerito per la fede cattolica a Bamberga il 5 dicembre 1630.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.