Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

11 cose da sapere sulla vita degli angeli

ANGEL
Public Domain
Condividi

Restano identici, esercitano il potere con la loro volontà, prendono decisioni e non tornano mai indietro. Sono tante le curiosità poco conosciute sull’azione degli spiriti celesti

  1. Gli Angeli hanno un inizio, ma essi non possono perire; restano perpetuamente identici a se stessi.

Gli spiriti, tutto come la materia, sono stati creati dal nulla dall’onnipotenza di Dio; essi non sono più una parte della Sostanza divina come non lo è una pietra od un albero, ma essi rassomigliano alla Sostanza divina in modo molto più perfetta, di modo che, in paragone, si può chiamarli divini, per quanto la rassomiglianza di Dio è in essi in una maniera con cui essa non si ritrova altrove nella creazione. Noi non sappiamo se tutti gli spiriti attualmente esistenti sono stati creati allo stesso momento o se si sono avute diverse creazioni. Ma nessuno spirito finito può crearne un altro, ed è più conforme al pensiero cattolico dire che Dio ha creato tutti gli Angeli assieme.

La distanza che separa il momento presente dalla creazione del mondo degli spiriti non è evidentemente calcolabile con delle misure qualsiasi di tempo. La sostanza spirituale, una volta prodotta da Dio, non può decadere, essa può agire male, sia con l’intelligenza che con la volontà, ma sempre rimane una sostanza perfetta; essa non cambia in quello che le è essenziale, non si deteriora nella sua natura. Noi possiamo appena dire ch’essa è immortale, poiché la parola immortalità non rende esattamente il senso di quella permanenza; uno spirito è semplicemente inalterabile, i suoi cambiamenti non sono che dei cambiamenti di pensiero o di volere.

Posągi aniołów na tle nieba
  1. Gli Angeli non sono sottomessi alle leggi del tempo, ma essi hanno una misura di durata che è loro propria.

Il cardinale Newman ha molto graziosamente tradotto questo nel suo Sogno di Geronte.

Poiché gli spiriti e gli uomini con delle misure differenti contano

Il meno ed il più, nel corso del tempo.

Col sole e la luna, leggi primitive,

Con le stelle che si levano e calano armoniosamente.

Col ritorno delle stagioni, ed il bilanciamento

Da una parte e poi dall’altra, della stecca del pendolo

Preciso e puntuale, gli uomini dividono le ore.

Uguali, continue, per il loro comune uso.

Non va così presso di noi, nel mondo immateriale:

Ma gli intervalli nella loro successione

Sono unicamente misurati col pensiero vivente,

E crescono o diminuiscono con la sua intensità.

Ed il tempo non è una proprietà comune;

Ma quello che è lungo è corto, quello che è rapido è lento,

Quello che è vicino è lontano, secondo il modo con cui è ricevuto e colto

Da quello spirito o da talaltro, ed ognuno

E’ il regolatore della sua propria tecnologia

E la memoria manca dei suoi punti di riferimento naturali

Che sono gli anni, i secoli ed i periodi.

Newman ha reso in questo linguaggio splendido quello che la teologia scolastica ci presenta in una maniera tutta tecnica. Benché gli Angeli esistono per sempre, noi non diciamo che essi sono eterni. L’eternità è la misura dell’esistenza di Dio; essa implica la negazione non solamente di fine, ma anche di inizio; essa implica inoltre l’immutabilità da tutti i punti di vista, anche l’immutabilità dell’intelligenza e della volontà; questa immutabilità, che è precisamente l’eternità, non appartiene che a Dio solo.

ANGEL
Shutterstock | Danussa
  1. Gli Angeli sono assolutamente al di sopra dello spazio, senza mai poter essere sottomessi alle sue leggi.

La nostra ragione acquisisce in questa tesi più volentieri della nostra immaginazione. La ragione ci dice che uno spirito, con la definizione stessa della sua natura, non ha nella sua composizione nulla che possa rapportarsi allo spazio. Non si può attribuire allo spirito il movimento in senso corporale, meccanico, del termine. Essi agiscono, essi esercitano un potere sulle cose materiali, sia dal punto di vista dell’universo, sia in un altro; queste azioni od influenze sono successive e non simultanee, comunque non si può dire che uno spirito si è spostato od ha volato da un posto ad un altro, egli ha semplicemente esercitato due differenti atti della sua potenza su degli oggetti che sono lontani l’uno dall’altro.

  1. Gli Angeli esercitano il loro potere sul mondo materiale direttamente con la volontà.

La potenza di volontà degli Angeli è non solamente immanente, essa è anche esecutiva; può cambiare le cose dell’universo materiale sia per contatto diretto, sia per influenza. Gli spiriti possono fare delle meraviglie o dei prodigi servendosi per questo delle forze della natura e comunque nel senso proprio della parola, quali il risuscitare dei morti: questo esige la potenza divina.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni