Aleteia
mercoledì 21 Ottobre |
Santa Maria Bertilla Boscardin
For Her

Nonno Domenico prende la licenza media a 83 anni: così i nipoti sono fieri di me

DOMENICO DI BARTOLOMEO

Youtube

La classe di Domenico di Bartolomeo del Cpia1 Corato (Bari)

Paola Belletti - pubblicato il 21/06/19

In questi giorni tutti dopo "la notte prima degli esami" sono tante le storie particolari da raccontare: questa di nonno Domenico spicca per semplicità e positività.

Si sa che nonni e nipoti hanno un legame spesso magico, capace di sprigionare energie insospettabili nei più anziani e fornire ai più giovani una carica abbondante di amore gratuito e accoglienza incondizionata essenziale per la grande traversata della vita. Sarà stato una sorta di “dai nonno, siamo sicuri che puoi farcela” ha dargli la spinta decisiva?




Leggi anche:
Nonne smart per non perdere di vista i nipoti

Nonno Domenico, intervistato per Repubblica, spiega così il suo traguardo eccezionale solo apparentemente fuori tempo massimo:

Capita la sera che leggiamo insieme delle storie – il sorriso di Domenico è intimidito dall’intervista inaspettata – E mi piace l’idea che ora siano orgogliosi di me e dei miei miglioramenti. (Repubblica)

L’ottuagenario signor Di Bartolomeo si ricorda della sua ultima volta tra i banchi di scuola quando al posto delle biro si usavano ancora la penna e il calamaio e in un banco ci si stringeva in quattro.

Ha iniziato a studiare quasi per curiosità e per il disagio che ha confessato di provare pensando di sprecare il suo tempo a giocare a carte al bar. Che meraviglia l’uomo, con quella sua inestirpabile insoddisfazione, quella sua irriducibile inquietudine che resta come il ronzio di fondo dell’universo, eco del nostro personale Big Bang! Una delle prove più a portata di mano, questa, per ricordarci che siamo grandi, fatti per non accontentarci, capaci di imprese eroiche anche quando sembrano normali. In fondo questo anziano signore ha “solo” preso la licenza media!

La prof di lettere di Domenico e dei suoi variegati compagni di avventura si chiama Maria Pansini e insegna tutti i pomeriggi al Cpia 1 di Corato, Bari.

 Nella scuola statale che garantisce a cittadini italiani e stranieri servizi e attività per l’educazione in età adulta, Domenico ha studiato italiano, matematica, scienze, francese e tecnologia, tutti i pomeriggi per un anno, dal lunedì al venerdì.

E’ un percorso scolastico pensato per chi è rimasto indietro per motivi diversi, per chi si è trovato con meno possibilità degli altri: immigrazione, abbandono scolastico, diverse forme di povertà. Così la classe “licenziatasi” qualche giorno fa è bella variopinta:

Domenico è circondato dai colori di tutto il mondo. “Il primo della classe è Pepejean, uno studente universitario scappato dalla Costa d’Avorio – racconta la prof Maria Pansini. C’è una signora che è tornata a Corato dal Venezuela dopo i recenti disordini. E ancora, c’è Eduard che sa scrivere con ironia, c’è Aldo che ha 17 anni e ha scritto un tema simpatico descrivendo sua madre e Arcangela che ha scritto una toccante lettera a suo nonno che non c’è più. Ci sono Anna, Mario, Savino, Maria e Filippo che da genitori si sono messi in gioco ad una età non semplice per tornare tra i banchi di scuola. Donason e Abdul se la sono cavata con un italiano ancora incerto ma con l’impegno di chi vuole migliorare, Vincenzo è venuto a scuola con le mani screpolate dal duro lavoro in campagna, Tommaso arrivava dopo il turno in fabbrica, Giuseppe e Raffaele ora sperano in un lavoro migliore, più stabile. (Rep)
DIRTY HANDS
Di Ralf Geithe - Shutterstock

Parla con un certo bel piglio quando viene interpellato come “capo” della squadra dei licenziandi. Dice che ha voluto iscriversi per imparare sempre di più rispetto a quello che attualmente sapeva. “Quindi magari adesso sono avanzato di livello (…ride), nell’anzianità c’è sempre da imparare.” (video Rep)

Vorrebbe addirittura proseguire e il fatto di non poterlo fare, ma chi lo sa?, gli causa un certo rammarico.

Aggiunge che si è trovato bene con tutti, che c’erano con lui anche diversi ragazzi di colore e che erano brave persone, come ce ne sono di meno brave. Una constatazione ineccepibile, per quanto può testimoniare lui dalla sua diretta e circoscritta esperienza. Nulla a che vedere con la complessità dei problemi che lo sfruttamento dell’immigrazione e i rischi ad essa correlati (tutti di non poco conto) comporta.

In questo desiderio di riscatto, di miglioramento continuo, di elevazione da condizioni di disagio siamo veramente tutti affratellati, basta che ci si trovi in condizioni sufficientemente stringenti!

In questa tornata estiva di esami di fine ciclo, allora, siamo contenti di mandare le nostre congratulazioni a tutti gli studenti affaticati sulle sudate carte (o gli umidi schermi!) e a quelli tra loro più audaci e insoliti. Bravo nonno Domenico, alla prossima avventura!


UNGARETTI, BARTALI, MATURITA

Leggi anche:
E tra i temi di maturità spunta fuori la domanda: “Cos’è Dio?”

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
integrazionenipotinonniscuola
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
DISNEY, CARTOONS
Annalisa Teggi
Arriva il bollino rosso per Dumbo, gli Aristo...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
EUCHARIST
Philip Kosloski
Questa Ostia eucaristica è stata filmata ment...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni