Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Nonne smart per non perdere di vista i nipoti

Condividi

La loro passione è per la vera ultima generazione!

di Emanuele Fant

I nonni maschi non sono un problema. Loro, se gli regali un cellulare, lo dimenticano nel vano portaoggetti della macchina, in attesa di una emergenza che, a loro dire, difficilmente si potrà verificare.

L’esemplare su cui la scienza concentra oggi i suoi interrogativi è quello femminile, la “tecno-nonna”, detta pure “anziana che ha scoperto il computer e il cellulare”.

Non è nativa-digitale, è l’unica a utilizzare con tenace ostinazione la funzione “Serve aiuto?” del computer.

Come i bambini quando imparano a disegnare, descrive minuziosamente, a voce alta, tutti i passaggi che compie per accedere a una applicazione (“Adesso vado su Start”, “Adesso clicco due volte per aprire la pagina”).

La tecno-nonna si crea un profilo Facebook, ottiene l’amicizia dei nipotini adolescenti, e poi commenta le loro foto al mare ricordando quanto fossero più carini quando lei li portava per un mese in Liguria ai tempi della scuola elementare. Minando la loro credibilità sociale.

La tecno-nonna è convinta che il navigatore satellitare lavori al soldo dei benzinai per allungare gli itinerari degli inconsapevoli viaggiatori. Quindi lo insulta, e gli chiede le ragioni di ogni svolta.

La tecno-nonna, naturalmente, non sa l’inglese, perciò vive con impotente frustrazione la comparsa sullo schermo di ogni avviso o proposta commerciale scritti nell’ingannevole idioma della perfida Albione.

La tecno-nonna possiede cellulari con tecnologie avanzatissime, ma si accontenta di usare la funzione “chiama”. Quando, grazie a un parente compiacente, riesce a installare Whatsapp, lo usa per aderire a gruppi parrocchiali dove circolano immagini di albe sul mare con la scritta “Buona giornata”.

Cara tecno-nonna, sappiamo che la tua commovente ostinazione non è altro che timore di perdere i contatti con chi ti vuole bene. Se hai voglia di parlare, ci accontentiamo di un invito a cena per testare ancora una volta la tua parmigiana di melanzane. Trovi la finestra aperta, mandalo pure col piccione viaggiatore.

 

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni