Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 02 Febbraio |
Presentazione del Signore e Purificazione della Vergine
Aleteia logo
Arte e Viaggi
separateurCreated with Sketch.

5 fatti sorprendenti sulla chiesa della Sagrada Familia di Barcellona

Sagrada Familia

Mapics I Shutterstock

V. M. Traverso - pubblicato il 19/06/19

Il capolavoro di Gaudí ha ottenuto finalmente il permesso di costruzione, ma le lentezze burocratiche non sono l'unico fatto interessante sul tempio

Venerdì scorso, Barcellona ha dato finalmente il via libera alla costruzione del capolavoro architettonico di Antoni Gaudí, la Sagrada Familia. Il permesso di costruzione era stato richiesto nel 1885, ma le autorità hanno impiegato ben 137 anni per decidere. Nel frattempo, i lavori erano iniziati ma non sono mai stati completati, perché Gaudí, devoto cattolico, morì investito da un tram nel 1926.

Ora le squadre di architetti che lavorano per completare il suo progetto pensano che la cattedrale potrebbe essere terminata nel 2026, un secolo dopo la morte del grande architetto. Gli ostacoli burocratici non sono l’unico aspetto curioso relativo a questa chiesa. Ecco cinque fatti sorprendenti su una delle cattedrali più belle del mondo.

1. Durante la Guerra Civile spagnola è stata quasi distrutta

Quando è scoppiata la Guerra Civile spagnola nel 1936, un gruppo di anarchici occupò quella che era una prima versione della Sagrada Familia. Diede fuoco alla cripta e distrusse la maggior parte delle planimetrie, dei disegni e dei modelli di Gaudí. I ricercatori lavorarono per 16 anni per riassemblare i documenti perduti raccogliendo i frammenti rimasti.

SAGRADA FAMILIA
Templo Expiatorio de la Sagrada Familia|Wikipedia|CC BY-SA 3.0

2. Le pietre sono state prese dal colle del Montjuïc

Il color sabbia della Sagrada Familia è stato ottenuto usando arenaria del Montjuïc, una collina dove il genio spagnolo costruì il suo famoso Parc Güell. Gaudí scelse questo tipo particolare di arenaria sia per la sua durata – la maggior parte dei granelli sono fatti di quarzo – che per la variabilità cromatica, viste le sfumature di grigio, rosa, marrone e perfino blu.

SAGRADA FAMILIA
Joseolgon|Wikimedia|CC BY-SA 4.0




Leggi anche:
Perché Gaudí ha messo animali e mostri accanto agli angeli?

3. È stata consacrata solo nel 2010

La chiesa è rimasta sconsacrata per anni e non è stata completata, ma nel 2010 Papa Benedetto XVI l’ha riconosciuta come basilica durante una cerimonia che ha attirato 6.500 persone. “Che questa fede trovi nuovo vigore in questo continente, e si trasformi in fonte di ispirazione”, ha detto alla fine della sua visita.

SAGRADA FAMILIA
Sagrada Família (oficial)|Wikimedia|CC BY-SA 3.0

4. Gaudí è sepolto qui

Poco dopo la sua morte in un incidente di tram nel 1926, Gaudí venne sepolto in una cripta murata all’interno della cappella della Vergine del Carmen, nei sotterranei della Sagrada Familia. Gli architetti progettano di terminare la costruzione nel 2026, per il 100° anniversario della sua morte.

GAUDI TOMB; SAGRADA FAMILIA
Public Domain




Leggi anche:
Ecco come sarà la Sagrada Familia di Barcellona nel 2026

5. Il permesso di costruzione è il più costoso mai registrato a Barcellona

La Fondazione Sagrada Familia, un ente no-profit, ha pagato alla città di Barcellona 4,5 milioni di euro per ottenere il permesso di costruzione necessario a completare la chiesa. È il prezzo più alto mai registrato dalla città per un permesso del genere.

Sagrada_Familia_01
Tags:
sagrada familia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni