Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Ashley Judd ringrazia per l’aborto: così non devo essere genitore con il mio stupratore

ASHLEY JUDD 2012
Ashley Judd nel 2012
Condividi

Così l’attrice Ashley Judd spiega la sua opposizione alla proposta, che due giorni fa è diventata legge dello Stato della Georgia, di vietare l’aborto non appena sia percepibile il battito cardiaco del feto. Ma come può il male scacciare altro male?

Ashley Judd è discretamente nota come attrice e testimonial della bellezza femminile. Ora anche come alfiere della bandiera a difesa dell’aborto: non solo come diritto non negoziabile, ma come vero e proprio atto di liberazione da un male intollerabile. Quale? Non la vita del bambino, ma la “genitorialità” condivisa con lo stupratore (niente di personale, insomma, caro bambino. E la tragedia, infatti, sta tutta lì). Lo ha annunciato dai microfoni del Women in the World summit di New York giovedì 11 aprile.

Non è un male anche questo, di ritrovarsi ad avere meno fantasia, sospinti da una cultura che ripete ossessivamente sempre la stessa cosa, ridotti ad immaginarsi poche soluzioni e alla fine una sola? Punire lo stupratore uccidendo il figlio. Non c’erano davvero altre possibilità, cara Ahsley? Nessuno ha ascoltato sul serio il tuo dolore e accolto le tue paure?

Ecco cosa fa l’aborto, oltre ad uccidere. Ci fa pensare male e meno. Così fa l’aborto spacciato come esercizio di un diritto che invece non esiste; così funziona di fatto “l’aborto percepito” se restiamo nel mondo del sentire, del vissuto, del benessere inseguito freneticamente, della fuga dal dolore. E l’assenza di dolore è il minimo sindacale che deve essere garantito. Illusione nemmeno troppo pia, unita alla negazione corale di una realtà grande come una casa, vecchia come il mondo: quel bambino, a lasciarlo stare, nascerebbe e finirebbe per mostrarsi per quel che è sempre stato, un essere umano identico a noi – mi viene sempre più il sospetto che uccidere i bimbi sia il marcatore spirituale di un odio a noi stessi, non nostro ma satanico.

Leggi anche: Lo scandalo Planned Parenthood: la prova che gli abortisti in fondo la pensano come i pro-life

E non è per l’appunto il male maggiore, questo di vedersi la mente rattrappita. Quelli più grandi sono altri due, sono le due morti. La morte immediata del bambino concepito e quella differita, come spiega genialmente la dottoressa Silvana de Mari, della madre. E da quelle morti non si esce vivi, se non con il perdono (quello vero, di Cristo. Non altri).

Attrice di discreto successo, tra le prime a denunciare gli abusi di Weinstein

Ashley Judd è una bellissima donna, un volto femminile hollywoodiano dai tratti quasi europei. L’ho pensato di primo acchito ma ora che ho letto la sua biografia scopro che il padre ha origini siciliane e che da giovanissima ha vissuto per un semestre universitario in Francia. Sembra averne importato lo charme. A dire il vero è passata anche per il regno del Sol Levante, tentando di sfondare nel mondo della moda, senza successo. I ruoli che le sono valsi la notorietà sono soprattutto quelli ricoperti in pellicole thriller. Da Wikipedia:

Dalla fine degli anni novanta, la Judd ha mostrato di avere successo come attrice protagonista, dopo i successi ottenuti con diversi thriller tra cui Il collezionista del 1997 e Colpevole d’innocenza del 1999. Altre sue pellicole come Qualcuno come te ed High Crimes, ricevettero critiche non entusiaste e scarsi incassi al botteghino nonostante abbia ricevuto i complimenti per la sua performance nella biografia di Cole Porter nel film De-Lovely ricevendo una nomination al Golden Globe per la migliore attrice in un film commedia o musicale, e il suo collega sul set, Kevin Kline come miglior attore.

Più recente e noto al grande pubblico la trasposizione cinematografica del best seller Divergent, primo capitolo di una saga distopica che piace tanto alla categoria young adult.

Ha subito tre stupri: merita tutta la nostra comprensione. Ma il bambino?

Non ha mai fatto mistero di essere stata vittima di violenza, ha infatti già raccontato in altre occasioni di avere subito stupri: addirittura tre. Come non darle atto di grande coraggio per questa sua testimonianza? E di avere dato con essa la forza ad altre vittime di denunciare o almeno di chiedere aiuto, di condividere con altri il peso di una tale prova? Chi lo sa.

Non ho esperienza diretta, grazie a Dio, di cosa significhi per una donna patire una violenza di questo tipo. Posso solo immedesimarmi, provando ad assumere in me l’umiliazione di essere così violate, di vedere il proprio corpo trasformato in oggetto e la propria anima, l’animo almeno, ridotto a straccio muto. Posso solo figurarmi nella mente gli esiti fisici e psichici di una brutalità tanto odiosa. Non esistono violenze gradevoli, certo, ma esiste una scala di gravità. E questo tipo di sopruso è gravissimo, tremendo e vigliacco.

Che dolore tuttavia pensare che abbia aggiunto alla sua vita e alla sua anima un peso ancora più grande di quello che le era stato imposto. Che colpa ha una persona che subisce uno stupro? Nessuna. NESSUNA. Ma chi invece volontariamente, ingannandosi, toglie la vita al figlio innocente che ha in gestazione? Ne ha eccome (con chissà quante attenuanti, questo lo sa Dio). Ne ha anche chi l’ha lasciata sola, chi ha taciuto, chi invece ha parlato ingannandola, illudendola che fosse una decisione che era suo diritto prendere. Ecco le sue parole:

“Come saprete tutti, dato che non l’ho mai nascosto, sono stata stuprata tre volte. In una delle tre occasioni sono rimasta incinta”, ha detto alla moderatrice dell’incontro, Katie Couric. “Per questo sono molto grata per aver avuto la possibilità di abortire in modo sicuro e legale. Perché il mio stupratore avrebbe avuto il diritto ad essere padre di quel bambino sia in Kentucky, dove lui vive, sia in Tennessee, dove vivo io. E così avrei dovuto avere come co-genitore del bambino la persona che mi aveva violentata“. “Per questo motivo avere la possibilità di abortire in maniera sicura è stato molto importante per me e, come ho già detto, la democrazia nasce sulla nostra pelle”, ha aggiunto l’attrice. “Non dovrebbero esserci regole imposte su ciò che si vuole fare con il proprio corpo”.

Leggi anche: Rebecca, concepita da uno stupro: meritavo di morire per le colpe di mio padre?

(Huffington)

L’adulto e la sua immaginazione al centro di tutto

In questa dichiarazione il solito armamentario di argomenti. Quelli che parlano della donna come padrona del proprio corpo e ignorano il bambino come soggetto. E così, la donna che crede di essere libera, si trova totalmente preda di sé stessa e sola. Semplicemente accudita e maneggiata il tempo necessario per separare il suo corpo da quello del figlio. E il bambino, da soggetto di pari valore come continua ostinatamente ad essere ad onta del nostro progresso, è ormai totalmente ridotto ad oggetto. Sembra una casa in multiproprietà  nella quale però non ci va più di passare la prima settimana di giugno, come gli altri anni; gli amici di un tempo sono diventati antipatici. Certo, avere a che fare con il proprio stupratore non è cosa che si possa desiderare, rendere piacevole, accogliere come opzione equivalente ad altre. Eppure, quante altre possibilità avrebbe potuto percorrere Ashley Judd e ritrovarsi ora con meno pubblico davanti ma più felice e in pace!

Leggi anche: Claudia Cardinale: a 16 anni venni stuprata, ma da quella violenza nacque il mio Patrick

Quello che l’ha convinta a farsi praticare un aborto è stato il pensiero terribile di condividere “la genitorialità” con una persona così.

Diritti, percezioni, vissuti. Tutto intorno ai desiderata sempre più contorti di adulti mai cresciuti. Ma più che con Ashley, che ha alle spalle tre violenze, tre!, e il peso di un aborto di cui si vanta (quante lacrime dovrà versare, le auguro di cuore di averne il tempo. Davvero!), meritano la nostra indignazione e la nostra intelligente opposizione tutti coloro che hanno costruito i fondamenti di questa cattedrale all’umanità desertificata.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.