Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il commovente ballo di un bambino afghano appena ricevuta la sua protesi nuova! (VIDEO)

Condividi

La felicità in una gamba artificiale: un paradosso per chi della guerra sente solo parlare

La Croce Rossa Internazionale ha postato sui social media il video di un bambino afghano di cinque anni che balla felice per aver ricevuto finalmente la tanto attesa gamba artificiale che gli ha ridato la possibilità di muoversi “normalmente”. La scena in cui si vede Ahmad Rahman fare passi di danza contento di mostrarsi a tutti con la sua protesi nuova di zecca è stata ripresa con il cellulare da una delle fisioterapiste dell’ospedale gestito da Alberto Cairo (Corriere.it), l’italiano che da anni si occupa in Afghanistan di quanti hanno perso arti per cause belliche, fra cui i tanti bambini che giocando hanno messo un piede su una mina o sono stati raggiunti da una pallottola o dalle schegge di una bomba.

Più di 10.000 afghani hanno ricevuto arti artificiali negli ultimi 30 anni

Secondo i dati della Croce Rossa oltre 100.000 afghani (Ibidem), di cui uno su dieci sono bambini, hanno ricevuto negli ultimi trent’anni arti artificiali nell’ospedale specializzato di Kabul, e negli altri cinque centri aperti nel Paese sotto la supervisione del dott. Cairo, e precisamente a Mazar, Herat, Jalalabad, Gultbahar e Faizabad. Quello che viene chiamato il “Progetto Ortopedico” impiega circa 600 persone secondo la logica della “discriminazione positiva” (lnx.campagnamine.org): disabili che riabilitano disabili, cioè ex pazienti formati ed assunti per qualsiasi funzione necessaria all’ospedale. Come spiega il dott. Cairo, si tratta di una decisione assolutamente logica:

“Avere personale dedicato, che conosce i problemi e le esigenze dei disabili è una fonte di motivazione e di speranza per tutti, me compreso” (Ibidem).

Le liste di attesa per le protesi

Nella lista di attesa per ricevere una protesi ci sono altri 60.000 pazienti: purtroppo vedere persone con gambe e braccia artificiali nelle strade di questo Paese è diventato tragicamente “normale”.

“Ma quando vedi un bambino con una gamba artificiale che balla felice, naturalmente ti colpisce il cuore, sono lieto – commenta il dott. Cairo – che il filmato circoli sul web e che tutti sappiano” (Corriere).

Afghanistan: 4.000 civili feriti o uccisi da esplosivi nel 2018

Sapere per esempio che, come scrive la Croce Rossa Internazionale:

“Più di 4.000 civili sono stati uccisi o feriti da esplosivi in Afghanistan l’anno scorso. Più di un terzo in più del 2017 e il numero più alto dal 2010” (Messaggero.it).

La gratitudine di Ahmad!

Il video di Ahmad è stato ricondiviso su Facebook anche da Samar Minallah, documentarista ed attivista per i diritti umani del Pakistan, che ha scritto:

“Mentre in molti credono di essere intrinsecamente meritevoli di privilegi e trattamenti speciali, ecco qui la reazione di Ahmad quando ha ricevuto un arto artificiale dopo aver perso una gamba a causa dell’esplosione di una mina. Esprime pura gratitudine attraverso il suo adorabile ‘Attan’” (Ibidem).

Attan è il ballo popolare dell’etnia Pashtun, oggi considerata la danza nazionale dell’Afghanistan.

La luce nello sguardo di Ahmad, il suo sorriso splendente sembra dire, citando un verso di Nazim Hikmet, “Dio sia lodato sono vivo!”.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.