Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

La scarpa che “cresce” insieme ai piedi. Una benedizione per i bambini più poveri!

POVERTY
By africa924 | Shutterstock
Condividi

Grazie all’idea di Kenton Lee è nata The Shoe that Grows, la calzatura che cresce e si allunga di 5 misure

I piedi sono così importanti, Erri De Luca ha composto un elogio per esaltarne le qualità e la potenza. Una poesia splendida che sottolinea come siano il nostro primo mezzo di trasporto, le nostre basi solide che ci fanno stare, andare, tornare.

Perché reggono l’intero peso.
Perché sanno tenersi su appoggi e appigli minimi.
Perché sanno correre sugli scogli e neanche i cavalli lo sanno fare.
Perché portano via.
Perché sono la parte più prigioniera di un corpo incarcerato. E chi esce dopo molti anni deve imparare di nuovo a camminare in linea retta.
Perché sanno saltare, e non è colpa loro se più in alto nello scheletro non ci sono ali.
Perché sanno piantarsi nel mezzo delle strade come muli e fare una siepe davanti al cancello di una fabbrica.
Perché sanno giocare con la palla e sanno nuotare.
Perché per qualche popolo pratico erano unità di misura.
Perché quelli di donna facevano friggere i versi di Pushkin.
Perché gli antichi li amavano e per prima cura di ospitalità li lavavano al viandante.
Perché sanno pregare dondolandosi davanti a un muro o ripiegati indietro da un inginocchiatoio.
Perché mai capirò come fanno a correre contando su un appoggio solo.
Perché sono allegri e sanno ballare il meraviglioso tango, il croccante tip-tap, la ruffiana tarantella.
Perché non sanno accusare e non impugnano armi.
Perché sono stati crocefissi.
Perché anche quando si vorrebbe assestarli nel sedere di qualcuno, viene scrupolo che il bersaglio non meriti l’appoggio.
Perché, come le capre, amano il sale.
Perché non hanno fretta di nascere, però poi quando arriva il punto di morire scalciano in nome del corpo contro la morte.

I piedi dei più piccoli crescono velocemente, i genitori lo sanno bene, e spesso vediamo nei documentari in tv bambini africani che corrono con le scarpe rotte, suole troppo piccole per contenere la vita che aumenta.

La scarpa che si allunga

L’americano Kenton Lee ha pensato proprio a quei piedi, proprio a quei bambini, avendoli incontrati con i suoi occhi a Nairobi dove ha vissuto e lavorato in un orfanotrofio dopo il conseguimento della laurea. Grazie alla sua splendida idea è nata la scarpa che cresce e si allunga di cinque misure e che può durare cinque anni: The Shoe that Grows. Una calzatura che aumenta di taglia man mano che i bambini crescono. (Repubblica.it)

Leggi anche: Oltre mezzo miliardo di bambini “invisibili”

Ha la forma di un sandalo

Infatti una volta rientrato negli Usa, in Idaho, si è messo con entusiasmo a lavorare insieme ad un gruppo di amici per realizzare i primi modelli. È nata così una calzatura comoda, bella, adattabile, ecocompatibile. Si conforma al piede del bambino allargandosi ai lati e allungandosi davanti e dietro. È flessibile, resistente, facile da indossare ed ha la forma di un sandalo. Ci sono due modelli: uno per i primi anni di vita del bambino e l’altro per i più grandi che arriva fino ai 10 anni. Sul sito ufficiale si possono acquistare e donare al prezzo di 15 dollari, meno di 13 euro.

Nel mondo più di 1,5 miliardi di persone soffrono di malattie trasmesse dal suolo

La calzatura rappresenta un aiuto concreto per le famiglie in difficoltà nei paesi più poveri del mondo, un’innovazione utilissima per permettere ai più piccoli di correre sicuri senza rischiare infezioni.

“Sono oltre 1,5 miliardi le persone che soffrono di malattie trasmesse dal suolo, in tutto il mondo. Senza scarpe, i bambini sono particolarmente vulnerabili, si ammalano e perdono la scuola, non possono aiutare le loro famiglie e soffrono inutilmente. The Shoe that Grows può cambiare tutto questo” (Repubblica.it).

Il progetto di Lee ha avuto l’appoggio dell’ente benefico Because International che ha distribuito, fino ad oggi, oltre 180.000 paia di scarpe in 100 paesi.

Una scarpa che cambia la vita

Per far conoscere il più possibile il progetto è stata da poco lanciata una versione commerciale delle scarpe, su Kickstarter (Ibidem). Per ogni paio ordinato, un altro paio andrà in dono a un bambino povero. “Vogliamo distribuire il maggior numero possibile di scarpe che cambiano la vita ai bambini di tutto il mondo e questo ci ha convinto che mettendo i nostri sandali a disposizione di tutti, potremmo sostenere maggiormente questa missione” (Ibidem), hanno affermato gli ideatori. Per questo è stato lanciato il marchio GroFive e il primo prodotto sul mercato Usa, Expandals che, come The Shoe that Grows, cambia dimensione.

Leggi anche: Senza Dio siamo troppo poveri per aiutare i poveri

Chissà quanti piedi correranno liberi sia da calzature troppo strette, che dalle preoccupazioni economiche per dover acquistare nuove paia più grandi, protetti da queste scarpe un po’ magiche!

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.