Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Mattia, ultimo di 9 figli, è il preferito di tutti. Perché Dio aveva voglia di sorprenderci!

Condividi

La toccante testimonianza della figlia maggiore, Sara, che racconta l'arrivo del fratellino più piccolo, affetto da sindrome di Down. Dopo la paura, un uragano di gioia e forza ha investito tutti!

Carissimi, (…) abbiamo la gioia di presentarvi la testimonianza di Sara Irde, Figlia di Andrea a Paola, primogenita di 9 figli.

Una storia comune perché è una storia fuori dalle righe. Una storia bella perché questa famiglia se è lasciata stupire da Dio. E il Signore non delude le nostre attese più profonde.

Buona lettura.

di Sara Irde

“Quando pensi che la vita ti abbia dato tutto, e che il tuo piccolo mondo sia perfetto così, a volte Dio trova modi incredibili per stravolgerlo…
Fino al 13 giugno 2017 la famiglia Irde era già abbastanza caotica e chiassosa così com’era, ma tutti sapevano che di lì a poco sarebbe arrivato un altro uragano, un quinto maschietto che avrebbe fatto vincere la squadra blu 5 a 4 contro la squadra rosa delle femmine. Io sono la prima delle ragazze, e anche la più grande, e di vedere questo diavoletto non vedevo l’ora.

Quando il momento è arrivato non stavo più nella pelle. In poche ore sono corsa a vedere il mio nuovo “fratellino/figlioletto”, perché in una grande famiglia funziona così, se sei il maggiore alla fine diventi una piccola mamma per tutti.
Sono volata fino in ospedale ma non avevo idea di cosa avrei scoperto.

Mi accoglie il mio papà un po’ in lacrime, e questo già mi lascia perplessa perché “babbo Andrea” non piange quasi mai, e mi dice che il mio fratellino è un po’ speciale….
In quel momento il mio mondo si è fermato per un attimo, e non potevo non sperare che fosse uno scherzo o che non intendesse proprio quello che credevo.
E invece era così, il mio piccolo Mattia era un bellissimo maschietto con la Sindrome di Down.

A casa la notizia è stata accolta in tanti modi diversi, e anche se era nato solo da poche ore Mattia aveva già sconvolto la giornata di tutti: dai più piccoli confusi e innocenti, ai più grandi un po’ preoccupati e perplessi, e forse anche amareggiati. Perché nessuno, quando la disabilità ti tocca in prima persona, può fingere di non desiderare nel profondo del cuore che non sia così , o di poter in qualche modo cambiare le cose, anche se ci si sente egoisti.
Credo che l’unico sentimento comune a tutti fosse la paura, paura di vederlo soffrire, di non essere capaci di aiutarlo e di proteggerlo, paura che fosse ‘solo’ perché ‘diverso’. Ma mentre queste paure punzecchiavano tutti, una persona che non immaginavo mi disse una cosa che mi tranquillizzò immediatamente. Mi disse che eravamo fortunati per la nascita di Mattia, e che lui ci avrebbe dato l’opportunità per crescere ed essere felici, per capire veramente la vita ed essere immuni da tutte le cose brutte e da tutte le paure, perché quello di cui prima avevamo paura sarebbe diventata la nostra più grande forza.

Il giorno dopo sono corsa di nuovo dal nostro piccolino, in terapia intensiva neonatale per alcuni problemi legati alla sua sindrome, volevo abbracciare la mia piccola roccia. La mia nuova forza.
Oggi, a dieci mesi da quel giorno, Mattia è il preferito di tutti, ma proprio tutti, familiari, vicini, amici, conoscenti; è un piccolo tornado talmente vivace che stupisce sempre tutti, non fa altro che sorridere e muoversi come una trottola, e io sono fiera del mio fratellino come non pensavo sarei mai stata.

Per la nostra famiglia Mattia è stato un fulmine a ciel sereno, nessuno se lo aspettava; ma è meraviglioso come un bambino così piccolo ci abbia insegnato così tanto: insegnato a capire, accettare, apprezzare la diversità, insegnato che alla fine non siamo noi a essere “normali” solo perché non abbiamo nessun problema; ma a volte queste persone “diverse” sono più felici e più serene di noi, che ci preoccupiamo di inutili norme sociali e non godiamo i bei momenti della nostra vita.

Soprattutto Mattia ci ha insegnato che Dio ha sempre un piano di riserva, anche quando sembra che il suo disegno sia già perfetto così, per sorprenderti e stupirti ancora.

Mattia, che significa “Dono di Dio” è il dono più grande che abbia mai ricevuto, e per la nostra famiglia è solo l’inizio di un lungo viaggio insieme a lui.”

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.