Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Prima “Voce del diavolo”, poi la setta, infine l’abbraccio a Dio in un eremo: addio frate rock!

© Biglietto Per l'Inferno
Condividi

Si è spento a 66 anni Claudio Canali, storico fondatore della rockband "Biglietto per l'inferno". Qui l'incredibile storia della sua conversione

Da giorni i confratelli dell’Eremo di Minucciano pregavano per lui. E non erano i soli. In tanti, tantissimi, appresa la notizia della malattia del religioso hanno intensamente sperato che quel piccolo grande uomo potesse farcela. Ma Claudio Canali, il frate rock non ce l’ha fatta.

Lo storico componente della band “Biglietto per l’inferno“, che, partendo da Lecco, ha letteralmente fatto la storia del rock progressivo italiano ha chiuso gli occhi per sempre nella tarda serata di ieri, intorno alle 23.30.

Da vocalist a rockstar

Classe 1952, la vicende della vita di Claudio disegnano una parabola del tutto atipica e singolare portandolo dalle luci della ribalta rock degli anni ‘70-‘80 all’intima solitudine monastica toscana. Era l’albeggiare degli anni ‘90 quando Claudio, affermato vocalist che dai “The gee” era passato ai “Biglietto per l’inferno”, decise di lasciare il suo biglietto canoro e convertirlo in uno di sola andata per l’eremo di Minucciano, passando per il santuario di San Martino a Valmadrera (Giornale di Lecco, 28 agosto).

Soprannominato “Voce del diavolo”

“Voce del diavolo” lo chiamava qualcuno, considerato il genere musicale e il nome della Band, ma fra Claudio spiegava qualche tempo fa ad Avvenire (28 gennaio 2018): «Molti all’inizio pensarono che fossimo una band satanica. Ancora adesso chi lo pensa non ha capito nulla. La scelta di quel nome era per dire noi ti facciamo sentire canzoni che raccontano l’inferno di questo mondo: il terrorismo, la droga, l’emarginazione, il carcere. Certo risentivamo del clima sessantottino dell’epoca ed era facile essere strumentalizzati. Ma non ho mai aderito a manifestazioni politiche, né tantomeno alle proteste».

Ai concerti arrivavano anche 10 mila persone e la band suonava con i migliori gruppi (Pfm, Area) e cantanti come Finardi, Battiato, Bennato.

Il viaggio in India

Fama e vita da rockstar. Eppure c’era qualcosa che non andava: «Arrivavo a casa la sera e stavo malissimo. Non ero felice. Né le droghe che ho sempre rifiutato, né le relazioni con le ragazze potevano riempire il mio vuoto: non erano amori puri. Avevo bisogno di un’amicizia vera. Quando ero da solo stavo male. Fu allora che mi fidai di uno che credevo mio amico e partii con lui per l’India. Ma in una delle feste a cui partecipammo misero probabilmente degli stupefacenti nel cibo e cominciai a star malissimo. Il mio compagno di viaggio fuggì. Mi ritrovai solo. Mi rubarono tutto e io stesso davo mance a tutti. Fui costretto a vendere anche la chitarra. Per tre mesi rimasi laggiù fino a quando l’ambasciata italiana mi rispedì a casa».

“Mi davano del matto..”

Ma fu allora che spuntò una nuova consapevolezza: «Quando rientrai mi prese un forte senso di colpa verso la mia famiglia e coloro che mi conoscevano. Andavo in giro e chiedevo scusa a tutti. Mi davano del matto: solo mia madre intuì che stava avvenendo un vero cambiamento in me. Ormai della band non volevo più saperne, nonostante la pressione dei compagni e anche di giornalisti stranieri».

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni