Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 15 Maggio |
San Mattia
home iconNews
line break icon

Minacce, fango, ricatti. Questa è la sorte che tocca ad un parroco che aiuta i migranti

youtube

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 16/08/18

Il caso di Don Massimo Biancalani che in provincia di Pistoia sta sperimentando un modello di accoglienza rivoluzionario. Eppure lo attaccano in tutti i modi. Perché questo clima?

Minacce, intimidazioni, persino colpi di pistola.Accade nella parrocchia di Don Massimo Biancalani— il prete che manda avanti un progetto d’accoglienza innovativo a Vicofaro, in provincia di Pistoia.

Qui i migranti lavorano, finanche come pizzaioli, si impegnano nel sociale, sono educati all’integrazione. Eppure questo modello “fa male”.

La tensione attorno a Vicofaro è cresciuta nel corso del tempo. Pochi mesi dopo l’episodio delle foto su facebook dei migranti che fanno il bagno in piscina, le gomme delle biciclette utilizzate dai ragazzi della struttura sono state tutte tranciate.

Sul profilo Facebook di don Biancalani si sono sommati i commenti irosi e violenti di moltissimi utenti, e alla parrocchia di Vicofaro hanno continuato ad arrivare mail e lettere di minacce e insulti.

Qualche settimana fa, infine due 13enni hanno sparato dei colpi a salve con una pistola scacciacani contro un migrante, Buba Ceesay, che si trovava fuori dalla parrocchia. Gridandogli “negro”. Una volta individuati, i due ragazzi hanno sostenuto che il movente non fosse razzista, e che si trattasse di un’innocua “goliardata”

Clima da guerriglia

Insomma questo è il clima che si registra intorno ad un parroco che prova ad accogliere e dare dignità a migranti, che sinora a Vicofaro si sono comportati sempre in modo corretto, eccezion fatta per una rissa nel centro d’accoglienza di Don Massimo.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
migrantiparroco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
chiara amirante,
Paola Belletti
Perché dobbiamo pregare per la guarigione di Chiara Amirante
2
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle parrocchie
3
Padre Henry Vargas Holguín
Quali peccati un sacerdote “comune” non può perdonare?
4
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
Gelsomino Del Guercio
Marino Bartoletti: mi sono affidato alla Madonna dopo la morte di...
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni