Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Qual è la soluzione che il Papa chiede per i rifugiati?

IMMIGRATION
Giannis Papanikos - Shutterstock
Condividi

L'ONU lavora per un Patto Mondiale: gli Stati membri dell'ONU saranno generosi e solidali con questi 68,5 milioni di persone?

Clicca qui per aprire la galleria fotografica

Il problema degli sfollati forzosi nel mondo è aumentato del 50% negli ultimi dieci anni secondo i dati dell’Alto Commissariato ONU per i Rifugiati (ACNUR), e oggi sono già 68,5 milioni.

Di questi, 25,4 milioni sono rifugiati, cifra che nel 2017 è arrivata a 2,9 milioni in relazione al 2016. A questi bisogna aggiungere 40 milioni di persone costrette a vivere sfollate, e 3,1 milioni che hanno fatto richiesta d’asilo.

Con le cifre menzionate in precedenza, risulta che nel 2017 circa 44.500 persone si sono viste costrette ogni giorno ad abbandonare la propria casa.

Le cifre in genere sono molto fredde, soprattutto quando si tratta di decine di milioni. Non bisogna mai dimenticare che dietro ogni persona c’è un dramma personale, ovvero che ci sono 68,5 milioni di drammi personali da risolvere che hanno bisogno della collaborazione di tutti i Paesi del mondo, di tutti i cittadini del mondo, perché si tratta di persone e non di merci. E non è un problema che interessa un unico continente, perché è davvero globale.

Per questo motivo, l’Alto Commissario ONU per i Rifugiati, Filippo Grandi, ha detto che solo un Patto Mondiale sui rifugiati e i migranti può risolvere o almeno alleviare tanta sofferenza umana, perché “nessuno diventa rifugiato per scelta, ma ciascuno di noi può scegliere come aiutare”.

Questo Patto Mondiale, che potrebbe essere approvato all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite dell’autunno prossimo, è sostenuto anche da Papa Francesco.

Cosa chiede il Papa per i rifugiati e gli sfollati? Ricordando la Giornata Mondiale per i Rifugiati ha detto: “Auspico che gli Stati coinvolti in questi processi raggiungano un’intesa per la protezione di chi è costretto a lasciare il proprio Paese”. Bisogna cercare tra tutti gli Stati un patto mondiale sulla questione per come si presenta attualmente e su un’immigrazione sicura, regolare e ordinata.

Il Pontefice ha anche segnalato l’importanza di prestare più attenzione a ciò che vivono spesso con grande ansia e sofferenza questi fratelli costretti a fuggire dalla propria terra a causa di conflitti e persecuzioni.

Chi sono i destinatari di questo Patto? Non sono numeri, ma persone… eccole:

Da dove vengono i rifugiati

Abbiamo detto in precedenza che i rifugiati e gli sfollati sono di tutti i continenti, ma il più alto numero di rifugiati è quello della Siria, con 6,3 milioni di persone sfollate a causa dei sette anni di guerra civile nel Paese. Sono il 14% in più rispetto all’anno precedente. Segue l’Afghanistan con 2,6 milioni (il 5% in più) e il Sud Sudan con 2,4 milioni, un milione in più che nel 2016.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.